Grazie Ringhio!!!

Grazie Ringhio!!!

 

Gattuso lascia la panchina del Milan, nonostante avesse ancora due anni di contratto.
Sarò anche un vecchio nostalgico, ma sono veramente dispiaciuto…

La sua esperienza sulla panchina del Milan non è stata per niente baciata dalla fortuna, e può essere racchiusa negli ultimi secondi delle due partite che hanno aperto e chiuso il suo percorso.

3 dicembre 2017: il Milan gioca a Benevento, contro la squadra ultima in classifica reduce da 14 sconfitte consecutive.
Il Milan è in 10 per l’espulsione di Romagnoli ma è avanti 2-1. A pochi secondi dal termine dei minuti di recupero, il Benevento conquista un corner, in area si presenta anche il portiere Brignoli che di testa acciuffa pareggio, primo punto in classifica e rovina l’esordio di Gattuso sulla panchina del “suo” Milan.

 

26 maggio 2019: il Milan vince a Ferrara, con la Spal, ma, con l’Atalanta già al sicuro (3-1 sul Sassuolo in 9) deve sperare, per qualificarsi alla Champions League, in un pareggio dell’Inter in casa con l’Empoli, alla ricerca di un punto determinante per la salvezza.
Nei minuti di recupero, sul 2-1 per l’Inter, l’Empoli per tre volte sfiora il 2-2, con veri e propri miracoli di Handanovic e con una clamorosa traversa colpita (da meno di un metro, contro ogni principio della fisica) da D’Ambrosio su un potenziale autogol che sarebbe stato un’autentica beffa per i “cugini” nerazzurri…

Evidentemente era destino che andasse così, Rino Gattuso avrebbe meritato più fortuna…

ha dovuto fare i conti con una serie incredibile di infortuni (Bonaventura, out tutta la stagione, Caldara quasi idem, Calabria, Conti, Biglia, alla fine anche Paquetà…) ed è riuscito comunque a portare il Milan laddove non erano riusciti Seedorf, Inzaghi, Brocchi, Mijhajlovic e Montella, che lo avevano preceduto dopo i successi di Allegri: giocarsi, fino a pochi secondi dal termine, un posto nella competizione che più caratterizza la storia del Milan, la Champions League vinta ben 7 volte…

Francamente non ho capito tutto lo scetticismo che ha contrassegnato la sua esperienza al Milan.
Cifre alla mano, dopo Ancelotti, la miglior media punti del Milan si è avuto con Max Allegri (1.81 punti/partita), Gattuso ha avuto praticamente lo stesso score (1.80 punti/partita).
Ed ha dovuto fare i conti con un roster di certo non all’altezza della concorrenza…
quanti giocatori del Milan potrebbero oggi fare concorrenza a pari ruolo di Juve, Inter e Napoli?

Lo scetticismo che ha accompagnato Gattuso è stato per me incomprensibile almeno tanto quanto quello che ha accompagnato l’esperienza di Allegri alla Juve (nonostante 5 scudetti consecutivi) e quello che ha accompagnato finora l’esperienza di Giampaolo alla Samp, squadra che ha saputo abbinare un gioco decisamente piacevole alla capacità di raggiungere una stabilità di buona classifica sconosciuta negli anni precedenti, nonostante importanti cessioni (Soriano, Correa, Fernandes, Skriniar, Schick, Torreira, Muriel, Zapata).

Ecco, se avessi la bacchetta magica e potessi scegliere il successore di Gattuso, punterei su uno di questi due allenatori “incompresi” o quasi…
Max Allegri se il Milan dovesse avere, da subito, risorse necessarie per irrobustire la rosa, Marco Giampaolo per un progetto di più ampio respiro, volto a far crescere in quantità e qualità una rosa giovane.

Anche se, in ogni caso, mi resterebbe il rammarico per le soddisfazioni che, con un anno di esperienza in più, il “nostro” Ringhio avrebbe meritato di poter inseguire e condividere con i “suoi” tifosi.

La foto (tratta dal sito ilbianconero.com) lo ritrae mentre sta applaudendo…

gli applausi li merita invece lui…

grazie Ringhio!!!

 

Rino Gattuso
(foto da www.ilbianconero.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.