ih, che palle…

ih, che palle…

 

sembrava la mia “mattina fortunata”…ma poi, alla fine, le palle girano lo stesso…

 

Tempo fa la ASL mi ha inviato l’invito alla vaccinazione pneumococcica e contro l’Herpes Zoster, un’iniziativa promossa dalle Regione Liguria, quest’anno a favore dei soggetti nati nel 1954.

Per me “cade a fagiolo”…
negli ultimi anni per due volte ho dovuto affrontare il disagio della polmonite, mia mamma ha avuto a che fare con l’Herpes Zoster, più noto come “fuoco di S.Antonio”…meglio premunirsi…

Il medico di base mi dà l’ok.

Il giovedì mattina, dalle 10 alle 12, è possibile sottoporsi alle due vaccinazioni alla “Casa della Salute” di Pegli, non molto distante da casa mia.

Casa della Salute – Pegli

Oggi è giovedì, stamane non ho impegni, mattina ideale…
però minaccia pioggia…
anziché andarci con lo scooter ci vado in macchina, non si sa mai…

parcheggiare nei pressi della “Casa della Salute” di Pegli non è proprio, di norma, l’esercizio più semplice, ma evidentemente è la mia mattina fortunata…
proprio di fronte all’ingresso, mentre sto arrivando, si libera un posto nel risicato parcheggio…
wow!!!

Non sono ancora le 11.30, l’ambulatorio chiude fra mezzora, tutto ok…

Raggiungo la sala d’attesa, ci sono solo due persone davanti a me…
wow, sempre meglio… 

Mi siedo e mentre sto chiedendo a chi mi precede se occorre prendersi il “numerino” ecco che si spalanca la porta dell’ambulatorio…
un’infermiera fa entrare uno dei due e guardandomi con sospetto mi chiede:
“Lei deve fare la vaccinazione???”
MI verrebbe da rispondere:
“No, però siccome ogni tanto non ho nulla da fare vengo qui, davanti alla porta dell’ambulatorio vaccinazioni, per vedere chi entra e chi esce…”   
Prevale però la mia parte più conciliante, e timidamente rispondo:
“Sì, stavo chiedendo se…”

Non mi fa terminare la frase, e tuona con atteggiamento (e tono) dispotico:
“Deve tornare un’altra volta, la dottoressa deve andare via e non c’è tempo”

Provo a replicare
“Mi scusi, ma se l’orario di ambulatorio è fino alle 12…”

Anche qui non mi lascia il tempo di finire la frase…
“Bisogna arrivare prima, la dottoressa deve andare via…”
e rientra nell’ambulatorio, chiudendo energicamente la porta…

Ora, io non so quali siano i modi ed i tempi necessari per effettuare le vaccinazioni…
però (è un’ipotesi) se i tempi sono tali da non consentire altre vaccinazioni dopo una certa ora, non sarebbe meglio scrivere:
“orario 10-12, presentarsi almeno un’ora prima della chiusura che se la dottoressa deve andare via…”

Non ho più replicato, e sono tornato a casa…

ho pensato che, essendo (quasi) padrone del mio tempo potrò tornare un’altra volta, magari vengo alle 10…

risalendo in macchina, che pochi minuti prima avevo lasciato pensando quanto fossi fortunato, ho pensato che, nonostante tutto, forse è proprio così, quantomeno lo sono (più fortunato) rispetto alle persone che per la stessa, utile vaccinazione, magari devono prendersi un permesso dal datore di lavoro, o magari trovare qualcuno che tenga i nipoti per due/tre ore…e magari proprio quella mattina la dottoressa deve andare via…

ok, sono più fortunato…
però, niente da fare…
le palle mi girano lo stesso…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.