Nene, ovvero…il sorriso e la palla a spicchi nel…DieNeA…

Nene, ovvero…il sorriso e la palla a spicchi nel…DieNeA…

 

Nene Diene, dopo l’esperienza di cinque anni fa con l’NBAZena, torna in Liguria (sempre in A2) con i colori della Cestistica Spezzina

 

Ho iniziato a frequentare il mondo del basket oltre 49 anni fa…

prima da giocatore (scarso), poi da allenatore (breve periodo da “infiltrato”), la maggior parte (la più “luminosa”) da dirigente, ruolo rivestito sia in società già esistenti che, con maggiori criticità/responsabilità/soddisfazioni, in società (2) che ho “fatto nascere”.

La prima, oltre 40 anni fa, a Costamasnaga (l’attuale Basket Costa per l’Unicef) l’altra nel 2007, NBA-Albissole poi trasferita a Genova nel 2009 con il nome NBA-Zena.

Queste due esperienze sono legate al basket femminile ed è lì che sono concentrati, in massima parte, i miei ricordi cestistici, piacevoli e non…

Ricordo molte delle ragazzine che hanno militato nelle giovanili a Costamasnaga (alcune hanno ora le loro figlie impegnate a rincorrere i loro sogni, in maglia biancorossa) ed ancor più, comprensibilmente, ricordo tutte le giocatrici che hanno coltivato i loro sogni con la maglia dell’NBA Albissole ed NBAZena…

Altrettanto comprensibilmente ricordo tutte (ma proprio tutte…) le ragazze che hanno giocato in prima squadra, regalandomi emozioni non necessariamente legate ai risultati, anche se questi, ovviamente, aiutano…

Va da sé che con alcune si sia sviluppato un rapporto personale particolarmente intenso, banalmente per ragioni “epidermiche”, capita, oppure per la condivisione di alcune occasionali ma importanti vicende personali, e ne consegue un ricordo ancor più vivo.

E’ il caso, ad esempio, di Nene Diene.

Fu uno dei “colpi di mercato” della stagione 2014-2015, l’ultima stagione dell’NBAZena a livello nazionale (serie A2); era stata la capitana della nazionale Under 18 che nel 2010 aveva vinto il titolo europeo (un titolo che proprio in questi giorni, chissà…).
Poi importanti esperienze in Serie A2 ed in Serie A3.

Ebbi modo di apprezzare, da subito, la persona, prima ancora della giocatrice; sempre sorridente, sempre positiva, assolutamente non banale (comprese le sue letture, seconda passione dopo il basket).

Al suo arrivo a Genova per le visite mediche lo choc, poi fortunatamente rientrato, di una diagnosi di rottura del legamento crociato
come “consolazione” andammo al Porto Antico, al concerto del suo gruppo preferito, i Negramaro…

l’inizio di stagione, strepitoso…

Valentina Costa, Sara De Scalzi, Ana Bozic, Nene Diene, Alessandra Visconti, Chiara Principi, Eliana Carbonell, Giulia Vanin…

una formazione che aveva le carte in regola per competere con qualunque avversaria…
i risultati arrivarono subito, compresa la prestigiosa vittoria al PalaDonBosco contro il mitico Geas…

Nene Diene ed Alessandra Visconti al raduno della Nazionale Sperimentale
(clicca per ingrandire)

poi Nene ed Alessandra convocate al raduno della Nazionale sperimentale…

arrivò anche un periodo più difficile, che però non ci impedì di approdare, come l’anno precedente, ai playoff per la Serie A1…

la sfiga era però lì, dietro l’angolo…
a quattro giornate dal termine della stagione regolare, a tre minuti dal termine dell’incontro con Torino, Alessandra Visconti, nostra top scorer, subì un grave infortunio, e lì terminò lì la sua stagione…
nei fatti terminò lì anche la nostra…
ambizioni brutalmente frustrate, di conseguenza poule promozione senza infamia e senza lode…

il Geas, proprio lo squadrone che avevamo battuto al PalaDonBosco, concluse la stagione con la promozione in Serie A1…

per noi, con il mancato reperimento di sponsor, si concluse non solo la stagione ma anche la nostra storia, breve ma intensa, nei campionati nazionali…

Nene lasciò Genova il 24 aprile 2015…

nello stesso giorno i Negramaro presentavano il loro nuovo lavoro, “sei tu la mia città”…
lo interpretai come un buon auspicio, quasi un “segnale” di un destino che ci avrebbe di nuovo visti insieme, noi, Nene, Genova…

purtroppo non è andata così, e tutto ormai è confinato nei microchips della memoria…

molti di questi microchips sono “occupati” da Nene…

Nene è un’ottima giocatrice, con una passione smisurata per il basket..
non riesco ad immaginarla (e sicuramente è così anche per lei) senza una palla a spicchi in mano…

è anche (almeno per me) una ragazza “speciale”, che ha saputo affrontare con molta personalità e con la necessaria tenacia sia le vicende cestistiche che quelle della sua sfera privata.
E’ nata a Lecce da genitori senegalesi ed è stata adottata, dopo pochi mesi, da una dolcissima coppia leccese, Laura e Luigi, che ho avuto il privilegio di conoscere.

Come ha spesso raccontato, è cresciuta con la “famiglia bianca” senza però mai perdere il contatto con “la famiglia nera”.

(clicca per ingrandire)

Nel 2016 io e Susanna siamo andati a trovarla a Lucca; non siamo riusciti a vederla in campo (con la maglia della Gesam Lucca, prima in A1 al termine della regular season), perché era stata bloccata da un serio infortunio, la rottura del legamento crociato (corsi e ricorsi…)

Abbiamo trascorso diverse ore con lei…

il piacere di riassaporare il suo immutato affetto, l’ammirazione per la sua inossidabile tenacia, che le consentiva di affrontare questo ostacolo con energia accompagnata dal solito contagioso sorriso…

Anche quest’ultima stagione ha dovuto fare i conti con la sfortuna…

era stata scelta dalla Dike Napoli, prestigiosa società di Serie A1

l’opportunità, incredibile, di giocare al fianco di Chicca Macchi, la sua giocatrice preferita…

poi, improvvisamente, a metà stagione, i problemi economici che costringono la società campana alla resa…

tutte libere, ed a Nene viene offerta l’opportunità di completare la stagione ancora una volta a Lucca

pochi giorni fa la notizia di una nuova avventura: la prossima stagione Nene vestirà i colori della Cestistica Spezzina, in Serie A2.

In questa stagione le bianconere di coach Corsolini hanno vinto la stagione regolare, ma poi sono state eliminate, al primo turno di playoff, da Civitanova…

una sconfitta, di un solo punto, maturata nei secondi finali in modo assolutamente paradossale, che presumo bruci ancora…

ci sarà voglia di riprendersi quanto lasciato inopinatamente la scorsa stagione, e Nene, con la sua grinta e le sue indubbie qualità tecniche, potrà rappresentare un notevole valore aggiunto…

insomma…
dopo tanti anni in cui, nei campionati giovanili, mi sono ritrovato a dover fare i conti con quelle (sul piano sportivo) “antipatiche spezzine” che (tranne una volta) ci hanno regolarmente battute nella corsa al titolo regionale…

insomma, per “colpa” di Nene mi toccherà fare il tifo proprio per quelle maglie bianconere…😊  

in quest’ultima stagione non ho visto manco una partita femminile dagli spalti…

la prossima stagione colmerò sicuramente questa lacuna…

e penserò ai Negramaro, che quel 24 aprile 2015 forse si sono sbagliati, sia pure di poco…

forse non volevano dire “sei tu la mia città”…
forse il titolo avrebbe dovuto essere “sei tu la mia regione”…

bentornata in Liguria, Nene…

verremo a vederti e lo faremo volentieri, per riabbracciare quella ragazza speciale che ha il sorriso e la palla a spicchi nel suo Dna…

anzi, nel DieNeA…

 

Foto di Giorgio Scarfì e Marco Brioschi
(clicca per ingrandire)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.