i gialli di una volta… il Woody di sempre…

i gialli di una volta… il Woody di sempre…

 

 

…le piacevoli atmosfere di “Cena con delitto” e “Un giorno di pioggia a New York”…

 

mi piacciono i “gialli di una volta”, quelli con indizi e situazioni, anche divertenti, che si aggrovigliano come un gomitolo di lana catturato da un gatto e che, una volta dipanati, ti fanno dire: ”E’ vero…era così chiaro…”, fatto salvo il fatto di non aver colto manco un indizio in tempo reale…
insomma, quelli “tipo Agatha Christie”

adoro le atmosfere care a Woody Allen…
quelle che sanno raccontare, con il suo inconfondibile tratto leggero e delicato, il tormento dei sentimenti, delle delusioni, la consapevolezza dei propri fallimenti ed il turbinio emotivo di una giornata in cui tutto sembra programmato nel minimo dettaglio…
ma a trionfare, come spesso capita nei film di Woody Allen, è il caso, che fa sì che nulla vada come previsto, e non sempre questo si traduce in qualcosa di negativo…

il tutto sul consueto sfondo di New York, il cui fascino (qui con il valore aggiunto di Vittorio Storaro, direttore della fotografia), non viene minimamente intaccato né dalla giornata di incessante pioggia né dall’ineluttabile scorrere del tempo, simboleggiato dal curioso orologio di Central Park, quello il cui rintocco ogni ora è accompagnato da una banda di bizzarri animali suonatori di bronzo…

un film che Allen avrebbe potuto girare anche in bianco e nero…non ce ne saremmo accorti, con la sua eleganza avrebbe saputo dare percezione di colore a tutte le sfumature di grigio…

in entrambi i film non manca uno sguardo, anche divertente, alla classe sociale alto-borghese, alle prese con sempre più evidenti contraddizioni ed ipocrisie…

insomma, credo si sia capito: mi sono piaciuti… molto…entrambi…  

 


 


 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.