i papaveri, le lucciole, il rosario…”quei” mesi di maggio, a Lurago…

i papaveri, le lucciole, il rosario…”quei” mesi di maggio, a Lurago…

 

il mese di maggio, il rosso dei papaveri, il giallo della colza, la magia delle lucciole…ed i microchips dei ricordi improvvisamente si attivano…

 

Il mese di maggio è da molti definito “il mese delle rose”.

Nel mondo cattolico è soprattutto “il mese della Madonna”, cui vengono riservati atti di particolare devozione.

Una tradizione che sembrerebbe dovuta all’intuizione di un padre gesuita del 1700, che invitò a consacrare a Maria il mese di maggio, con atti di devozione che comprendessero anche la decorazione (o “incoronazione”) di statue mariane con fiori offerti in questo periodo dalla natura.

Una sorta di virtuoso intreccio tra la regina della natura, la primavera, e la Regina del Cielo.

Il padre gesuita esortava inoltre ad esprimere questa devozione non necessariamente in chiesa ma nei luoghi quotidiani che così sarebbero stati santificati.

Una tradizione che era molto viva in Brianza quando ero ragazzino, e della quale conservo, nitidi, alcuni particolari ricordi.

La parrocchia organizzava un programma mariano che prevedeva anche la recita del rosario itinerante tra le varie frazioni di Lurago d’Erba, una volta al Crocino, l’altra a San Rocco, poi in quelle cascine agricole, con i caratteristici cortili interni, perfetti per queste occasioni: Cascina Maria, Ca’ Bassa, Casalta, Ca’ di Biss (o Ca’ Longa) senza dimenticare Calpuno, la Careggia e così via…

e noi ragazzini sembravamo veramente devoti, cercavamo di essere presenti a più rosari possibili…

in realtà era per noi l’occasione per vederci la sera…
andare, rigorosamente a piedi, “in trasferta” nelle altre frazioni…
era anche, se non soprattutto, l’occasione per vedere (o farci vedere…), in un contesto diverso da quello scolastico, le nostre coetanee che abitavano in quelle frazioni…

Non sarebbe capitato o cambiato nulla, nulla di nulla, ma eravamo contenti così…

se ripenso a quelle serate speciali, il mio primo, immediato flash back va alla sera in cui il rosario venne recitato a Cascina Maria…

per arrivarci occorreva percorrere, per alcune centinaia di metri in direzione Lambrugo, la strada interna, che si snodava in mezzo a grandi campi coltivati…

mi sembra ancora di sentire il loro inconfondibile profumo, che con l’avanzare della stagione, verso l’estate, sarebbe diventato sempre più intenso…
al ritorno, con l’avanzare del buio, la natura si divertiva a stupirci con uno spettacolo stupendo, il fascino magico offerto dalle lucciole
profumo, magia…e l’intenso colore dei fiori…
no, non quello delle rose, che pure in quel periodo trasformavano il giardino della “sciura Pina” in una naturale tavolozza di colori…
bellissima, niente da dire…
ma il mio ricordo più vivo va a quelle distese di papaveri rossi, che già da maggio, il mese mariano, andavano ad impreziosire i campi che da San Rocco portavano verso Cascina Maria…

(nella foto il percorso delle cascine visto oggi da Google Earth e, nel riquadro, Cascina Maria) 

(clicca per ingrandire)

era il mese di maggio anche quel periodo (1980) in cui mi trovavo in Francia, a visitare i castelli della Loira…

seguendo il corso del fiume, dopo aver visitato i castelli di Chambord, Amboise e Chenonceaux, mi indirizzai verso il castello di Azay le Rideau.
Ricordo perfettamente molti particolari di questi stupendi castelli, ma ricordo altrettanto perfettamente un altro momento di grande stupore…
Azay Le Rideau è all’inizio del Parco della Loire-Touraine, ed attraversando questo parco in direzione Angers, percorrendo anche strade secondarie, improvvisamente, dopo una curva, mi si presentò un grande spettacolo naturale…
un’immensa, infinita distesa di fiori gialli che, unita al blu intenso del cielo ed al verde dell’erba, assumeva le sembianze di una grandiosa opera uscita dal pennello di uno straordinario pittore…

non avevo mai visto, prima, un campo di colza, e ne rimasi immediatamente affascinato…

i rossi papaveri dei campi di Lurago negli anni ’60…
il giallo brillante dei fiori di colza ammirato in Francia nel 1980…
ricordi rimasti intrappolati nei meandri della mia memoria…

poi arriva il 2019, ed improvvisamente quei ricordi riprendono forma, come se si fosse riattivato un microchip disperso chissà dove…

la scorsa settimana, di ritorno da Milano in autostrada, verso l’ora del tramonto, poco dopo lo svincolo di Castelnuovo Scrivia la mia attenzione viene colpita da una grande “pennellata” di giallo intenso che si staglia nel verde dei campi alla mia destra…
un flash improvviso: ho con me la mia fotocamera…
guardo lo specchietto, c’è tempo per una buona frenata, riesco a fermarmi poco più avanti, accostando sulla destra, in corsia d’emergenza…
metto le quattro frecce e piglio al volo la fotocamera…
il sole sta calando e non posso, non voglio perdere questa occasione…

fotografare un campo di colza con una luce così particolare…

(clicca per ingrandire)

il campo non è raggiungibile dall’autostrada, l’angolo di ripresa (allungandomi sopra le protezioni) non è tra i più favorevoli ed il cielo non è nitido come quel giorno in Francia…

ecco, quel giorno in Francia…
il microchip si riattiva improvvisamente, dopo tanti anni…

e a questo punto non importa che lo scatto sia tecnicamente ben riuscito…
quello che conta è provare a “cristallizzare” l’emozione offerta dalla natura, un’occasione non colta quella volta nel Parco della Loire-Touraine…

sono costretto ad usare quasi tutta l’estensione dello zoom, ed ecco che tra i fiori di colza compare, qua e là, anche qualche papavero…

già, i papaveri…

e si riattiva immediatamente un altro microchip, quello del “mese mariano” a Lurago, tanti anni fa…
quelli sì che erano campi di papaveri…
chissà se sono ancora così…

riprendo la strada di casa, sono solo in macchina e mentre guido ho tutto il tempo per fare scorrere il nastro dei ricordi di gioventù…

sembra proprio di sentire di nuovo il profumo di quei campi, fresco come la nostra ingenuità di ragazzini falsamente devoti…

chissà se ci sono ancora le lucciole…
è una vita che non ne vedo…

sono quasi a casa, a Pegli, sto percorrendo via Ungaretti…
in cima, poco prima dell’ultima curva, con la coda dell’occhio vedo in alto, una grande macchia rossa immersa nel ripido prato sulla sinistra…

mi fermo a guardare: sono centinaia di papaveri rossi…

(clicca per ingrandire)

negli anni scorsi non c’erano, li avrei notati…
ok, è una strada che percorro in modo ripetitivo, la condizione ideale per non cogliere i particolari, ma non avrei potuto non notarli…

c’è poca luce, li vado a fotografare qualche giorno dopo…

per fotografarli devo mettermi in equilibrio precario, portando lo zoom oltre il reticolato che protegge i campi…

benché un po’ provati da qualche giorno di pioggia mantengono intatto il loro fascino…
quasi come quelli dei campi di Lurago…

prima che termini il mese di maggio, una di queste sere, quando sarà buio profondo, andrò un salto qui sotto, in via Ungaretti…
ci andrò in punta di piedi, per non farmi notare…

chissà, magari ricompaiono anche le lucciole…

 

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.