Tutti in casa. L’antivirus siamo noi, nessuno escluso (Emanuela Pericu)

Tutti in casa. L’antivirus siamo noi, nessuno escluso (Emanuela Pericu)

 

 

l’antivirus siamo noi, nessuno escluso (Emanuela Pericu)

 

 

Condivido volentieri questo racconto postato da Emanuela Pericu.

Un’analisi completa, delicata, “alla portata” di tutti…
la si può leggere in due/tre minuti…
il tempo non dovrebbe mancarci…

tanto siamo in tutti in casa, vero?

 

TUTTI IN CASA
L’antivirus siamo noi

A questo punto la partita è iniziata.
Da un lato c’è Covid, dall’altro tutti noi. Nessuno escluso.

Noi partiamo con un vantaggio: Lui per vivere ha bisogno di noi. Noi no.
Lui, senza di noi, non va da nessuna parte.
Siamo noi che lo portiamo a spasso, tra una stretta di mano e un abbraccio.
Siamo noi che lo facciamo circolare, incontrandoci e stando tutti vicini vicini.
Siamo noi che abbiamo il potere di agevolare il suo percorso o di ostacolarlo.

La strategia per vincere è una sola: fargli terra bruciata intorno, sbarrargli qualunque strada di passaggio, impedirgli di passare dall’uno all’altro.

Come? Semplicemente non facendoci trovare.
Stando a casa. Come in una gigantesca partita a nascondino.

Ci deve cercare senza trovarci, deve trascorrere le sue giornate a vagare per le strade.
Invano.
Perché noi saremo tutti al sicuro a casa.
Lo dobbiamo far stancare.
Fargli venire il fiatone a furia di correrci dietro.

Lo so che può costare fatica restare in casa, ma è su questo che conta il virus.

Prima o poi non resistono ed escono- si ripete ridacchiando- intanto gli esseri umani non sono capaci a fare squadra, qualcuno che va fuori pensando di essere più furbo degli altri, lo trovo sempre”.

Ha ragione lui, siamo fatti così.
Ma questa volta lo dobbiamo fregare.

TUTTI in CASA a guardare un film, leggere un libro, inventarci un gioco.
E lui fuori a cercarci.

TUTTI in CASA a fare frittelle, una partitina a cirulla, una chiacchierata in famiglia.
E lui che non trova nessuno.

TUTTI in CASA al sicuro, a guardare Covid diventare sempre più debole girando a vuoto per la città.
Deserta. Vuota.

E a quel punto usciremo tutti insieme gridando “Tana.Liberi tutti!!!” e riprenderemo la nostra vita normale.

Ormai la partita è iniziata.
Una gigantesca partita a nascondino.
Tutti in campo.

L’antivirus siamo noi. Nessuno escluso.

 

(clicca per ingrandire)

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.