la genesi della Festa di Halloween e la squallida sceneggiata di Mario Giordano

la genesi della Festa di Halloween e la squallida sceneggiata di Mario Giordano

 

 

la genesi della Festa di Halloween e la squallida sceneggiata di Mario Giordano…

 

“Non voglio festeggiare Halloween, voglio festeggiare la festa di Ognissanti e voglio anche celebrare la giornata di tutti i defunti. Si spendono ogni anno 300 milioni per vestiti di zombie, di scheletri, di cose orrende, mostruose, tutto per importare una tradizione che non è la nostra e dimentichiamo invece le nostre radici, la tradizione la zuppa di ceci, il pan dei morti”.

Questa l’imbarazzante pantomima messa in scena da Mario Giordano nel corso della puntata di “Fuori dal coro” mandata in onda da Rete4 alla vigilia della Festa di Halloween 2019.

Imbarazzante perché, come ampiamente illustrato nel post pubblicato su Fb da Roberta Galvini, riportato più avanti in questa pagina, la genesi di questa festa trova un solido punto in comune tra la tradizione celtica ed il Cristianesimo… 

Difficile pensare che Mario Giordano ignori tutto questo…
ha 53 anni, è giornalista, saggista e conduttore televisivo esperto, in passato ha diretto sia Rete4 che Studio Aperto…

viene più facile pensare ad una squallida sceneggiata a beneficio dei (purtroppo) tanti gonzi che ancora lo seguono…  

 

 

 

 

questo il dettagliatissimo post pubblicato da Roberta Galvini il 31 ottobre 2019 sul suo profilo Fb.

Ecco, nel dubbio…se qualcuno volesse farlo pervenire a Mario Giordano…
magari è proprio, semplicemente, ignorante in materia…

 

Forse non tutti sanno che la festa di Halloween non nasce in America ma ha origini antichissime rintracciabili in Irlanda, quando la verde Erin era dominata dai Celti.

Halloween corrisponde infatti a Samhain, il capodanno celtico.

Dall’Irlanda, la tradizione è stata poi esportata negli Stati Uniti dagli emigranti, che, spinti dalla terribile carestia dell’800, si diressero numerosi nella nuova terra.
Il nome Halloween (in irlandese Hallow E’en), deriva dalla forma contratta di All Hallows’ Eve, dove Hallow è la parola arcaica inglese che significa Santo: la vigilia di tutti i Santi, quindi.

I Celti erano prevalentemente un popolo di pastori, a differenza di altre culture europee, come quelle del bacino del Mediterraneo.
I ritmi della loro vita erano, dunque, scanditi dai tempi che l’allevamento del bestiame imponeva, tempi diversi da quelli dei campi.

Alla fine della stagione estiva, i pastori riportavano a valle le loro greggi, per prepararsi all’arrivo dell’inverno e all’inizio del nuovo anno.

Per i Celti, infatti, l’anno nuovo non cominciava il 1° gennaio come per noi oggi, bensì il 1° novembre, quando terminava ufficialmente la stagione calda ed iniziava la stagione delle tenebre e del freddo, il tempo in cui ci si chiudeva in casa per molti mesi, riparandosi dal freddo, costruendo utensili e trascorrendo le serate a raccontare storie e leggende.

L’avvento del Cristianesimo non ha del tutto cancellato queste festività, ma in molti casi si è sovrapposto ad esse conferendo loro contenuti e significati diversi da quelli originari.

La morte era il tema principale della festa, in sintonia con ciò che stava avvenendo in natura: durante la stagione invernale la vita sembra tacere, mentre in realtà si rinnova sottoterra, dove tradizionalmente, tra l’altro, riposano i morti.
Da qui è comprensibile l’accostamento dello Samhain al culto dei morti.

I Celti credevano che alla vigilia di ogni nuovo anno, cioè il 31 ottobre, Samhain chiamasse a sé tutti gli spiriti dei morti, che vivevano in una landa di eterna giovinezza e felicità chiamata Tir nan Oge, e che le forze degli spiriti potessero unirsi al mondo dei viventi, provocando in questo modo il dissolvimento temporaneo delle leggi del tempo e dello spazio e facendo sì che l’aldilà si fondesse con il mondo dei vivi e permettendo agli spiriti erranti di vagare indisturbati sulla Terra.

Samhain era, dunque, una celebrazione che univa la paura della morte e degli spiriti all’allegria dei festeggiamenti per la fine del vecchio anno.

Durante la notte del 31 ottobre si tenevano dei raduni nei boschi e sulle colline per la cerimonia dell’accensione del Fuoco Sacro e venivano effettuati sacrifici animali.

Vestiti con maschere grottesche, i Celti tornavano al villaggio, facendosi luce con lanterne costituite da cipolle intagliate al cui interno erano poste le braci del Fuoco Sacro.

Dopo questi riti i Celti festeggiavano per 3 giorni, mascherandosi con le pelli degli animali uccisi per spaventare gli spiriti.
In Irlanda si diffuse l’usanza di accendere torce e fiaccole fuori dagli usci e di lasciare cibo e latte per le anime dei defunti che avrebbero reso visita ai propri familiari, affinché potessero rifocillarsi e decidessero di non fare scherzi ai viventi.

Attraverso le conquiste romane, Cristiani e Celti vennero a contatto.

L’evangelizzazione delle Isole Britanniche portò con sé un nuovo concetto della vita, molto distante da quello celtico e durante tale periodo la Chiesa tentò di sradicare i culti pagani, ma non sempre vi riuscì.

Halloween non fu completamente cancellata, ma fu in qualche modo cristianizzata, tramite l’istituzione del giorno di Ognissanti il 1° Novembre e, in seguito, della commemorazione dei defunti il 2 Novembre.

L’influenza del culto di Samhain non fu, tuttavia, sradicata e per questo motivo la Chiesa aggiunse, nel X secolo, una nuova festa: il 2 Novembre, Giorno dei Morti, dedicato alla memoria delle anime degli scomparsi.

Roberta Galvini – Foto di Roberta Galvini
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.