Il concerto dei Subsonica e… il Subsonic Zoo…

Il concerto dei Subsonica e… il Subsonic Zoo…

10 agosto 2010

(un simpatico frammento dalla magica serata del 4 agosto)

E’ il giorno, tanto atteso, del concerto dei Subsonica al PalaCep, l’unica data italiana dell’anno…
Ci aspettavamo tanta gente, ma non così tanta…
E soprattutto in arrivo da tutta Italia…
il Cep ed il Pianacci, che molti genovesi non sanno manco dove siano, vengono facilmente raggiunti da giovani provenienti da Bari, dalla Sicilia, da ovunque…

La mattina, presto, siamo già tutti lì, al Pianacci, a preparare tutto l’occorrente, con una scaletta ben precisa che va dalle transenne alla biglietteria (che deve aprire nel tardo pomeriggio per non “disturbare” chi gioca a carte…), dal service audio luci ai gazebo per gli artisti, da “oscurare” per garantire un minimo di privacy, gli spogliatoi che devono essere così lindi da poter somigliare ai “camerini” di cui sono dotati gli impianti che, a differenza del PalaCep, sono predisposti per lo spettacolo…

Il Subsonic Zoo
(clicca per ingrandire)

Quello che ci sorprende è il fatto che l’area Pianacci cominci a popolarsi di fans già dal mattino, non l’avevamo previsto…
Le prime ad arrivare sono cinque ragazze, provenienti da cinque città diverse, che seguono ogni concerto dei “loro” Subsonica, dandosi ogni volta appuntamento in grande anticipo sull’orario d’inizio…

Veronica Mauro arriva da Udine, Daria Irene Burla da Verona, Paola Soldi da Roma, Ana Maria Robu e Fabiana Blu da Torino.
Vorrebbero già ritirare i biglietti ma la biglietteria non è ancora pronta, dovranno attendere diverse ore…ma hanno “il diritto” ad entrare per prime, sono arrivate alle 9…

Si accovacciano vicino al cancello che separa il circolo dall’area spettacoli, c’è anche una panchina, montiamo un gazebo…
per tutelare il loro diritto mi viene un’idea…recupero una transenna e delimiti il “loro spazio”…
Viste così, dietro la transenna, mi viene in mente un’immagine particolare…

Ed è subito, con tanto di cartello, il “Subsonic Zoo”… lo zoo più simpatico al mondo

 

 

Io ed il Subsonic Zoo
(clicca per ingrandire)

 

(aggiornamento del 7 marzo 2011)

La denuncia a mio carico per “disturbo della quiete pubblica” mi vale lo status di “indagato”.
La notizia fa ovviamente clamore in città e genova24.it il 7 marzo, in occasione della nostra “Festa della Donna” tenutasi il giorno precedentemente al PalaCep, pubblica alcuni stralci di una lettera inviata da una fan dei Subsonica, che aveva assistito allo spettacolo del 4 agosto 2010.
L’ha scritta Veronica Mauro, non nascondo di essermi commosso, e mi capiterà ancora quando andrò, in futuro, a rileggerla…

Il commovente, affettuoso “ruggito” del Subsonic Zoo…

“Ho avuto modo di conoscere il signor Carlo la scorsa estate, ad agosto, in occasione del concerto dei Subsonica al PalaCep. Non ero mai stata a Genova e non conoscevo il Cep […].

Sono stata ulteriormente spronata ad assistere al concerto perché, stimando il gruppo torinese, avevo letto il loro comunicato sul motivo della loro partecipazione gratuita alla stagione d’eventi del PalaCep. Durante il lungo viaggio in treno ho avuto modo di documentarmi in merito alla situazione del Cep e alla primavera che stava finalmente attraversando grazie al signor Besana, solo leggendo gli articoli e i documenti sul web mi sono sentita un po’ come nell’andare a trovare un vecchio amico che non vedevo da tempo […].

Arrivata finalmente al Cep alle 10 del mattino, con un’amica romana, ho potuto constatare all’istante la gentilezza e la generosità degli organizzatori, senza rendermi conto che la persona con cui, fino a quel momento, avevo scambiato battute divertenti e chiacchiere generiche, mentre affiggeva le locandine dell’evento e i cartelli che, di lì a qualche ora, avrebbero indirizzato la grande folla alle casse e successivamente all’entrata del PalaCep, fosse proprio Carlo Besana […].

Tutto ciò che ha organizzato è stato incredibile, per una piccola comunità come quella del Cep, non ho visto nessuno, durante tutta quella giornata, sedersi e rilassarsi un attimo, nemmeno gli anziani che parlottavano al bar davanti al PalaCep, nessuno, nessuno si è seduto un attimo, dal signore con l’Apecar che sgommava in giro ad appendere locandine, ai ragazzi che, professionalmente muniti di pass (non necessario, glielo assicuro, nessuno avrebbe avuto il pensiero di sconfinare e ledere al lavoro degli altri, perché il Cep che ho visto io è così, una grande famiglia, e quando metti piede nella loro casa, ti senti in dovere che debba andare bene), facevano i chilometri fuori e dentro l’area concerti, affinché andasse tutto per il meglio al momento dell’apertura botteghini e cancelli […].

Quando, alla fine del concerto, ci siamo incontrati con il signor Besana, mi sono sinceramente commossa leggendo la sua soddisfazione e ascoltando i ringraziamenti che lui faceva a noi, incredibile.

link

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.