Cep, 2010: “pizza a casa dei miei, poi usciamo a sentire i Subsonica, a pochi passi da lì…”

Cep, 2010: “pizza a casa dei miei, poi usciamo a sentire i Subsonica, a pochi passi da lì…”

 

 

 

Cep, agosto 2010: “ehi pizza a casa dei miei e poi usciamo a sentire i Subsonica, a pochi passi da lì?”.

 

agosto 2010, sui social (e sulla stampa) impazza la notizia: la Comunità San Benedetto al Porto di Don Andrea Gallo “compie” 40 anni, sceglie di festeggiare la ricorrenza al PalaCep, ed a fare gli “auguri” arrivano addirittura i Subsonica, che non si esibiscono live da diversi mesi…

Fioccano prenotazioni da tutta Italia e la notizia riempie d’orgoglio chi, come questo ragazzo, vive al Cep ma deve recarsi a Milano per lavoro.
Così scrive sulla sua bacheca Fb qualche giorno prima dell’evento:

…. questa dei Subsonica è microscopica rispetto all’aiuto quotidiano dato da anni a molti. Allo stesso tempo è difficile anche spiegarti cosa significa per un trentenne come me, che lavora a Milano, che ha sempre custodito con orgoglio e gelosia la parola Cep, che per anni ha dovuto in qualche modo discutere o addirittura difendersi proprio perché è cresciuto lì, poter dire, ora “ehi pizza a casa dei miei e poi usciamo a sentire i Subsonica, a pochi passi da lì?”.
Non sai che soddisfazione, non puoi immaginare che bellezza. Grazie. Ci vediamo il 4 agosto…

Questo è quello che a me è sempre piaciuto chiamare “Cep Pride”, l’orgoglio ceppista…
l’orgoglio di una comunità nella quale moltissima brava gente si è sentita spesso, troppo spesso, vittima del pregiudizio e dei luoghi comuni…

il 4 agosto il concerto dei Subsonica al PalaCep vide la presenza di oltre 3000 spettatori paganti (incasso a favore della Comunità di Don Gallo) provenienti da tutta Italia, isole comprese…

Le prime ad arrivare sono cinque ragazze, provenienti da quattro città diverse, che seguono ogni concerto dei “loro” Subsonica, dandosi ogni volta appuntamento in grande anticipo sull’orario d’inizio…
Veronica Mauro arriva da Udine, Daria Irene Burla da Verona, Paola Soldi da Roma, Ana Maria Robu e Fabiana Blu da Torino.
Vorrebbero già ritirare i biglietti ma la biglietteria non è ancora pronta, dovranno attendere diverse ore…
ma hanno “il diritto” ad entrare per prime, sono arrivate alle 9…

Si accovacciano vicino al cancello che separa il circolo dall’area spettacoli, c’è anche una panchina, montiamo un gazebo…
per tutelare il loro diritto mi viene un’idea…recupero una transenna e delimiti il “loro spazio”…
Viste così, dietro la transenna, mi viene in mente un’immagine particolare…

Ed è subito, con tanto di cartello, il “Subsonic Zoo”… lo zoo più simpatico al mondo
(link “Il concerto dei Subsonica e…il Subsonic Zoo”)

 

Il Subsonic Zoo
(clicca per ingrandire)

 

Sul palco è Don Gallo a presentare i suoi amici, i Subsonica.
E lo fa “alla sua maniera”…

sale sul palco dopo il ghiotto “antipasto musicale” dato dagli “ZeroPlastica” e dagli “Attacchi Frontali”
infiamma le centinaia di giovani presenti, invitandoli a fare l’amore (ma con il preservativo) e non la guerra…
ad essere consapevoli che i vari poteri sono forti, fortissimi, ma proprio per questo li esorta a non piegare la schiena, ed alzare la testa…
li fa “brindare” virtualmente tutti insieme, con il suo tradizionale “Gibiò”…

ed infine, quasi meglio di Pippo Baudo, presenta il nuovo brano dei Subsonica, “Benzina ogoshi”, mai eseguito prima dal vivo, scatenando l’entusiasmo generale e dando di fatto il via all’atteso concerto…

il tutto ripreso (e pubblicato su youtube) dall’amico videomaker Sergio Gibellini

 

 

 e su youtube si può trovare anche il video completo del concerto dei Subsonica...

 

 

 

Con i Subsonica, il Cep ed il Pianacci sono stati al centro dell’attenzione mediatica, come può testimoniare l’ampia rassegna stampa, i cui links (perlomeno quello che siamo riusciti a recuperare) sono presenti in questa pagina (cliccare sull’immagine)

 

Link alla rassegna stampa
(clicca sull’immagine)

 

Tra i vari articoli dedicati a quell’indimenticabile serata, ne voglio ricordare due.

Il primo è un bellissimo articolo di Benedetto Marchese, che gli stessi Subsonica hanno postato sul loro sito.
“Don Gallo, i Subsonica, e le strade che portano al PalaCep”

link all’articolo
(clicca sull’immagine)
Foto di Veronica Onofri

Le strade di Genova, quelle buie degli ultimi e degli emarginati, ma anche quelle tortuose di un’Italia raccontata in tutte le sue contraddizioni in quasi quindici anni di carriera.

Don Gallo e i Subsonica, il prete che va in direzione ostinata e contraria e il gruppo che ha portato la propria musica in ogni angolo della Penisola, e che la prossima settimana toccherà anche lo Sziget Festival di Budapest.

Due realtà solo apparentemente distanti, riunite mercoledì dalla strada che porta al Cep, le cui curve sono state drizzate negli anni dall’impegno degli abitanti che hanno creato una comunità forte, attiva, in grado di dare vita ad un luogo come il Palacep nel quale Genova ed i Subsonica hanno reso il dovuto omaggio ad una realtà altrettanto importante.

Quarant’anni di attività, quelli della Comunità di San Benedetto, festeggiati da una delle band più vive della musica italiana, sempre attenta e puntuale nell’analizzare le dinamiche e le evoluzioni della nostra società.

“Si parla tanto di legge, ordine e presidi militarizzati –ha spiegato il leader e chitarrista Max Casacci dal palco- ma non c’è risposta migliore della socialità, dell’attività notturna e della vita. Invitiamo il sindaco di Genova a fare qualcosa di più sugli orari e sulla qualità degli spazi per rendere viva la città e non lasciare che la notte sia ostaggio dell’illegalità”.

Un’idea di spazio attivo d’interazione simboleggiato dalla folla che ha raggiunto la struttura nella quale negli ultimi mesi si sono succedute numerose attività musicali e culturali, che hanno contribuito a far dimenticare l’etichetta del Cep come quartiere difficile, associando invece il suo nome a serate come quella vissuta solo pochi giorni fa.

“Qui –ha spiegato Carlo Besana, instancabile promotore delle attività del luogo – abbiamo festeggiato i cinquant’anni di sacerdozio di Don Gallo, mentre stasera celebriamo l’attività della Comunità da lui fondata. Inoltre ho il privilegio di nominarlo socio onorario del consorzio Sportivo Pianacci”.

Lui, il prete che invita a fare l’amore con il preservativo, ha risposto con il consueto entusiasmo, sventolando la bandiera della Pace e invitando i giovani arrivati da tutta l’Italia “a tirare su la testa”, a gridare “viva la libertà”, sorprendendo con la sua vitalità coloro che non avevano mai avuto il piacere d’incontrarlo e regalando l’ennesimo motivo di orgoglio ai tanti che da anni lo seguono nelle sue battaglie tenaci ma pacifiche verso l’uguaglianza ed il rispetto per i diritti.

Dai volontari della Comunità agli attivisti dei Centri Sociali, fino agli Zero Plastica e gli Assalti Frontali che hanno aperto la lunga serata.

Poi la festa più adrenalinica, quella con Strade, Disco Labirinto, Tutti i miei sbagli, Nuvole Rapide e tutti i classici dei Subsonica che Samuel e compagni hanno riproposto dal vivo ad un anno dall’ultimo live, con l’aggiunta dell’inedito ed ironico “Benzina Ogoshi”.

Ingredienti di una notte magica lassù al Cep, dove le strade e le persone s’incontrano regalando grandi emozioni.

 

L’altro è un articolo degli stessi Subsonica, pubblicato il 18 agosto, poco prima di partire per il concerto allo Sziget Festival, in Ungheria.

 

link all’articolo
(clicca sull’immagine)

 

A circa un anno dalle ultime esibizioni live, e con pochi giorni a disposizione per le prove decidiamo di prepararci per lo Sziget provando direttamente davanti al pubblico.
O meglio: un paio di giorni li trascorriamo in sala prova per ripristinare la memoria e poi tre date di prova, per arrivare rodati al meglio sul main stage del più grande festival europeo.

La giornata passata al quartiere Cep di Voltri (Genova) è di quelle che non si dimenticano.

Personalmente mi piacerebbe che tutti i concerti fossero così: la musica a fare da vettore di una giornata unica e irripetibile, ricca di significati , testimonianze, realtà.
Credo che i tremila presenti di quel martedì abbiano goduto di un bel concerto, abbiano riso delle nostre amnesie, e altrettanto si siano emozionati per le parole dell’ottantaduenne Don Gallo (“fate l’amore, non la guerra, e fatelo con il preservativo!”) e per i messaggi ricchi di senso e di pronunciati da quel palco, in quel singolare contesto.

Il quartiere Cep è il classico dormitorio di case popolari, ben presto declassato a territorio di frontiera. A ghetto.
Per anni diventa il luogo più insicuro di Genova, fino a quando qualcuno non decide spontaneamente di fare qualche cosa.

Carlo Besana, farmacista, sguardo buono e luminoso, persona capace di raccogliere la fiducia degli abitanti del quartiere.
E’ lui che coinvolge il governatore Burlando in una serie di confronti con gli abitanti ed è sempre lui che invita i ragazzi di Don Gallo a inventare attività sociali per accendere la luce in un luogo di coprifuoco e insicurezza.

Il concerto dei Subsonica (e degli Assalti Frontali) è solo uno di questi appuntamenti.
Forse il più appariscente, perché in grado di portare al Cep ragazzi di mezza Italia e perché sarà l’unica nostra data italiana ufficiale in tutto il 2010.

Dal vivo per la prima volta suoneremo “Benzina Ogoshi”: brano composto e registrato in non più di venti minuti per i titoli di coda dello nostro delirante Z-horror “uccisi dalla commerciabbilità”: breve film, girato con un I phone nella casa di campagna durante le session creative per il nuovo lavoro.
Diventato un piccolo culto web, “Benzina Ogoshi” è un brano farneticante ricavato da messaggi di insulti ricevuti negli ultimi anni sul nostro sito.

Ancora non sappiamo se verrà inserito o meno nel prossimo album, ma nel frattempo ci divertiamo a suonarlo.
Incrementando così le versioni su you tube.

 

Ho invidiato la possibilità dei Subsonica di riuscire a trasformare gli insulti ricevuti sul loro sito in un brano di successo…

Quasi esattamente un anno più tardi, il 6 agosto 2011, al PalaCep si tenne una serata danzante, con l’Orchestra “Gli Smeraldi”…
ballo liscio, ritmi latino americani, il tutto silenziato a mezzanotte…

sufficiente però ad invogliare qualcuno a presentare una denuncia sa mio carico per disturbo della quiete pubblica, violazione dell’art.259 del Codice Penale.

Una condanna a dieci giorni di carcere (o la pesante sanzione economica alternativa) evitata grazie ad una brillante intuizione del mio legale…

ne fossi stato capace, avrei fatto come i Subsonica, avrei trasformato tutto il mio sconcerto in una canzone…

l’avessi composta subito, chissà…
forse pure io sarei riuscito a farla presentare a Don Gallo…

anzi, ne sono certo…l’avrebbe cantata con me

 

link all’album fotografico Fb
(clicca sull’immagine) 

 

foto di Susanna Giorato
(clicca per ingrandire)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *