è sempre una questione di calcoli…ignobili…

è sempre una questione di calcoli…ignobili…

Lo scorso lunedì ho avuto una colica renale, con passaggio al Pronto Soccorso.

Mercoledì visita dal mio urologo di fiducia ed anche la sua ecografia, così come quella del Pronto Soccorso, non riesce ad evidenziare la presenza di calcolo, che da qualche parte si dev’essere “nascosto” (anche se si fa “sentire”, rintuzzato dall’efficacia di salvifiche iniezioni di Toradol…).

L’urologo suggerisce una TAC senza mezzo di contrasto, lo strumento più sicuro per localizzarlo e fugare altri dubbi.

Giovedì il medico curante mi prescrive l’esame, chiamo il CUP, ma non ci sono agende libere per fare una TAC.
Chiedo i tempi di attesa.
Non si sa, le agende chiuse non offrono elementi di previsione.

Mi arrendo…

Fortunatamente ho una buona (ancorché onerosa) copertura assicurativa, ed ho optato per la struttura privata.

Due giorni di attesa (oltre al weekend) e con un costo di 300 euro il calcolo è stato “scovato”, anche consistente…
con l’auspicio che se ne possa andare da solo, senza necessità di intervento chirurgico…

Il “calcolo” più doloroso ed inquietante è comunque un altro…

ho il privilegio di potermi permettere una copertura assicurativa e la TAC alla fine mi costerà “solo” 60 euro di franchigia.

E chi non può permettersi la copertura assicurativa?
Si tiene dolori e preoccupazioni senza avere certezze?
E per quanto tempo?


La sanità è sempre più considerata un settore sul quale effettuare risparmi invece di essere considerata un investimento per perseguire e promuovere benessere ed uguaglianza tra tutti i cittadini.

Anche qui è una questione di calcoli, ignobili, per i quali pare non esserci né pudore né più rimedio…

manco il salvifico Toradol…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.