Io, Susanna, Gianna, Gabriele, la cirulla e…

Io, Susanna, Gianna, Gabriele, la cirulla e…

 

ci si rivede, con Gianna e Gabriele, e non si sfugge all’immancabile partita a cirulla, con l’auspicio che Gabriele vinca, sennò s’incupisce…stavolta però…

 

Ieri io e Susanna abbiamo trascorso la giornata al fresco di Crocefieschi (famosa per aver dato i natali a Roberto Pruzzo, “’O Rey”) in compagnia dei nostri amici Gianna (Dapelo) e Gabriele (Donolato).

Molti anni fa abitavano al Cep, Gianna era il referente per le politiche di edilizia popolare, in stretta connessione con l’allora presidente del Municipio Franco Maggi.

Fu lei, all’inizio del 1997, a venire in farmacia per propormi di “dare una mano” ad aprire l’Area Pianacci, completata da tempo ma mai fatta partire, ed ancora priva di allacci per le utenze ecc..
Per convincermi aggiunse: ”E’ un impegno leggero, saremo in molti a darle una mano…”…
un “dolce inganno” che ha segnato, e non poco, tutti i miei anni successivi, fino ad oggi…

Infatti poco tempo più avanti, l’8 marzo 1997, inaugurammo la struttura ed iniziò la mia “avventura” al Pianacci, con molte gioie, molte delusioni e con i “molti a dare una mano” sempre meno numerosi…

Da diversi anni Gianna e Gabriele abitano a Genova, in via Buranello, ma d’estate si trasferiscono (in compagnia del dolcissimo cagnolino Achille) a Crocefieschi, in una casa con un grande giardino che in questi ultimi 4 anni ha potuto fruire delle amorevoli cure di Gabriele, molto più efficaci di quanto non riescano a documentare le fotografie, nonostante alcuni “attentati” all’integrità del prato dovuti ad un imprendibile tasso.

Molto ben curato il barbecue, cui presto si aggiungerà un fornetto, sapientemente gestito da Gabriele con un’appetitosa grigliata, preceduta da una carineria di Gianna che, ricordando i miei gusti, ha fatto trovare in tavola una teglia di lasagne fumanti

(clicca per ingrandire)

L’attesa però era tutta incentrata sulla sfida a cirulla, immancabile quando ci troviamo con loro.

Coppie rigorosamente incrociate (io con Gianna, Susanna con Gabriele) e preghiere rivolte al cielo affinché il lungo divertimento si concluda con la vittoria di Susanna e Gabriele, visto che quest’ultimo non è proprio in grado di accettare le sconfitte…

E fino ad un certo punto è stato così anche ieri…
prima sfida (partite al 51, andata-ritorno-eventuale bella) aggiudicata da Susanna e Gabriele (2-1), io e Gianna abbiamo vinto gara due (2-0), Susanna e Gabriele di nuovo vincenti, in gara 3 (2-1).

 

 

(clicca per ingrandire)

 

E così, felici e contenti, siamo andati a fare quattro passi, ammirando bellissimi panorami ed un tramonto rosso fuoco da urlo.

 

(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

Una passeggiata utile a farci venire un po’ di languorino, disinnescato da un’ottima pizza…

Sembrava poter finire tutto in allegria e serenità…
poi…
poi mi è venuta l’idea di proporre una partita “in notturna”…
sfida ovviamente accettata…


prima partita per noi, seconda, nettamente, per Susanna e Gabriele, che si avviavano, verso mezzanotte, a stravincere anche la bella, in quel momento più o meno sul 45 a 20 per loro…

poi un mix tra dea bendata ed abilità (si fa per dire…) consente a me e Gianna di mettere insieme in un colpo solo oltre 30 punti (mi pare 36…)…

mano, gara, partita…

 

immancabili (non ce la faccio proprio a resistere…) alcuni sfotto’…

abbiamo salutato Gianna, mentre Gabriele ci ha accompagnati al parcheggio in cui avevamo lasciato la macchina…

non sapevamo come gestire quei pochi passi, con Gabriele cortese ma visibilmente deluso…

ed ecco venirci in soccorso un’ombra sul prato sottostante la strada, con illuminazione fioca ma sufficiente a distinguere, nettamente, la sagoma di un animale…
anzi due…

due bellissimi tassi (non ne avevo mai visti prima…) presumibilmente maschio e femmina, che immediatamente catturavano l’attenzione di Gabriele, e le sue imprecazioni, sollevandolo dal torpore da sconfitta…

 

non riuscivo a fotografarli (la foto qui accanto è tratta dal web), ma forse avrei dovuto fotografare Gabriele…
in preda ad una vera e propria scarica di adrenalina…

 

ormai quei due deliziosi tassi, quelli che gli rovinano il giardino, avevano catturato tutto il suo interesse…

 

per lui gli unici, veri, odiati… “tassi d’interesse”…😊

 

(clicca per ingrandire)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.