1954: la classe…non è acqua…

1954: la classe…non è acqua…

 

 

una piacevole serata senza nostalgia ma con la consapevolezza di essere beneficiari di un privilegio: quello di poter ripercorrere, e provare a far rivivere anche solo per un attimo, un periodo di grande spensieratezza…

 

Era così anche qualche decennio fa…
quando Maurizio (Pirovano, detto “Il Piro”), assume un’espressione seria, vuol dire che c’è in arrivo un’ironica provocazione…

e ieri sera non ha fatto eccezione…

Maurizio Pirovano

ad un certo punto, facendosi serio, e rivolgendosi a me ed a Carlo Rossini, sentenzia:

“Non ho mai capito il motivo per il quale, immeritatamente, per il concorso ‘il bambino più bello d’Italia’, le maestre abbiano indicato proprio Flaminio…me lo domando ancora oggi…”.

Negli anni successivi, parlo del periodo delle scuole medie e seguenti, la scelta delle maestre fu però avvalorata dai fatti…nel corso dei quali, infatti, fu ben viva in tutti la percezione che Flaminio potesse “cuccare” con minore sforzo rispetto agli altri…

ad alcuni decenni da quella “scelta immeritata” ieri sera ho avuto l’occasione per dare una definitiva conferma alle antiche percezioni, e contemporaneamente sminare la “provocazione” del Piro…

Flaminio e Maurizia
(clicca per ingrandire)

ieri infatti, grazie al pregevole impegno di Flaminio e Maurizia, si è tenuto un piacevolissimo incontro con la presenza di ben 25 ragazzi e ragazze di allora, giunti al traguardo dei 65 anni.

Ero seduto tra Marilena e Daniela, ed ho chiesto conferma, che è arrivata in un nanosecondo…
sì, Flaminio era il più ambito dalle ragazze luraghesi di quei tempi.

E non erano tempi facili come oggi…
a scuola le classi erano separate in maschili e femminili (anche alle medie), anche in chiesa le femmine stavano a sinistra ed i maschi a destra…
e proprio in chiesa ci si andava per “vedere e farsi vedere dalle ragazze”, mettendo in atto le diverse strategie, senza mai capire quale fosse la più efficace…

stare qualche fila più avanti, ed ogni tanto girarsi verso la “prescelta” di quel periodo, ed ogni tanto girarsi facendosi notare che la si stava guardando…
oppure stare qualche fila indietro, tenendola d’occhio, in modo che, se si fosse girata, si sarebbe stati pronti a farle notare che la si stava guardando…

a maggio, e l’ho già ricordato mesi fa (link) uno degli appuntamenti imperdibili per l’attuazione di queste strategie: è il “mese mariano”, e la parrocchia promuoveva la recita del rosario nelle corti e nei cortili, alle quali partecipavano le famiglie locali, comprese le ragazze…
e noi diventavamo improvvisamente assolutamente devoti, con l’auspicio che la Madonna compisse qualche miracolo per noi..

si attendevano con ansia le feste a casa di qualcuno/a, con l’immancabile giradischi con i dischi di vinile, i balli lenti già pronti per le “operazioni d’attacco” in caso di assenza dei genitori, con immediata manovra di abbassamento delle tapparelle

ho sempre avuto un’innata passione per la musica, ed alla fine “mettere i dischi” non era per me, una sofferenza eccessiva…
mi capitò anche anni dopo, alle rare feste cui partecipai nel periodo delle superiori…

anzi, a pensarci bene, forse è proprio a quel periodo che si deve la mia predisposizione al sociale, agli altri…
io mettevo i dischi e gli altri cuccavano…

come dicevo, Flaminio non aveva di questi problemi, credo non abbia mai “messo i dischi”…

a “toglierlo dalla piazza” ci pensò, anni dopo, la bellissima (ancor oggi) Lorena, più giovane di due anni, e non l’ha più mollato…
sono marito e moglie da 41 anni, e  Sabrina, loro figlia, fra poco li renderà nuovamente nonni

Flaminio da anni è responsabile della Sezione Alpini di Lurago, che con lui è diventata un punto di riferimento sempre più importante per la comunità luraghese.
Anche la “Baita”, la loro sede, è diventata un gioiellino: un ampio spazio verde che impreziosisce quella che un tempo era una malconcia cascina (quella detta della “Frisca”) ed ora è un luogo che può accogliere anche 70/80 persone alla ricerca di un luogo accogliente per poter pranzare o cenare.

Ed è proprio lì che ci siamo ritrovati ieri, dopo la S.Messa nella Chiesa parrocchiale di Lurago.

La Chiesa di Lurago – Foto di Susanna Giorato
(clicca per ingrandire)

 

Gruppo (parziale) sul sagrato della Chiesa – Foto di Susanna Giorato
(clicca per ingrandire)

Dopo la funzione nel “regno del Signore” (che anni fa mi vide sull’altare prima come chierichetto poi come lettore, un incarico che mi venne assegnato dal Prevosto Don Spirito Colombo) ed alcune foto sul sagrato (ma mancavano alcuni dei nostri coscritti) ci siamo incamminati verso il vicino “regno di Flaminio”, la Baita.

clicca per ingrandire
(foto di Susanna Giorato)

 

Dalla strada, in alto rispetto alla statale, non ho potuto evitare un dolce sguardo verso il sottostante “Crocino”… da lì si vede nitidamente il balcone sul retro della casa in cui, dopo il periodo a S. Rocco, ho trascorso molti anni con mia sorella ed i miei genitori.

Sullo sfondo un panorama cui, da quando abitiamo a Genova, non siamo più abituati…le catene montuose baciate dalle calde luci del tramonto.

 

 

 

Gruppo (parziale) in via Mazzini – Foto di Susanna Giorato
(clicca per ingrandire)

Prima di arrivare alla Baita, un altro spettacolo, stavolta sulla destra: la Villa Sormani, incorniciata dalle rosse foglie autunnali cui Susanna ha dedicato (con lo smartphone) un paio di foto ben riuscite.

 

Villa Sormani
(clicca per ingrandire)

 

Villa Sormani – Foto di Susanna Giorato
(clicca per ingrandire)
 
Villa Sormani – Foto di Susanna Giorato
(clicca per ingrandire)

Non la ricordavo così bella…intendo Villa Sormani, non Susanna…

lei lo è sempre stata e lo sarà sempre…
(versetto estrapolato dal “Vangelo secondo il marito ruffiano”…).

Dimenticavo…Susanna, che raggiungerà i 65 anni nel 2031, ha potuto essere presente grazie ad una deroga per motivi speciali (non si fidava a farmi tornare a Genova da solo, a tarda notte).

Grazie a questo anche lei ha avuto, come me, il piacere aggiuntivo di rivedere due altri amici che non vedevamo da tempo, Gianni e Raimonda, miei vicini di casa che ci hanno raggiunti per un saluto proprio dal “Crocino”, dove abitano ancora.

L’aperitivo alla Baita organizzato da Flaminio ha dato il via all’apertura del cassetto dei ricordi che avrebbe caratterizzato tutta la piacevole serata.
Il primo scoglio, almeno per me, dapprima alla Baita poi a cena, al Ristorante Brambilla, dove ci ha raggiunti chi non ha potuto essere presente alla Messa ed all’aperitivo, è stato quello di mettere a fuoco in tempi rapidi i volti di oggi con quelli di molti anni fa.

ci saranno i nomi dietro la foto?
(clicca per ingrandire)

 

Claudia ed Ermanno Mauri
(clicca per ingrandire)

Nel gruppo dei coscritti di ieri sera, ero l’unico “emigrato”, l’unico ad aver lasciato Lurago (tre anni a Como, dall’80 all’83, poi dal ’93 a Genova); gli altri hanno avuto più occasioni per incontrarsi, anche occasionalmente, in questi anni, e questo aiuta non poco ad “adeguare” il ricordo di un volto al tempo che scorre…

negli ultimi anni ho avuto occasione di rivedere occasionalmente Carlo Rossini, Carlo Lambrughi, Flaminio, Gianluigi, Luigi, Ermanno, Giordano, Maurizia e Maurizio…
Dolores e Maria Grazia grazie a Facebook…

esattamente la metà…
con l’altra metà l’ultimo contatto diretto risaliva a tempi tra 27 e 50 ed oltre anni fa…

però…

Daniela l’ho riconosciuta subito
a suo tempo l’ho invidiata non poco, i suoi erano titolari a Lurago di un’azienda dolciaria…
lei è insegnante, e tra le sue allieve ha avuto anche Greta, la figlia di Carlo Rossini…

Marisa pure
avete presente il modo di dire “sorridere con gli occhi”?
Ecco, Marisa da ragazzina aveva questo tipo di sorriso, immediatamente coinvolgente…
impossibile non riconoscerla ieri sera, ha ancora lo stesso sorriso…

Ornella invece mi ha subito fatto ricordare “Monticello”…
è la frazione di Lurago in cui abitava, un gruppo di case su una piccola collina non molto distante da S. Rocco…
lì, a San Rocco, prima di trasferirci al Crocino, abitavo con i miei, in una casa sul piazzale del distributore di benzina di mio papà…
chi abitava a Monticello passava quasi obbligatoriamente da S. Rocco, ed a quei tempi per fare la spesa o per andare a scuola ci si muoveva a piedi, ed inevitabilmente ci si vedeva…
vedendo lei mi sono ricordato anche di sua sorella Vincenzina, di un anno più grande di mia sorella…

quando ho visto Marilena invece mi si sono attivati due microchips della memoria…
abitava in una casa sulla curva, molto stretta, a pochi metri dalla casa di Carlo Rossini (più o meno di fronte) ed attigua al negozio da parrucchiere di Oreste, papà di Carlo…
Io e Carlo giocavamo spesso a pallone in quei pochi metri che ci sembravano grandi come il Maracanà, proprio sotto la sua finestra…
non ne sono certissimo, ma mi pare di ricordare che proprio in casa sua venne organizzata una festicciola tra coetanei…
una di quelle in cui mettevo i dischi…sicuramente me ne sarò occupato io anche quella volta
uno dei suoi fratelli (non so se Chicco o Silvano, probabilmente quest’ultimo) alcuni anni più avanti, nel periodo in cui il fenomeno era dilagante, collaborava con una piccola radio privata locale, Radio Delta
conduceva un programma in cui, ad un certo punto, si faceva un gioco a quiz su canzoni ed altre cose…
un paio di sere fui “preso” dalla partecipazione, arrivai alla soluzione entrambe le volte in tempi rapidissimi…
in modo garbato e simpatico mi chiese più o meno di lasciar giocare anche gli altri…

Giuliana invece per me è sempre “la figlia del macellaio”…
suo papà era il macellaio di Lurago, mia mamma si riforniva solo da lui, il signor Guido
in paese ci si definiva anche in base all’attività di famiglia… Carlo era “ul fioeu del barbé”, io e Giordano “ul fioeu del benzinàa” (due distributori “rivali”, posizionati agli opposti ingressi in paese), Dolores e suo fratello Amos erano “ul fioeu e la tusa del casell” (il passaggio a livello vicino a S. Rocco) e così via…
e Giuliana era (e per me è sempre) “la tusa del macelar”.
Suo papà Guido me lo ricordo bene, e quando da piccolo andavo a far la spesa con mia mamma mi incuteva un po’ di terrore quest’uomo bello tosto che maneggiava con decisione affilatissimi coltelli…

Maria è la moglie di Rinaldo Redaelli, che oltre ad essere stato spesso compagno di giochi all’oratorio (di tre anni più giovane di noi), fu poi dirimpettaio, con la sua edicola, della farmacia che ho gestito ad Inverigo fino al ’92.
Maria è stata la “first lady” di Lurago per ben dieci anni in quanto Rinaldo infatti è stato per ben due mandati consecutivi primo cittadino.
Non ci vedevamo da 27 anni e, stranamente, il “vuoto di memoria”, con mia somma soddisfazione…, l’ha avuto Susanna, che pure era al mio fianco in farmacia ad Inverigo…

Per “mettere a fuoco” Loredana e Maurilia ho avuto necessità di nome e cognome…
non perché fossero “meno riconoscibili”, anzi, guardando la foto della classe femminile delle elementari le ho identificate immediatamente, ma perché credo di averle viste l’ultima volta, prima di ieri, proprio al tempo delle elementari…

e sono trascorsi ben più di 50 anni…

riconoscibilissimo anche Franco; non era in classe con noi ma lo ricordo perfettamente, i lineamenti molto somiglianti ancora a quello che, come gli ho detto, ricordavo come un bambino tranquillo e quieto.

Giancarlo non potevo ricordarlo, è una “new entry” luraghese del ’54…

su Claudia, Ines e Giulia, invece, buio totale…

continuerò a “stimolare” i cassettini della memoria…
ma c’è una possibile giustificazione…

come dicevo all’inizio, a quei tempi a scuola, sia alle elementari che alle medie, le classi erano esclusivamente maschili o esclusivamente femminili, e non c’erano manco occasioni di lezioni comuni…non era così scontato riuscire a conoscere tutte le nostre coetanee…ma continuerò a frugare nei microchips sonnolenti della mia memoria…

molto vivo invece il ricordo dei nostri insegnanti, sia delle elementari che delle medie (per me inevitabile la “celebrazione” del maestro Gerardo Aguglia, che ricordo con immutato affetto e che è stato a cena con alcuni di noi più o meno 4 anni fa)…

e come non ricordare il bidello, Paolo Crotta, che era anche il sacrestano…con un bastone lungo, che finiva con stoppino e piccola campana, spegneva o accendeva, con grande abilità, le candele posizionate molto in alto, sull’altare….
E’ bastato citarlo per innescare il ricordo delle sue “incazzature” a scuola…
se facevamo un po’ di casino, eccolo arrivare, indicare a caso tre alunni, e sentenziare: “Vun, du, tri: tutt’e quater in segreteria!!!”
ancora oggi non riusciamo a capire come potessimo, essendo in tre, andare tutti e quattro in segreteria… 😊

La “separazione, ora non più praticata, tra maschi e femmine, ha evidenziato una singolare separazione anche in questa categoria di ricordi, cui non avevo mai fatto caso: negli 8 anni di scuola, tra elementari e medie, non abbiamo avuto alcun insegnante in comune con le nostre coetanee…

un piccolo scrigno di ricordi “privati” tra tanti ricordi comuni che sono affiorati di continuo, ieri sera, senza nostalgia ma con la consapevolezza di essere beneficiari di un privilegio: quello di poter ripercorrere, e provare a far rivivere anche solo per un attimo, un periodo di grande spensieratezza…

un privilegio che è stato negato a Claudio, Giancarlo, Giulio, Ettore, Laura ed altri ancora…

con encomiabile sensibilità Maurizia e Flaminio hanno provveduto a recapitare fiori ai nostri coetanei che non ci sono più fisicamente ma che vivono ancora in molti dei nostri ricordi…

altri fiori, splendide rose rosse, sono stati invece scelti da Flaminio per un gradito omaggio alle nostre coetanee presenti ieri sera…

non c’è niente da fare…

passano gli anni, ma il nostro “vecchio leone” continua a ruggire e, memore dei bei tempi, prova sempre a “far breccia”…

d’altro canto, come si dice?…

la classe (1954) non è acqua…

il selfie di Flaminio con Claudia Mauri
(clicca per ingrandire)

 

 

La torta
(clicca per ingrandire)

 

La torta
(clicca per ingrandire)

 

Gruppo con torta – Foto di Susanna Giorato
(clicca per ingrandire)

 

 

Il poster della serata
(clicca per ingrandire)

Un po’ di amarcord…

Quarta Elementare, 1964
(clicca per ingrandire)
Quinta Elementare, 1965
(clicca per ingrandire)
Scuole Medie, anno da definire
(clicca per ingrandire)

 

Scuole Medie, anno da definire
(clicca per ingrandire)

 

Classe Femminile Elementari, anno da definire
(clicca per ingrandire)

 

Quinta Elementare, 1965
(clicca per ingrandire)

Scuole Medie, lezione mista?
(clicca per ingrandire)

 

Classe 1954, Lurago d’Erba…ieri e oggi…

 
la galleria delle foto

le foto singole del “poster”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.