il “mito” degli anni ’60 e ’70 per la festa di un “mitico” neosessantenne…

il “mito” degli anni ’60 e ’70 per la festa di un “mitico” neosessantenne…

 

 

…ovvero: quando una festa di compleanno si trasforma in un godibile happening musicale…

L’amico Mario Rollandini ha compiuto 60 anni il 25 dicembre 2019.

Il giorno successivo, presso la “sua” PizzaPoint (via Montevideo Genova) si sono radunati molti suoi amici, tra i quali, come spesso accade, bravissimi musicisti.

E la serata si è trasformata, come da “tradizione”, in un piacevole happening con una band d’eccezione che ha accompagnato diverse voci soliste in una carrellata di brani che hanno caratterizzato la storia della musica dello scorso secolo.

Brani che sono diventati veri e propri “miti” musicali dei favolosi anni ’60 e ’70 che, per una sera, si sono trasformati nella piacevole colonna sonora della festa di compleanno di un “mitico” neosessantenne…

Come in tutti gli happening tra amici, palpabile il divertimento, la voglia di stare insieme, e, nonostante l’inevitabile improvvisazione, tanta qualità, comprensibilmente non restituita appieno da video e foto realizzati da Susanna, in uno spazio ristrettissimo, con lo smartphone.

Chitarra: Mauro Culotta
Tastiere: Giorgio Usai, Enrico Bianchi e Mario Rollandini
Basso: Stefano Cavallo
Percussioni: Luciano Ventriglia e Massimo Alfieri (conga)

Questi i brani che siamo riusciti a “catturare”, in ordine sparso…
(i links in calce alla pagina)

A whiter shade of pale, Aldebaran, Quella carezza della sera, Per chi, In fondo al viale, Una lunga storia d’amore, Apache, Something, Don’t let me down, Il tempo di morire, You never can tell-C’est la vie, Be bop a lula, Golden slumbers-Carry that weight, Desperado,  Oye como va, Gli occhi verdi dell’amore, Il ragazzo della via Gluck, So this is Christmas… 

(mi spiace che ci sia sfuggita “Quando vedrai la mia ragazza”, successo sanremese – 1964 – di Gene Pitney e Little Tony, magistralmente interpretata da Luciano Ventriglia)

 

(clicca per ingrandire)

 

 

I VIDEO

 
Gli auguri collettivi a Mario Rollandini




 

voce solista Enrico Bianchi

“A whiter shade of pale”, immortale hit internazionale lanciata nel 1967 dai “Procol Harum”.
Moltissime le cover, anche in italiano. La più famosa “Senza luce”, incisa nello stesso anno dai “Dik Dik”.

 


 

voce solista Alessandro La Rosa

“Aldebaran”, e “Quella carezza della sera”, due dei brani più famosi dei New Trolls, incisi nel 1978 ed inseriti nell’album “Aldebaran”.

Durante le due esecuzioni, Alessandro La Rosa coinvolge Nico Di Palo, storica “voce” e chitarrista dei New Trolls, qui rappresentati anche dal tastierista Giorgio Usai, che fece parte della storica formazione dal 1977 al 1980, proprio gli anni in cui vennero incise “Aldebaran” e “Quella carezza della sera”.

 


 

 

voce solista Enrico Bianchi

“Per chi”, brano con il quale i “Gens” vinsero l’edizione 1972 del Cantagiro con la formazione che comprendeva il chitarrista Mauro Culotta.
La reunion dei “Gens”, nel 1990, segnò l’ingresso (voce e tastiere) proprio di Enrico Bianchi.

“Per chi” è la cover di “Without you”, hit internazionale lanciata nel 1971 da Harry Nilsson.

 


 

voce solista Enrico Bianchi

“In fondo al viale”, inserito nella colonna sonora del film “Plagio” (con Mita Medici e Ray Lovelock) e, su 45 giri, primo grande successo dei “Gens” (1968).
L’anno successivo il chitarrista Gilberto Bruno muore in un incidente stradale e viene sostituito da Mauro Culotta, che sarà protagonista degli anni di maggiore successo del gruppo.
Nel 1990 la reunion dei “Gens” vede l’ingresso (voce e tastiere) proprio di Enrico Bianchi.

 


 

voce solista Gabriele Gaggero

“Una lunga storia d’amore”, uno degli immortali successi di Gino Paoli (album “Sempre”, 1988).

 


 

“Apache”, portata al successo dagli “Shadows” nel 1960.

 


 

voce solista Francesco “Fisher” Sandi

“Something”, brano composto da George Harrison per i Beatles nel 1969 ed inserito nell’album “Abbey Road”.

 


 

voce solista Francesco “Fisher” Sandi

“Don’t let me down”, incisa dai Beatles nel 1969 e pubblicata come lato B del 45 giri che aveva sul lato A “Get back”.

 


 

voce solista Lucio Aracri

“Il tempo di morire”, brano inciso nel 1970 da Lucio Battisti, che lo inserì nell’album “Emozioni” ed in un 45 giri, come lato b di “Fiori rosa fiori di pesco”.

 


 

voce solista Nicola Sansalone

“You never can tell”, brano lanciato nel 1964 da Chuck Berry (ed inserito nella colonna sonora del film “Pulp fiction”) e che in seguito ha visto altre versioni con il titolo “C’est la vie”.

Imperdibile un’esecuzione “improvvisata” da Bruce Springsteen nel corso di un live a Lipsia nel 2013.

 


 

voce solista Francesco “Fisher” Sandi

“Be bop a lula”, brano inciso nel 1956 da Gene Vincent ed inserito dalla rivista Rolling Stone al 103^ posto nella classifica delle 500 migliori canzoni di tutti i tempi.

 


 

voce solista Francesco “Fisher” Sandi

“Golden slumbers”, inciso dai Beatles nel 1969 ed inserito nel medley di chiusura dell’album “Abbey Road”.
Il brano è seguito da “Carry that weight” ed i due brani vennero registrati insieme, come un unico pezzo.

 


 

voce solista Roy

“Desperado”, brano inciso nel 1973 dagli “Eagles” e pubblicato nell’omonimo album.

 


 


“Oye como va”
, brano lanciato da Tito Puente nel 1963 e portato al grande successo da Carlos Santana nel 1970 (album “Abraxas”).

 


 

voce solista Luciano Ventriglia

“Gli occhi verdi dell’amore”, brano portato al successo nel 1968 da “I Profeti”, cover di “Angel of the morning” “lanciata” da Merrylee Rush.

 


 

voce solista Luciano Ventriglia

“Il ragazzo della via Gluck”, uno dei “marchi di fabbrica” di Adriano Celentano, che la presentò al Festival di Sanremo 1966.
Nel 2011 al PalaCep Mario Rollandini, alla tastiera, ha accompagnato Adriano Celentano proprio nell’esecuzione di questo brano.

 


 

un’esecuzione collettiva di “So this is Christmas”, composta e registrata da John Lennon e Yoko Ono nel 1971.

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.