E’ semifinale!

E’ semifinale!

 

15 aprile 2013

Mi stropiccio gli occhi…siamo in semifinale playoff, la semifinale verso la Serie A2…
Si dice che i sogni finiscano all’alba…il nostro sogno per questa stagione continua… 
Un team fantastico!

Link all’articolo

(Beppe D’Amico, per “Il Secolo XIX”)
CARATTERE NBA, E’ SEMIFINALE
ORA l’A2 NON E’ PIU’ UN SOGNO
Battuto il Novara anche in gara 2.
Gli altri quarti saranno decisi alla bella

La Wideurope Nba Genova conquista la semifinale dei playoff per salire in A2. E tanto basta per descrivere la fantastica e finora trionfante stagione delle rosanero di Giovanni Pansolin.
Contro lo Stars Novara, in gara-2 giocata in Piemonte e dopo il successo in gara-1 per 72-51 al PalaDonBosco, le genovesi si ripetono portandosi così sul 2-0 e chiudendo la pratica semifinale.
Una Nba unica. Unica nel senso che, nei quarti, è la sola ad aver regolato le avversarie in due gare, senza lo stress psicologico e fisico di gara-3, l’eventuale “bella”.
Un dentro o fuori, invece, che riguarderà gli altri team, con il leggero vantaggio, dunque, per la Nba di arrivare in semifinale un po’meno provata e più lucida.
Come aveva previsto Pansolin alla vigilia, le novaresi hanno però disputato una grande partita davanti al loro pubblico, tanto da dominare in parte i primi due quarti e costringere la Nba a rincorrerle per non farle scattare verso gara-3.
Un dominio che si concretizzava nel primo parziale di 13-10 e nel secondo addirittura di 36-20 al riposo per le novaresi.
Ma, come era ovvio aspettarsi, dallo spogliatoio le genovesi uscivano del tutto trasformate.
Contenendo la Fea, la migliore tra le piemontesi con 22 punti finali, e migliorando al tiro, le ragazze terribili del presidente Carlo Besana chiudevano il terzo quarto riducendo lo svantaggio a soli tre punti, 43-40 per lo Stars, sino al finale di 51-61.
Un finalscore firmato non solo dalla De Scalzi, ancora una volta match-winner con 23 punti, ma anche dalla Piermattei, fondamentale in tiri decisivi, dalla Cerretti e dalla Belfiore.
In particolare, erano le due triple della Piermattei e gli undici punti in dieci minuti della De Scalzi a stroncare il Novara, ormai incapace di ogni reazione nell’ultimo quarto.
Complimenti, comunque, alle piemontesi che hanno dato filo da torcere alla Wideurope, in un match davvero all’altezza di un quarto di finale, a differenza di gara-1 dove, in effetti, il Novara era apparso troppo rinunciataria.
Merito, però, come in gara-2, di una Nba che ha saputo tenere banco anche nei momenti difficili, facendo della tecnica, dell’agonismo e della compattezza del gruppo il suo plus assoluto, come del resto è stato durante tutta la stagione.
Una stagione dove la mano di coach Pansolin si è fatta sentire eccome, dirigendo dalla panchina con grinta, carattere, intelligenza e freddezza tattica.
Capacità, queste di Pansolin, che hanno saputo anche bypassare non solo i, per altro rari, momenti di stanca della Nba, ma anche superare i diversi infortuni che hanno colpito le sue ragazze durante la stagione.
Ragazze che, ora come ora, sembrano essere le più in forma e le meglio preparate per questa post-season piena di sorprese.
Ora,da unica promossa in sole due gare, la Nba dovrà aspettare giovedi sera per sapere chi sarà la sua avversaria in semifinale.
Ma dal meglio del meglio visto in gara-2, la Nba “rischia’ davvero di guadagnarsi una finale strameritata.

IL NOME DELLA PROSSIMA AVVERSARIA SI CONOSCERA’ SOLO GIOVEDÌ
LA LEZIONE DI COACH PANSOLIN
«TECNICA E AGONISMO, AVANTI COSÌ»
Un pieno di energia e di “benzina” mentale per le semifinali: così, in pochissime parole, si può riassumere il Pansolin-pensiero nel fine gara contro lo Stars Novara .
«Abbiamo vinto una partita di playoff, perché questa lo è stata davvero rispetto a una blanda e troppo facile per noi gara-1, con parziali, difficoltà, fisicità, scoramenti, esaltazione, paura e trionfo – è stata l’asciutta analisi di coach Pansolin a fine partila – Onore comunque al Novara che ha dimostrato di essere una più che meritevole avversaria e complimenti a noi per la reazione dei secondi venti minuti, dove non è stata per nulla facile concentrarsi per diminuire lo svantaggio e trovare le soluzioni giuste per recuperare nel punteggio. La lezione futura – ha continuato Pansolin – deve essere che per vincere non dobbiamo snaturarci, ma dobbiamo sempre giocare la nostra pallacanestro fatta di tecnica, tattica, ma soprattutto agonismo, forza mentale e voglia di non mollare mai».
Ora, risolto tutto in gara-2, si dovrà aspettare giovedì per sapere chi si affronterà in semifinale.
«In questo senso – ha sottolineato Pansolin – non dobbiamo tanto badare alla avversaria ci troveremo a confrontarci, sappiamo già da ora che sarà forte e ce la dovremo giocare sino alla fine, ipotizzando anche la “bella”. Ma di sicuro, non ci arrenderemo sino alla fine e daremo filo da torcere a chiunque, non faremo nessuno sconto anche perché, dopo una stagione così bella, e scaramanzia permettendo, siamo consce di meritarci la finale e di poterci giocare la finalissima per salire in A2, nel pieno rispetto, ovvio, di tutte le avversarie».

 

Link all’articolo

(Federico Grasso, per “La Gazzetta del Lunedì”)
La squadra genovese è l’unica ad avere chiuso la pratica quarti in sole due partite, grazie a una rimonta super a Novara
WIDEUROPE E’ GIA’ IN SEMIFINALE
L’Autorighi cerca di raggiungerla mercoledì nello spareggio con Sassari,battuto a domicilio
De Scalzi ancora super, è lei a guidare la rimonta

Giano bifronte era il dio romano degli inizi, assunto in epoca medioevale a simbolo di Genova.
La Wideurope NBA-Zena a Novara ha incarnato l’essenza della divinità, e l’augurio degli amanti della palla a spicchi è che possa davvero essere il primo vagito di un ciclo destinato a (ri)portare il grande basket, almeno in rosa, sotto la Lanterna.
Nel Palasport Cube di Cameri si è assistito a una gara dai due volti: i primi venti minuti dominati dalle padrone di casa, costrette dallo 0-1 nella serie con le spalle al muro in questo secondo capitolo dei quarti di finale.
La Wideurope infatti è scesa in campo con un avvio di gara sulla falsariga della settimana prima, quando il quarto d’ora iniziale fu di autentica sofferenza soprattutto in attacco.
A Novara però la macchinosa carburazione in partenza è costata cara, con un parziale all’intervallo lungo di 36 – 20 che profumava di spareggio all’orizzonte.
Invece nello spogliatoio Giovanni Pansolin, allenatore delle genovesi, ha saputo svegliare dall’incantesimo le rosanero, che si sono letteralmente scatenate nella seconda metà, ribaltando la partita con un terrificante 41-15.
A guidare la rimonta, neanche bisogno di dirlo, Sara De Scalzi, autrice di 11 dei 20 punti segnati dalle genovesi nel terzo periodo, 23 totali senza neppure una tripla; ma accanto a lei una squadra composta da giocatrici vere.
Sugli scudi in Gara 2 Giulia Piermattei, autrice del primo vantaggio di serata dalla lunetta (1-0), a bersaglio con due delle tre bombe genovesi (l’altra griffata Sole Mancini, a segno da distanza proibitiva) nel momento del sorpasso a cavallo di quota cinquanta.
Giorgia Belfiore, capace di catturare tutti i palloni sotto entrambi i tabelloni e ancora in doppia doppia; Federica Cerretti, inossidabile regista del gruppo targato Wideurope.
Grazie a questa vittoria, Genova è l’unica squadra ad aver archiviato la pratica quarti di finale al primo tentativo: le altre tre sfide andranno tutte alla bella e per conoscere chi fra Carugate e Moncalieri dovrà affrontare la Wideurope bisognerà attendere giovedì sera.
Un giorno prima invece “bella” per l’Autorighi Lavagna, che ha espugnato il campo di Sassari: a caricare le ragazze di coach Giovanni Vaccaro ha contribuito anche l’incontro con Gigi Datome, colonna della nazionale azzurra al prossimo europeo, che si è fermato a salutare le biancobliu nei pressi del palazzetto.
L’appuntamento al Parco Tigullio di Lavagna è per le ore 15 di mercoledì: tutti i sostenitori dell’Autorighi sono chiamati a raccolta.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.