I Beatles, I Giganti, Herb Alpert, gli arrangiamenti e…”Tutto il calcio minuto per minuto”…

I Beatles, I Giganti, Herb Alpert, gli arrangiamenti e…”Tutto il calcio minuto per minuto”…

 

la melodia, il testo, ma anche (se non soprattutto) l’arrangiamento…a proposito, vi ricordate la sigla di “Tutto il calcio minuto per minuto”?

Quando si ascolta una canzone di norma si presta attenzione a due elementi, melodia e testo.
A volte ci si fa più piacevolmente travolgere dalla prima oppure ci si lascia maggiormente incantare dal secondo…

C’è un terzo elemento, fondamentale in ogni brano, dalla “canzonetta” al “brano d’autore”, ed è l’arrangiamento, che (in estrema sintesi) contrassegna lo stile del brano, che potrà quindi rifarsi ad un genere o ad un altro, e scandisce metrica del testo e ritmo dell’esecuzione.

Capita spesso di ascoltare lo stesso brano, nell’interpretazione di artisti diversi e con arrangiamenti diversi, e non di rado di primo acchito risulta difficile pensare che sia lo stesso brano…

In coda a questo post citerò un esempio a mio modesto avviso eclatante, risalente al Festival di Sanremo 1990, ma ne parleremo più avanti.

Ora voglio portare l’attenzione su un brano che milioni di italiani hanno ascoltato, almeno una volta a settimana, e che molte volte, negli anni scorsi, ho utilizzato come “quiz musicale” per i miei amici, un quiz al quale nessuno dei miei interlocutori ha saputo rispondere…

ma andiamo con ordine…

da ragazzino, nel corso dei “favolosi anni ‘60”, anche il panorama musicale italiano vide la proliferazione dei cosiddetti “complessi”, i cui successi erano spesso cover di brani che già avevano avuto successo nel Regno Unito o negli USA.

Tra i tanti complessi italiani, quelli che maggiormente fecero presa su di me furono i “New Trolls” (cui è anche legato il ricordo della mia esperienza “dal vivo” a Cervia nel 1969) ed “I Giganti”.

Questi ultimi avevano incontrato il grande successo con “Tema” (Disco per l’Estate 1966) ed un altro brano, ancora oggi vero e proprio evergreen (“Una ragazza in due”, cover di “Down came the rain”) era stato inizialmente censurato in quanto “brano esagitato”…(sic!).

(clicca per ingrandire)

L’anno successivo, 1967, i Giganti” parteciparono al Cantagiro con il brano “Io e il Presidente”, canzone che venne “bannata” perché ad un certo punto nel testo compariva la frase “in un paese libero a me piace pensare che…oggi non sono nessuno… domani sono presidente della Repubblica”, che i censori del tempo valutarono come offensiva per il Capo dello Stato, anziché essere apprezzata come celebrazione della democrazia…

Bene, quel vinile che aveva sul lato A “Io e il Presidente”, sul lato B conteneva “In paese è festa”, cover di un brano del 1960,  “A taste of Honey”.

 

 

Qualche anno prima (ma questo l’ho scoperto anni dopo, grazie al web) anche i Beatles avevano inciso “A taste of honey”, inserendola nell’album “Please please me”.
Le “versioni” dei Beatles e dei Giganti presentano un ritmo molto lento e, pur avendo i Giganti nel cuore, devo confessare che già da allora non mi sembrò un granché, anzi, la trovavo proprio pallosa…

Ben diversa la versione proposta dal grandissimo trombettista Herb Alpert e dai suoi Tijuana Brass, che nel 1965 proprio con questo brano si aggiudicarono il Grammy Awards come disco dell’anno; un arrangiamento che la trasforma in un brano molto allegro, con un ritmo incalzante…

una versione, quella di Herb Alpert, scelta a metà degli anni ’80 come sigla di “Tutto il calcio minuto per minuto”, la trasmissione radiofonica più seguita di sempre che in questi giorni ha festeggiato i suoi primi 60 anni.

Un brano che, come dicevo, milioni di italiani hanno avuto modo di ascoltare, almeno una volta a settimana, per molti anni e che, almeno nella mia esperienza personale (il già citato “quiz musicale”), ad un primo ascolto non si riesce ad associare alla versione originale, quella “pallosa”…(fatti salvi, credo, coloro che per diletto o professione si occupano di musica tutti i giorni…).

in questo breve video ho messo in sequenza una quindicina di secondi (gli stessi) del brano interpretato dai Beatles, poi quello dei Giganti infine quello di Herb Alpert: le differenze di arrangiamento sono più che evidenti ed il terzo brano sembra veramente qualcosa di ben diverso dai primi due…

provate a far ascoltare i primi due a qualcuno che non abbia letto quanto scritto qui sopra e che quindi non sia “messo sull’avviso”…
credo che il risultato non sarà molto diverso da quello riscontrato da me con questo “quiz musicale”…

 

 

era rimasto in sospeso il caso che avevo citato all’inizio del post, ancora più eclatante…

nel 1990 Toto Cutugno presentò a Sanremo un bellissimo brano, “Gli amori”, classificandosi, come vuole la sua tradizione, al secondo posto…(“amori…due consonanti perse in tre vocali…”, testo di Berlincioni…).

Questo brano venne presentato nella terza serata (quella riservata, fuori gara, agli interpreti stranieri) dall’immenso Ray Charles, con il titolo “Good love gone bad”, brano che non venne mai inciso da Ray Charles (una sorta di esclusivo “omaggio” al Festival di Sanremo).

La differenza non è solo nel titolo o nella bravura dell’interprete, anche se Cutugno è bravo e Ray Charles semplicemente immenso…
la differenza sta anche nel diverso arrangiamento, che trasforma il brano “riflessivo” di Toto Cutugno in un più energico rythm&blues.

E’ lo stesso brano, ma se li ascoltate, anche in successione, sembrano proprio due brani diversi…

 

 

 

 

E per chiudere, a proposito del brano di Toto Cutugno…

nel 2004 il brano “Gli amori” viene inserito nella colonna sonora del film “Non ti muovere” di Sergio Castellitto.

Lo vidi al cinema con Susanna ed i nostri amici Giorgio e Laura, una colonna sonora stupenda, ci fermammo fino all’ultimo frame dei titoli di coda, accompagnati dalla stupenda “Un senso” di Vasco Rossi…

Un film bellissimo, macchiato da un evidente anacronismo musicale, che segnalai subito a Susanna ed agli amici…

Il film è ambientato nel 2004, con flashback a circa 16 anni prima (la figlia del protagonista, non ancora nata nei flashback, nel 2004 ha 15 anni).

In uno dei flashback (approssimativamente, quindi, 1988/1989) la macchina di Castellitto si ferma davanti ad un bar dal quale proviene musica, con le note di “Gli amori”, che però venne presentata a Sanremo un anno dopo…errore imperdonabile…

dopo qualche giorno di titubanza, decisi di segnalare l’anacronismo al sito bloopers.it, che raccoglie le segnalazioni sui diversi tipi di errore contenuti nei film.

Ci rimasi male…

uno spettatore altrettanto attento l’aveva già segnalato un paio di giorni prima…
per giunta definendo “famigerata” la canzone di Toto Cutugno…

attento ma incompetente, vero?
che ne sa di testi, melodie, arrangiamenti…

foto dal sito anygivensunday.it
(clicca per ingrandire)

(foto di copertina da anygivensunday.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.