La bizzarra “democrazia” di quell’insopportabile trombone, il giornalista “costituzionalista”…

La bizzarra “democrazia” di quell’insopportabile trombone, il giornalista “costituzionalista”…

 

 

“cosa può essere un fatuo senza la sua presunzione?
Se togliete le ali ad una farfalla non rimane che un verme.”
(Nicolas Chamfort)

 

una quindicina di giorni fa ho avuto l’ardire di criticare l’ambiguo pre-titolo di un articolo postato sulla pagina Facebook di un’emittente televisiva.

Un pre-titolo con l’evidente finalità “acchiappa like”, utile per chi, e non sono pochi sui social, mette i likes fermandosi a titolo e pre titolo.
Il post ha subito un’infinità di commenti, di gran lunga più “pepati” della mia ironica “provocazione”.

L’autore dell’articolo, privatamente, tramite Messenger, ha replicato apostrofandomi in malo modo, insolente, con l’aggiunta di un pistolotto “debordante”, egoriferito, in cui ha elencato tutti i suoi titoli accademici, compresa una laurea in giurisprudenza con tesi su argomento costituzionalistico, ecc

ai suoi “complimenti” ho ovviamente replicato, in modo pungente, ironico, senza offese…

Beh, dopo un paio di altre “schermaglie”, in cui ho respinto, non avendone motivo, la sua richiesta di scuse, questo “buontempone” mi ha inviato un ultimo breve messaggio, sempre all’insegna della (sua) maleducazione e, senza attendere l’ulteriore mia replica, mi ha bannato…

Tutto in ambito strettamente privato.
E fin qui nessun problema, non mi ha tolto il sonno.

Non avevo mai interagito prima con lui su Fb, e dopo averlo “conosciuto” di certo non avrei avuto il benché minimo motivo di correre il rischio di aver a che fare di nuovo con le sue masturbazioni cerebrali

Ora però mi accorgo di non poter più interagire con la pagina ufficiale dell’emittente e, come si sa, a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca…

Può anche darsi che il giornalista “costituzionalista” non c’entri nulla, però il sospetto che ci sia il suo zampino mi pare più che legittimo…

Ora…posso vivere (e dormire) tranquillamente anche senza la possibilità di interagire con quell’emittente e le sue pagine social, ci mancherebbe…

però, quantomeno per una questione di principio, ho avuto la tentazione di scrivere all’editore, per chiedergli se, aldilà del coinvolgimento o meno del giornalista “costituzionalista”, bannare dalla pagina ufficiale chi ha l’ardire di muovere una critica faccia parte di una precisa strategia editoriale…

poi, riflettendoci bene, ho anche pensato che avrei corso il rischio (mai dire mai…) di far ottenere un premio fedeltà al giornalista “costituzionalista” da parte dell’editore…

ed il solo pensiero mi ha indotto a lasciar perdere…

mi limito quindi a rendere pubblico, per quanto privo delle generalità del “protagonista”, il racconto di questa paradossale esperienza…

e se qualcuno volesse farsi un’idea di come sia fatto questo insopportabile trombone, il fantomatico giornalista “costituzionalista”, beh, è molto semplice…

Valerio Aprea, a Propaganda Live, con il monologo “Io ti blocco”, ne ha fatto un perfetto ritratto…

 

 

(clicca sull’immagine per avviare il video)

 

 

(clicca per ingrandire)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.