E non rispondono….

E non rispondono….

 

30 ottobre 2014

 

Link all’articolo

quello che mi preoccupa, seriamente, è il Municipio VII Ponente…
non rispondono alle nostre e-mail inviate da mesi (31 agosto, poi settembre, poi ottobre) ma al giornalista si risponde subito…
poi staremo a vedere se e quando fisseranno il sopralluogo richiesto…

(Riccardo Porcù, per “Il Secolo XIX”)
DOPO I DANNI PER LE TROMBE D’ARIA, ALLA PIANACCI IL VENTO FA PAURA

IL VENTO comincia a soffiare più forte tra i palazzi e sotto i portici di via 2 dicembre, nel quartiere Ca’ Nuova, al Cep.
In piena estate proprio dal mare si erano formate numerose trombe d’aria che avevano colpito e danneggiato l’intero ponente, soprattutto lungo la costa e nelle vallate, solo per caso senza conseguenze peggiori e feriti.
Ma la furia del vento era arrivata anche qui, tra le case popolari sulle alture di Voltri.

Tegole fuori posto, cancellate da rifare e alcuni alberi ad ondeggiare pericolosamente sulla strada.
Disagi che si sommano ai molti problemi delle abitazioni, le prime a sentire le mancanze di una manutenzione spesso insufficiente, ma anche nell’area Pianacci, uno dei punti di aggregazione del quartiere.

«Temiamo che le trombe d’aria di questa estate abbiamo lasciato danni sul tetto del nostro stabile. Abbiamo chiesto l’intervento del municipio e del comune. Sono passati quasi tre mesi, lo stiamo ancora aspettando – ripete allargando le braccia Carlo Besana, presidente del Consorzio Area Pianacci – Vorremmo almeno arrivassero a fare un sopralluogo. Già tempo fa avevamo messo noi i fondi per riparare una parte della casina. Era un’opera idraulica di manutenzione straordinaria che sarebbe toccata al comune. E di quei soldi non abbiamo visto neanche un centesimo. Ora speriamo si faccia un controllo in fretta: qui ci giocano i bambini».

Analisi e rilievi che il municipio ha già previsto.
«Siamo al lavoro per rimettere in sesto tutto quello che è stato danneggiato dal maltempo – spiega l’assessore alle manutenzioni del municipio Ponente Carlo Calcagno – Ci impegneremo al massimo per far tornare tutto alla normalità il prima possibile».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.