un ricordo legato a un granello di sabbia…

un ricordo legato a un granello di sabbia…

“ti voglio cullare cullare,
posandoti sull’onda del mare del mare,
legandoti a un granello di sabbia,
così tu, nella nebbia, più fuggir non potrai…
e accanto a me tu resterai…”

Ieri, all’età di 89 anni, è mancato Nico Fidenco, cantante (ed autore) popolarissimo soprattutto negli anni ’60.

Il suo nome viene accostato, immancabilmente, alle note di “Legata a un granello di sabbia”, un brano che letteralmente spopola nel 1961, rendendolo indissolubilmente legato ad un artista già affermato soprattutto per le cover di brani inseriti nelle colonne sonore di film di grande successo.

Tra questi, oltre al popolarissimo “L’uomo che non sapeva amare” (dall’omonimo film con George Peppard), uno stupendo brano del 1961, “Exodus”, dall’omonimo film premiato nel 1960 con l’Oscar ad Ernest Gold per la colonna sonora.

La “versione in italiano” di Nico Fidenco viene registrata per la RCA con l’ausilio dell’Orchestra diretta da Ennio Morricone, in quegli anni vera e propria colonna della casa discografica.

Il vinile di “Exodus”, che è sopravvissuto ai miei traslochi, ha sul lato B un brano dolcissimo, “Come nasce un amore“, che è ben vivo nei miei ricordi.

Avevo 7 anni, non avevamo la possibilità di acquistare tanti dischi, e ci veniva in soccorso, di tanto in tanto, un amico di mio papà, Aldo Lambrughi, che abitava a San Rocco di Lurago d’Erba, dove abitava pure la mia famiglia, e soprattutto aveva un’attività che comprendeva la gestione di diversi juke box, tra i quali ovviamente quello del Bar Moderno, dirimpettaio del distributore di benzina gestito da mio papà.

Capitava di frequente che Aldo ci regalasse un po’ di dischi rigorosamente “edizione speciale per juke box”.
E quel disco di Nico Fidenco venne scelto da mia sorella, che di anni ne aveva “già” 12, credo proprio per il fascino della melodia e del testo di quel dolcissimo brano interamente scritto da Nico Fidenco.

Ti voglio far provare, come nasce un amore
Forse tu non lo sai
Piano, piano ti sfiorerò, e le labbra ti toccherò,
e vicino, vicino ti starò
E come una farfalla, che si posa su un fiore
io ti accarezzerò
Piano, piano ti stringerò, piano, piano ti bacerò
e nessuno ci sentirà, e nessuno ci troverà, mai, mai, mai più
E così, senza rumore, così nasce un amore
Forse tu non lo sai

La copertina di questo post però non può non essere dedicata a “Legata a un granello di sabbia”.

La canzone viene proposta al Festival di Sanremo 1961, ma non viene ammessa, in quanto ritenuta non in linea con la tradizione del festival.

La RCA crede molto in questo brano, scritto da Nico Fidenco ed arrangiato dal grandissimo Luis Enriquez Bacalov (compositore che nel 1996 vince l’Oscar per la colonna sonora del film “Il postino”).

“Legata a un granello di sabbia” viene riproposta nella stagione estiva, ed è un incredibile boom: oltre 3 mesi in cima alle classifiche di vendita, con oltre un milione di copie vendute…

Un successo popolare evidentemente inadatto alle competizioni.

Nel 1968 “Canzonissima”, un programma di grandissimo successo televisivo, cui è legata la “Lotteria Italia”, torna alla sua denominazione originale, mantenendo il suo tradizionale “format”, cioè una gara ad eliminazione tra cantanti, che nelle fasi eliminatorie propongono loro storici successi.

E’ un’edizione che nasce tra le polemiche: viene impedito alla conduttrice, la mitica Mina, di partecipare alla gara; viene contestato (e di conseguenza ridotto) il numero degli artisti stranieri, ma tutto questo non va minimamente ad inficiare il successo di un’edizione che lancia la sua sigla, “Zum Zum Zum”, una marcetta evergreen portata al successo dalla stessa Mina e da Sylvie Vartan.

Alla gara partecipa anche Nico Fidenco, che ovviamente propone nelle eliminatorie proprio “Legata ad un granello di sabbia”, riservandosi evidentemente di portare nelle eventuali fasi successive altri suoi successi (tra i quali “Con te sulla spiaggia”, seconda al “Disco per l’estate” 1964 vinto da “Sei diventata nera” dei Marcellos Ferial).

La gara per Nico Fidenco riserva però l’amarezza dell’eliminazione già al primo turno, condivisa peraltro con molti altri artisti dati tra i favoriti.

Non è così per Gianni Morandi, che stravince la finalissima con “Scende la pioggia”.

La foto in copertina è proprio quella del vinile (pure sopravvissuto ai miei vari traslochi) prodotto nel 1968, come lato B di “Va’ ragazzo”, sigla di un programma televisivo di cui francamente non ho alcun ricordo…

Negli anni Nico Fidenco avrà avuto modo di consolarsi: sono moltissimi i brani vincitori di gare canore negli ultimi 60 anni che non sono riusciti a restare impressi nella memoria collettiva…

“Legata ad un granello di sabbia”, non ammesso a Sanremo 1961 e bocciato a Canzonissima 1968, è invece un brano ancora così “vivo” che non si fa in tempo a citarlo che subito ci troviamo a canticchiare il suo immortale…

“ti voglio cullare cullare,
posandoti sull’onda del mare del mare,
legandoti a un granello di sabbia,
così tu, nella nebbia, più fuggir non potrai…
e accanto a me tu resterai…”

Nico Fidenco
Il vinile di “Come nasce un amore”
(clicca per ingrandire)
Il vinile di “Exodus”
(clicca per ingrandire)
Il vinile di “Legata a un granello di sabbia” (clicca per ingrandire)
“Exodus”
“Legata a un granello di sabbia”
“Con te sulla spiaggia”
Copertina e vinile di “Legata a un granello di sabbia” per “Canzonissima 1968
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.