“Vecchia Dogana”, un ristorante a…13 stelle…

“Vecchia Dogana”, un ristorante a…13 stelle…

il racconto, anche per immagini, di una serata magica in un luogo incantevole…

Tagliere di formaggi e salumi locali a km zero…
Wonderful tonight…
Ravioli al tuccu…
Somebody to love…
Pansoti al sugo di noci…
I will survive…

no, non è il frammento di un menu “impazzito”…

è una parte del menu gastronomico musicale offerto dal ristorante “Vecchia Dogana” di Rossiglione la sera di venerdì 17, in barba a tutte le liturgie scaramantiche, sempre presenti anche nel mondo dello spettacolo, e che stranamente non hanno preoccupato i promotori della serata…

era oltretutto preannunciato, dalle previsioni meteo, un clima da tregenda, che avrebbe messo a repentaglio la riuscita della serata…

ma, come detto, il ristorante si chiama “Vecchia Dogana”, ed in quanto tale ha costretto Eolo e Giove Pluvio a fermarsi alla frontiera di Rossiglione, rendendoli spettatori da lontano, e non sgraditi protagonisti, di una serata magica in cui i piatti della buona cucina si sono lasciati rosolare, accomodare, mantecare dalle note di grandi successi internazionali magistralmente eseguiti da una corposa, prestigiosa band allestita per l’occasione, senza prove e senza scaletta…

Il tutto nell’incantevole ed incantata atmosfera del delizioso giardino del ristorante, con i preziosi “funghi riscaldanti” che, nell’oscurità, riuscivano a dare il fascino aggiuntivo di un’atmosfera antica, quella dell’era in cui gli spazi all’aperto erano illuminati dal fuoco continuo di grandi torce

in fondo al giardino, un rialzo, raggiungibile da due passaggi laterali, trasformato in palco naturale, impreziosito sul bordo da presenze floreali, che sono un bel vedere e “fanno molto Sanremo”…

il selfie di gruppo sul palco della “Vecchia Dogana”
– Rossiglione, 17 settembre 2021 –
(clicca per ingrandire)
da sinistra: Mario Rollandini, Massimo Ben Trigona, Alessandro Pelle, Andrea Maddalone, Matteo Merli, Aldo De Scalzi, Roberto Tiranti, Carlo Parola, Armanda De Scalzi, Mauro Culotta, Edmondo Romano, Chico Schoen e Luca Cresta

Palpabile l’entusiasmo e la soddisfazione dei presenti che non hanno mancato di scattare foto o trasmettere video in diretta social, pur nella consapevolezza di non riuscire ad offrire un servizio all’altezza della qualità riscontrabile “live”, vista la necessaria “costrizione” di dover operare dai tavoli…
una consapevolezza che ha dovuto fare i conti con la voglia di condividere, in real time, con chi non era presente, la piacevolezza di un evento musicale di assoluto livello, tenendo per sé, inevitabilmente, il piacere aggiuntivo del mix musicale gastronomico, che ha trovato curiosi abbinamenti…

I curiosi abbinamenti

Massimo Ben Trigona ha delicatamente pizzicato le corde del suo basso, uno strumento che all’orecchio meno esperto sembra essere sempre nascosto chissà dove, e si accorge della sua importanza quando non c’è, un po’ come il pepe verde che accompagna il gustoso filetto…

Il nobile branzino, unica proposta di pesce, si è lasciato incantare dai virtuosismi di Edmondo Romano, unico rappresentante della “sezione fiati”, che con le sue fantastiche escursioni dalla cornamusa al sax contralto, passando attraverso il flauto low whistle, ha condito la serata con magistrali momenti di nobiltà musicale…

e che dire del tagliere di salumi e formaggi a km zero, con l’aggiunta di diverse varietà di miele…
meglio gli affettati o meglio gli squisiti prodotti della fermentazione del latte, ben distribuiti sullo stesso tagliere?…
un bel dilemma…
come chiedere se fossero meglio i virtuosismi di Mauro Culotta o quelli di Andrea Maddalone
inutile porsi la questione: con le loro chitarre hanno offerto un mirabile saggio di quanto, con lo stesso strumento, si possano toccare le corde del piacere musicale in modo incredibilmente diverso da prestigiosi pianeti paralleli…

alla “Vecchia Dogana” c’è un’ampia scelta di ottimi vini
abbiamo scelto un ottimo Barbera, in grado di fare da collante a tutti i piatti, traducendosi anche in un delizioso valore aggiunto…
come le tastiere sulle quali hanno danzato le dita di Chico Schoen e Luca Cresta, che a volte aprono i brani, sempre li accompagnano, e spesso, quando occorre, “fanno orchestra”

i piatti a base di carne, nel menu della “Vecchia Dogana”, la fanno da padroni, ed esprimono una perfetta sintesi tra l’alta qualità della materia prima e la bravura di chi ha il compito di trasferirla intatta attraverso la lavorazione richiesta dalla formulazione delle diverse ricette…
proprio come Roberto Tiranti, Matteo Merli e Carlo Parola, che hanno ricevuto dalla natura un dono straordinario, la loro voce…
un dono coltivato con anni di serio lavoro, che riescono a somministrarci intatto, plasmandolo e modulandolo interpretando brani pescati da generi musicali anche molto diversi…

Alessandro Pelle ha suonato da par suo la batteria, spaziando dal delicato, non invadente compito di dettare il ritmo ai momenti in cui è necessaria una presenza più potente
proprio come gli inusuali tagliolini alla polpa di riccio, un primo piatto ricercato in cui primeggia il gusto della polpa di riccio di mare, deliziosa ma allo stesso tempo potente sotto l’aspetto nutritivo, ricca com’è di proteine, vitamine e sali minerali…

si sa che in ogni menu che si rispetti non può mancare il dolce
ed anche il menu musicale non ha voluto essere da meno, con l’unica, dolcissima presenza femminile, quella di Armanda De Scalzi…
una voce fantastica, con un’incredibile estensione vocale che le consente di passare con naturale indifferenza dal dolce, melodioso flautato alle esplosioni richieste dalle “pietre miliari” della Disco Music…
un po’ come la torta della nonna, che quando ti guarda dal piatto ti dà l’impressione di tranquilla dolcezza, salvo poi esplodere in tutti i suoi sapori al primo boccone…

ed a quale portata potremmo “abbinare” il principe della serata, Aldo De Scalzi, che pur giocando a fare la voce solista, il corista, il “tastierista di riserva”, ha soprattutto condotto per mano, con la discrezione che lo contraddistingue, le varie performances dei musicisti che ha radunato sul palco ed ha svolto il ruolo, per dirla alla Renzo Arbore, di “bravo presentatore”?
insomma, di tutto un po’…
beh, di primo acchito direi gli spaziali “ravioli al tuccu”, un piatto che sa essere ruspante, nella migliore accezione del termine, e, come viene cucinato alla “Vecchia Dogana”, riesce ad essere allo stesso tempo semplicemente divino…

proprio come Aldo, un artista che, con il collega Pivio Pischiutta, ha scritto un’infinità di colonne sonore per il cinema, la tv ed il teatro, con tantissime nominations che si sono tradotte in 2 “Globo d’Oro”, 4 “Nastro d’argento” e ben 3 “David di Donatello”, ripartiti tra migliori colonne sonore e migliori canzoni originali, e continua a conservare la sua semplicità, (per dirla in gergo: non se la tira neanche un po’…), la sua ruspante voglia di divertirsi sul palco con i musicisti che, prima ancora che colleghi, sono soprattutto amici

ed una grande sensibilità che ha toccato, venerdì sera, il punto più alto in due distinti momenti…

la grande sensibilità di Aldo…

il primo quando ha chiamato sul palco sua nipote Armanda, figlia di Vittorio che, come ha ricordato Aldo, è alle prese con le serie conseguenze del Covid che l’ha colpito, duramente, circa sette mesi fa, poco prima che fosse disponibile il vaccino…

Armanda, come detto, ha una voce fantastica ed Aldo l’ha invitata a cantare, con lui e con il pubblico, una delle più belle canzoni scritte da suo papà, Vittorio De Scalzi, nel periodo d’oro dei New Trolls, l’intramontabile “Quella carezza della sera”…

è una canzone in cui il protagonista è il bambino che ricorda con nostalgia il momento in cui, ogni sera, il papà tornava dal lavoro e lui si nascondeva in giardino, sfidandolo a trovarlo…

la partecipazione del pubblico, manco a dirlo, è stata palpitante e c’è stata netta la percezione che papà Vittorio, anziché costretto a casa, fosse proprio lì con noi, che fosse lui stavolta ad essersi nascosto chissà dove nel giardino della “Vecchia Dogana”, ad assaporare un’affettuosa carezza in musica, che di certo avrà fatto piacere ad Armanda ed Aldo…

Aldo ed Armanda De Scalzi – “Quella carezza della sera”
– Rossiglione, “Vecchia Dogana”, 17 settembre 2021 –
(clicca per ingrandire)
“Quella carezza della sera”, Armanda ed Aldo De Scalzi

le deliziose, delicate emozioni di Filippo…

il secondo quando, alla fine della serata e prima di dedicargli il brano “September”, mitica hit degli Earth, Wind and Fire, ha chiamato sul palco il titolare della “Vecchia Dogana”, Filippo Travo, del quale ha magnificato non solo le qualità di ristoratore ma anche, se non soprattutto, lo spessore umano che lo porta a gesti di spontanea solidarietà.

E ci si può fidare, Aldo se ne intende, è persona speciale che ha messo la solidarietà e la sensibilità in uno spazio non marginale della sua vita, anche nella costruzione della sua bella famiglia.

Filippo Travo mi ha ricordato i deliziosi, delicati pansoti al sugo di noci
deliziose, e delicate, anche le sue emozioni, divise tra la commozione per le parole di Aldo e la trepidazione per la vicinanza e l’abbraccio (anche fisico) di questo grande artista…

ha ringraziato la moglie Giovanna ed i figli, tutti coinvolti nella gestione di questo locale unitamente ai preziosi collaboratori, senza dimenticarsi degli artisti che, non solo ieri sera, gli hanno consentito di offrire alla sua clientela serate in cui la buona musica ha funzionato da speciale contorno alle sue proposte gastronomiche…

Filippo Travo ed Aldo De Scalzi sul palco della “Vecchia Dogana”
– Rossiglione, 17 settembre 2021 –
(clicca per ingrandire)

Il più simpatico “mago dei suoni”…

Mario Rollandini nel 2000, al Pianacci, con corta capigliatura nero corvino e “tastiera alla Sandy Marton” (clicca per ingrandire)

alla fine ha ringraziato anche Mario Rollandini

eh sì, c’era anche lui, come sempre alle prese con la gestione delle varie uscite di voci e strumenti…

era lì, un po’ defilato, esternamente ai tavoli, per non dare fastidio a clienti e camerieri, ad armeggiare nella penombra con il display del suo monitor-regia…

Mario è un bravo tastierista (quando l’ho conosciuto, una ventina d’anni fa, suonava la “tastiera da collo” resa famosa da Sandy Marton) e quando si occupa della regia audio le sue dita scorrono veloci tra i cursori, trattandoli con la stessa maestria e delicatezza riservata ai tasti bianchi e neri dell’amata tastiera…

era nella penombra, ad un palmo dalla parete corrispondente alla cucina del ristorante, nella quale un altro sapiente artista si stava destreggiando tra quelli che sono i tasti della sua tastiera, quelli che di norma hanno la forma e la consistenza dei fornelli, tra i quali volteggia con la stessa maestria del nostro Rollandini…

La 13^ stella…

Il ringraziamento, sincero, di Filippo Travi, ha consentito a tutti di premiare, con un applauso, il più simpatico “mago dei suoni”, 13^ stella della serata, che si è aggiunta alle 12 stelle che si sono esibite sul palco…

a pensarci bene, e ricordando, come detto all’inizio, che i riti scaramantici, come nello sport, non mancano mai nel mondo dello spettacolo…

ma avevo proprio pensato che lui, Aldo De Scalzi, il promotore e regista di questa magica serata, non si fosse preoccupato di esorcizzare la data scaramanticamente infelice, il 17 per giunta di venerdì?

ma dai, che ingenuo anche a solo pensarlo…

eccolo lì, un bel numero 13 ad opporsi, e contrastare efficacemente, quel numero sinistro…

eh sì, i grandi artisti ne sanno una più del diavolo…
che, come si sa, fa le pentole e non i coperchi…

a proposito di diavoli e pentole…

fortunatamente in cucina, alla “Vecchia Dogana” non c’è un diavolo…

lì, lo sappiamo, c’è l’angelo dei fornelli…

Galleria fotografica

Galleria video (by Susanna Giorato)

“Human nature”, Carlo Parola
“I will survive”, Armanda De Scalzi
“Somebody to love”, Matteo Merli, Roberto Tiranti e Carlo Parola
“Have I told you lately”, Matteo Merli
“Hallelujah”, Armanda De Scalzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.