padre, figlio, situazioni complicate…al cinema…

padre, figlio, situazioni complicate…al cinema…

 

tre film, di produzione italiana che mettono al centro il rapporto tra un papà in (diverse) situazioni complicate ed un figlio.

 

 

In questi giorni ho visto tre film, di produzione italiana, con un tema comune: il rapporto tra un papà in (diverse) situazioni complicate ed un figlio.

Il più atteso dei tre, “Hammamet”, mi ha parzialmente deluso.
Al netto della magistrale (ai limiti dell’incredibile) interpretazione di PierFrancesco Favino, straordinariamente supportato anche dal “team trucco”, il film mi è sembrato “né carne né pesce”
nelle intenzioni non voleva essere un film “politico”, e non lo è stato, ma ho trovato molto superficiale anche quello che avrebbe dovuto essere l’approfondimento del rapporto del protagonista con la figlia Stefania (nel film Anita).
Può anche darsi che la parziale delusione sia figlia della mia eccessiva attesa…

“Il Ladro di giorni” è a mio modesto avviso una bella occasione persa, pur con un bravissimo Riccardo Scamarcio, ormai quasi definitivamente migrato da “sex symbol” a “bad boy” ed un sorprendente attore dodicenne (Augusto Zazzaro) al suo primo impegno…
troppi elementi, alcuni ai limiti del credibile, non quadrano nella sceneggiatura, ed è un peccato perché la storia nel complesso è comunque interessante…

il meglio, con mia piacevole sorpresa, è arrivato da “Tutto il mio folle amore”, in cui tutto quadra alla perfezione…
la regia di Salvatores ai suoi livelli migliori, bravissimi gli attori con Claudio Santamaria a mio modesto avviso perfetto, oserei dire la sua migliore performance (assolutamente impeccabile la sua “interpretazione” di Modugno), Diego Abatantuono misuratissimo, una presenza importante che non toglie (e non invade) mai la scena agli altri, Valeria Golino semplicemente fantastica, un’attrice che credo abbia raccolto meno popolarità di quanta avrebbe meritato il suo talento.
E dulcis in fundo l’assoluta “chicca”: Giulio Pranno, 21enne esordiente, un sorprendente talento assoluto in un ruolo difficilissimo, quello del ragazzino attorno al quale ruota tutta la vicenda, ispirata al libro “Se ti abbraccio non aver paura”, storia on the road di un padre ed un figlio autistico che si ritrovano…
Davvero un gran bel film!!!

 

(clicca per ingrandire)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.