Intellettuali, mala tempora currunt…

Intellettuali, mala tempora currunt…

 

30 ottobre 2014

In due giorni il mio nome è stato inserito tra gli “intellettuali” della città…
mala tempora currunt per la “categoria”…

Link all’articolo

(Vincenzo Galiano, per “Il Secolo XIX”)
L’appello pubblico per “rinascere dal fango al di là della rabbia, tutti insieme”
«UN PATTO PER SUPERARE L’EMERGENZA»
Un gruppo di intellettuali di sinistra in campo al fianco del sindaco: «Superiamo interessi e rendite di posizione»

L’ALLUVIONE HA EVIDENZIATO l’estrema fragilità del territorio genovese ma ha anche messo in luce le grandi energie-materiali, tecniche e istituzionali -che la città può mettere in campo. E dunque anche un disastro, come quello del 9 ottobre scorso, può essere occasione di riscatto. Il punto di partenza per costruire la Genova del futuro, più bella, sicura e vivibile.A patto che ci sia realmente la volontà di “rinascere dal fango”,aldilà della rabbia, tutti assieme.
E’ sostanzialmente questo il concetto espresso nella lettera aperta che un gruppo di intellettuali di sinistra (per la stragrande maggioranza) ha indirizzato al sindaco Marco Doria invitandolo a «prendere l’iniziativa per dare vita a questo momento di rinascita civica».

Un segnale tangibile, anche, di solidarietà al primo cittadino, bersaglio nei giorni postalluvione di una feroce contestazione da parte di molti commercianti e cittadini alluvionati (e non), che hanno sfilato in corteo cingendo d’assedio Palazzo Tursi.
«Doria non può essere lasciato solo in questa fase difficile», dice Silvio Ferrari, uno dei grandi supporter del sindaco-marchese durante la campagna elettorale del 2012 e attuale consigliere d’amministrazione del Carlo Felice.
«Le migliori energie della città – continua Ferrari – devono mettersi a disposizione per aprire una fase nuova».

La pensano così anche gli altri esponenti del gotha cittadino che hanno rivolto al sindaco la lettera-appello.
Parecchi sono suoi sostenitori diretti: oltre a Ferrari, il presidente della Fondazione Palazzo Ducale, Luca Borzani, Domenico Chionetti, esponente della Comunità di San Benedetto, Valter Massa, presidente di Arci Liguria, l’ex assessore Mario Calbi, il docente universitario Luca Beltrametti.

Ma, in calce alla missiva, ci sono anche le firme di Carlo Besana, artefice della rinascita del Cep, l’ex presidente della Regione Piemonte, Mercedes Bo, Giuliano Carlini, docente universitario, il patron dell’Acquario, Beppe Costa, Ariel Dello Strologo, presidente della società Porto Antico, Alberto Diaspro, ricercatore dell’Et, il sindacalista Walter Fabiocchi, Amedeo Gagliardi, della comunità di San Marcellino e Quarto Pianeta, lo scrittore Bruno Morchio, ex direttore del Teatro Stabile, Carlo Repetti, il costituzionalista Enzo Roppo, la psicologa Gianna Schelotto, la filosofa Nicla Vassallo.

«Condivido pienamente lo spirito di mettere a disposizione le nostre esperienze, senza tirare la volata politica a nessuno,in questa fase critica», dice Besana. Ma la politica, c’entra eccome, nell’iniziativa del “gruppo dei diciannove’.

«Ripensare il territorio – si legge nel documento recapitato a Doria – significa ripensare la politica. Superare il groviglio di interessi, rendite di posizione, autoreferenzialità istituzionali, i vuoti di rappresentanza che hanno segnato e segnano Genova e la Liguria. Noi, che sottoscriviamo questa lettera aperta, riteniamo indispensabile questo confronto,perché la rabbia, la paura,lo sdegno, la fatica, il dolore di questi giorni rischiano di alterare una più lucida visione dei fatti nella loro complessità e interezza, e di non farci valutare adeguatamente comportamenti e responsabilità».

Serve, comunque, un’iniezione di ottimismo e buoni propositi: «Ci sembra necessario chiedere ai genovesi, anche ai media,non di limitare ogni legittima denuncia, ma di non aggiungere al fango materiale che ci ha sommerso, anche il fango morale del disprezzo e della sfiducia. In queste condizioni infatti, sarebbe molto difficile ricostruire e soprattutto ritrovare il senso di una comunità. La demagogia è uno sbocco spontaneo e comprensibile della rabbia, ma riflette anche assenza di idee. È un rischio che non possiamo permetterci di correre. E le parole pacate possono essere più forti di un urlo. Per cambiare occorre essere lucidi».
Istituzioni e partiti sono, dunque, chiamati a «organizzare una riflessione collettiva, ora che la ferita è ancora aperta e ci sono le energie e la voglia di “guarire”».
Una riflessione cui tutti devono prendere parte: «Dagli amministratori dei municipi ai dipendenti dei vari enti pubblici, dalle associazioni che hanno organizzato soccorsi ai professori che sono scesi a spalare il fango insieme ai loro alunni, dagli studiosi agli operatori dell’informazione».

Obiettivo: costruire un’idea di città di qui ai prossimi trent’anni. Come farlo? Con una convention, tavoli tematici o altro?
«Ogni proposta è bene accetta», dice Massa.
Chionetti scende nel concreto: «E urgente costruire una catena di allerta che, partendo dai municipi, coinvolga popolazione e media. Perché non si ripetano più simili tragedie».

 

Link all’articolo

(Elisabetta Pagani, per “Il Secolo XIX”)
Tra gli autori Barberis, Marchesiello, Besana, Spalla: «Coinvolgeremo tutta la società civile»
REGIONE, IL LIBRO BIANCO DEGLI INTELLETTUALI: «ORA I CANDIDATI RISPONDANO AI CITTADINI»
LIGURIA IN DECLINO «Basta parlare di persone, affrontiamo i temi chiave: sanità, industria, cultura. Ecco l’agenda strategica»

«CI STIAMO avvicinando alle elezioni nel disgusto della gente che vede la città marcire -osserva Mauro Barberis, genovese, docente di Diritto all’università di Trieste e collaboratore di giornali tra cui Il Secolo XIX- i candidati sono in campo da un anno, ma sappiamo qualcosa dei loro programmi?No. Non se ne parla».

E se la politica si disinteressa dei temi cruciali, allora ci pensano loro, un gruppo di cittadini noti – docenti, architetti, ex magistrati, politici (un ex assessore del Prc e l’ex segretario provinciale dei Ds) – a risvegliarla dal torpore con un’agenda strategica per la Liguria.
Un’agenda che per ora è un Libro bianco di 120 pagine, scaricabile dall’homepage di MicroMega, ma che presto si tradurrà in una serie di dibattiti per coinvolgere prima una cerchia ristretta di esperti e poi la città.”Rompere il silenzio. Un libro bianco per ridare voce alla Liguria“.
Cosi si intitola questo «esperimento», come lo definisce Barberis, fra i promotori dell’iniziativa insieme a Carlo Besana (storico leader del circolo Arci del Cep), Annalisa Gatto, Michele Marchesiello, Bruno Pastorino, Pierfranco Pellizzetti, Alfonso Pittaluga, Giovanni Spalla e Luca Traversa.

II gruppo, “Controvento. Associazione ligure per il dibattito pubblico“, ha un obiettivo: «Nei dieci capitoli del Libro bianco – spiega Barberis – ci siamo occupati dei temi cruciali per questo territorio. Sanità, università, politica industriale, povertà, legalità. Tutti temi di cui non si sta parlando, nonostante le elezioni regionali siano dietro l’angolo. Noi non proponiamo soluzioni, non siamo né diventeremo un movimento politico. E non appoggiamo nessun candidato -sottolinea – volevamo solo fare un’agenda della discussione pubblica per arrestare il pieno declino della Liguria. Un declino, morale prima ancora che materiale, iniziato ben prima dell’alluvione e a cui non vogliamo arrenderci».
Fra i punti cardine c’è la partecipazione della società civile per combattere l’«involuzione del potere locale».
Un tentativo di smuovere la politica. Obiettivo anche dell’appello che un gruppo di intellettuali di sinistra ha rivolto ieri al sindaco Marco Doria, invitandolo, in una lettera aperta, a «prendere l’iniziativa per far rinascere Genova».

“Controvento”, invece, in prima battuta vuole coinvolgere esperti dei vari settori, da chi si occupa di gestione del territorio e sanità alla stampa al rettore. Poi, sintetizza Barberis, «quando saranno enucleate questioni precise, creeremo occasioni di dibattito aperte a tutti».
Successivamente le domande passeranno ai candidati delle prossime elezioni: «Quando la campagna elettorale entrerà nel vivo chiederemo loro di rispondere».

Senza un dibattito sui temi davvero importanti, «il rischio – osserva il professore – è che nessuno vada a votare e che in politica si apra un ciclo uguale al precedente,se non peggiore. Noi invece vogliamo toglierci ogni alibi».

Costruire, chiedere e scegliere.
«Basta con la politica autoreferenziale.Non serve fare nomi ma in Liguria ormai la politica è spettacolo. Si parla delle persone, mai dei programmi. Un ciclo di 25 anni è al termine in Liguria, bisogna cambiare metodi e mentalità».

L’appello a partecipare è per tutti: «Ci rivolgiamo ai cittadini da una parte e alla politica dall’altra. Ad ampio raggio, non solo al Pd per le primarie».
Siamo genovesi con i piedi nel territorio e la testa nel mondo“, si legge nel Libro. Cosi si sentono i membri di “Controvento”e così sognano la città.Il nostro è un esperimento per dare una sveglia alla politica. Parte da Genova,dalla Liguria – conclude Barberis – ma potrebbe presto essere replicato anche in altre città».

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.