Semifinale playoff, buona la prima!

Semifinale playoff, buona la prima!

 

22 aprile 2013

Si vince gara 1 di semifinale playoff di Serie A3, ed è giusto (e bello) festeggiare così…

 

 

Link al servizio video de “Il Secolo XIX”

 

Link all’articolo

(Beppe D’Amico, per “Il Secolo XIX”)
RAGAZZE FANTASTICHE
NBA A UN PASSO DALLA FINALE
Superato (56-49) il Moncalieri – De Scalzi devastante, Belfiore ok
Auguri Vip: al presidente Besana è arrivato l’incitamento di Antonello Riva, mito del basket

A UN SOLO PASSO dalla finale. Battendo in gara-1 di semifinale l’Azzurra Moncalieri per 56-49, la Wideurope Nba Genova ha, infatti, già in gara-2 in Piemonte il match-point per portarsi sul 2-0 e per andare a giocarsi la promozione in A2.
Devastante il percorso della Nba: undici vittorie su tredici nelle ultime gare di regular-season, eliminato 2-0 secco lo Stars Novara ai quarti di play-off, unica a riuscire nell’impresa in sole due gare, ed ora la vittoria interna al PalaDonBosco contro Moncalieri.
Un successo esaltante, in una serata contornata da eventi bene auguranti e rari: in tribuna, infatti, sedeva sugli spalti gremiti il sindaco di Genova Marco Doria, con Don Gallo in “collegamento” da vero primo tifoso della Nba, senza contare che prima della discesa in campo dei due starting-five, è arrivata al presidente Carlo Besana la telefonata di “in bocca al lupo” niente meno che dall’amico Antonello Riva, leggenda della pallacanestro made in Italy e oro agli Europei di Nantes 1983 con la nazionale.
E dopo le varie introduzioni, la Nba ha fatto suo il parquet spazzando via il Moncalieri, che non ha resistito all’impatto di una straordinaria, ancora una volta, De Scalzi, davvero Mvp della stagione di A.3. Con un pazzesco 37 di valutazione complessiva (frutto di 29 punti, di cui 14 consecutivi, 9 rimbalzi, 11 falli subiti, 10/11 dalla “lunetta», 9/13 dal campo), la fuoriclasse rosanero si è praticamente espressa su livelli da WNBA, il campionato femminile Usa.
Ma con lei, brave anche la Belfiore,la Cerretti, la Piermattei, anche se tutta la squadra ha viaggiato al massimo, nonostante l’assenza per infortunio della sorpresa della stagione, la giovane Algeri.
A scendere meglio in campo, però, era il Moncalieri, con la Nba un po’ in tensione vista la posta in palio. Poi, però, inserivano la marcia sia la De Scalzi, sia la Belfiore sotto canestro, chiudendo già al riposo sul 38-26.
E dopo un leggero passaggio a vuoto nel terzo quarto, le genovesi di coach Giovanni Pansolin reinserivano la marcia alta e a quel punto imponevano un ritmo alla gara, una tecnica e un agonismo sconosciuto alle rivali: e prima i rimbalzi della Belfiore, poi i punti giusti della Cerretti e lo show della De Scalzi smorzavano ogni tentativo di rimonta del Moncalieri, sino a un finale di gara gestito da padrone del campo.
E da sottolineare che la De Scalzi è, in questo momento, la migliore giocatrice della A3 e una delle migliori di tutta la Divisione A: un Wìnchester 73 sempre puntato sul canestro delle avversarie.
Tra la Wideurope Nba e la finale, ora, c’è solo gara-2 da giocare a Moncalieri, dove di sicuro le ragazze di Besana troveranno un ambiente a dir poco caldo, visto che ora come ora le piemontesi non hanno più nulla da perdere: o impattare gara-2, o addio sogni di gloria.
Sogni che, ovviamente, per la Nba continuerebbero nella eventuale “bella” in un PalaDonBosco che, come in gara-1, si annuncerebbe strapieno e roboante. Anche se, dita incrociate dietro la schiena, il sogno più bello sarebbe tornare da Moncalieri già con la finale in tasca.
PANSOLIN FA IL POMPIERE: «TUTTE BRAVE, MA IN GARA-2 DOBBIAMO RIPARTIRE DA ZERO»
IL PARTERRE al PalaDonBosco era quello delle grandissime occasioni: il sindaco Marco Doria da una parte e dall’altra il presidente Carlo Besana con tutto il suo staff dirigenziale e tecnico, con in più un tifoso di eccellenza come Antonello Riva collegato via etere, leggi cellulare.
E la Nba non ha tradito le attese della vigilia che la davano, anche se di poco, favorita contro Moncalieri.
«Era una partita difficile da vincere. Siamo però riusciti ad indirizzarla grazie ad una grande difesa che ci ha permesso di trovare anche diverse soluzioni in attacco, e la stessa difesa, nei momenti giusti, è stata davvero l’arma in più con cui siamo riusciti a sopperire ai black-out in attacco contro la zona del Moncalieri – é stata l’analisi a caldo di coach Pansolin a fine partita -. Una grande prestazione la nostra, contrassegnata da un grande impegno dl tutto il team, capeggiato da una De Scalzi davvero straripante in tutte le sue giocate e invenzioni. Ora abbiamo una settimana per preparare gare-2, per la quale speriamo di recuperare tutte le ragazze acciaccate, cosa che non dovrebbe essere troppo difficile, perchè a questo punto tutte hanno la grinta necessaria per voler giocare da protagoniste gara-2, uno stimolo agonistico che porta a dare il massimo nonostante qualche problema fisico». Pronostici? «Non mi esprimo-ha concluso Pansolin-ma dico solo: dimentichiamo gara-1 e giochiamoci il tutto per tutto come se si ricominciasse da zero».

Link all’articolo

(Federico Grasso, per “Il Corriere Mercantile”)
Andata delle semifinali di A3
WIDEUROPE “ASFALTA” MONCALIERI
Il tandem De Scalzi-Belfiore alla miglior prova stagionale
Giorato torna in panchina – In tribuna il sindaco Doria

La Wideurope NBA-Zena si è aggiudicata il primo capitolo della semifinale di A3 femminile contro la Libertas Azzurra Moncalieri, difendendo il fattore campo (saltato in stagione regolare) anche grazie al sostegno di un pubblico eccezionale, che ha gremito le tribune del PalaDonBosco.
Eppure la gara non era iniziata sotto i migliori auspici.
Giovanni Pansolin ha dovuto fare a meno di Adelaide Algeri, e per sopperire all’assenza di giocatrici nel reparto lunghe ha convocato, a quasi un anno di distanza, Susanna Giorato, in panchina ad incoraggiare le compagne nonostante i pochi allenamenti nelle gambe.
Nei venti minuti iniziali è stato il tandem De Scalzi-Belfiore, probabilmente alla miglior prestazione stagionale, a costruire ti primo vantaggio significativo; per due volte la Wideurope è volata sul +10, anche se l’Azzurra è sempre rimasta in scia senza mai uscire dalla partita.
L’intervallo lungo ha raffreddato le polveri degli attacchi, prologo a una terza frazione in cui si è segnato con il contagocce.
Moncalieri è tornata a due soli possessi di distanza sul 44-39, ma le rosanero hanno mantenuto il sangue freddo, allungando nell’ultimo tempino nuovamente oltre la doppia cifra con i canestri di Giorgia Belfiore, Giulia Piermattei e Sara De Scalzi .
«Alla fine Moncalieri ha risentito del fatto di aver giocato la bella giovedì – ha commentato alla fine un soddisfatto coach Pansolin – noi siamo state molto brave ad interpretare la gara perché siamo più piccole del solito, abbiamo giocato con le rotazioni limitate a sei sette giocatrici”.
La notizia insolita, il segnale che qualcosa sta cambiando davvero nel mondo genovese della palla a spicchi, è stata la presenza sugli spalti del PalaDonBosco del sindaco Marco Doria che, a dire di chi gli stava seduto vicino, si è divertito molto dimostrando di apprezzare lo spettacolo offerto sul parquet; a memoria di appassionati, non si ricorda l’ultima volta di un primo cittadino a una partita di basket. E questa al di là dei successi ottenuti quest’anno sul campo dalla Wideurope, è una vittoria raggiunta grazie al lavoro del presidente Carlo Besana.
In attesa del risultato dell’Autorighi Lavagna, impegnata nell’altra semifinale questa sera alle 18 a Torino, va molto bene così.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.