Io, mia moglie, e la torta di mele

Io, mia moglie, e la torta di mele

7 novembre 2014

IO, MIA MOGLIE E LA TORTA DI MELE

 

Si sa, le mogli non ascoltano mai i loro mariti…
ed anche quando sembra che lo facciano…

I fatti.

4 novembre, è il mio onomastico.

La sera precedente mia moglie Susanna mi preannuncia che preparerà una torta di mele e, come da copione, commento facendo riferimento

“allatortadimelechecomelafacevamiamamma”….

Il guanto di sfida è lanciato e lei, da vera agonista, si supera e la mattina del 4 per casa c’è un profumo di torta che solo ad annusarla metti su un paio di chili…

Me la mostra trionfante, una torta tremendamente invitante con tante mele guarnita da un’infinità di pinoli (forse ha letto sul Kamasutra degli chef che sono afrodisiaci…),

Io però non sono proprio in forma, un po’ di malessere diffuso, e rimando l’assaggio al pomeriggio.CasaBesana_torta

Alle 16, immancabile, uno straordinario languorino mi porta verso la cucina, alla ricerca della “mia” torta…

Intravvedo la teglia antiaderente, che però mi guarda con preoccupazione, quasi con malcelata pietà…

Mi avvicino con circospezione…. con un po’ di timore i miei occhi cercano il contenuto della teglia…. metà torta è già sparita…

Chiamo Susanna, mi confessa che non è proprio riuscita a resistere ed anzi, più si avvicina e più le viene voglia di assaggiarne ancora…

con un balzo felino ed un affilato coltello degno del migliore Sandokan riesco a carpirne un frammento, è veramente gustosissima, si è proprio superata…

nemmeno il tempo di potermi complimentare con lei e già un’altra corposa fetta è nelle sue mani e quasi contemporaneamente nelle sue voraci fauci…

Cerco di darmi un tono, dopotutto sono il capofamiglia!

Le intimo, con tono perentorio: “Belin, finiscila!!!!….

E lei, una volta tanto, decide di darmi ascolto… l’ha finita (la torta…) e mi ha lasciato solo le briciole …

 

Sipario.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *