Penelope 2020: rompono la rete?…rimetti la rete…rompono la rete?..rimetti la rete…e basta!!!

Penelope 2020: rompono la rete?…rimetti la rete…rompono la rete?..rimetti la rete…e basta!!!

 

 

le finestre, le reti, le panchine…se vengono rotte si possono riparare…
però, se a lungo andare, dovessero “rompersi” altre cose…non c’è “riparazione” che tenga…

 

Ho sempre apprezzato la “teoria della finestra rotta”

La teoria, che ha trovato positive applicazioni pratiche anche nei più cupi sobborghi newyorchesi, afferma che mantenere e controllare ambienti urbani reprimendo piccoli reati, atti vandalici ecc contribuisca a determinare un clima di ordine e legalità, riducendo il rischio di crimini più gravi.

Ad esempio: se qualcuno dovesse rompere una finestra (da qui deriva il nome della teoria) si potrebbero generare fenomeni di emulazione e dare il via ad incontrollabili derive di degrado urbano.
Ripararla equivale a dare un “messaggio” di controllo, che ripetuto nel tempo induce a scoraggiare fenomeni di emulazione.

Al Pianacci, in questi primi 23 anni, abbiamo sempre “sposato” questa linea, cercando di rimuovere le frequenti, a volte cocenti “delusioni”…

L’ennesimo episodio dello scorso 8 marzo (vedi video ricavato dalle telecamere di sorveglianza) arriva in un periodo in cui, vista la mancanza di collaborazioni, tutto è già più faticoso,  e diventa anche più difficile rimuovere le delusioni…

perché le finestre, le reti, le panchine…se vengono rotte si possono riparare…

però, se a lungo andare, dovessero rompersi altre cose (che non scrivo per evitare volgarità…)…non c’è riparazione che tenga…

—————————————————————————————

Da diverse settimane si stanno effettuando i lavori di sostituzione di una parte delle reti di recinzione del campo da calcetto del Circolo Arci Pianacci, il campetto sul quale i bambini e ragazzi del quartiere da anni giocano gratuitamente, tutti i giorni.

E’ un lavoro molto faticoso perché è frutto del solo lavoro volontario, dilatato nel tempo sia dalla carenza di volontari che dall’impossibilità ad operare non solo quando piove ma, ovviamente, anche quando c’è freddo e vento.

La sostituzione di una parte delle reti si è resa necessaria per motivi di sicurezza: i bambini “amano” appendersi alle reti, che nel tempo inevitabilmente si piegano, trascinando verso il basso anche la leggera rete fermapalloni che completa la recinzione e copre la parte superiore, a circa 5 metri di altezza; e negli ultimi tempi i segni di cedimento erano evidenti.

Il Circolo Arci Pianacci ha anche acquistato due porte nuove, che potranno essere montate una volta completato il rifacimento della recinzione danneggiata.

Uno sforzo enorme sia per quanto concerne il lavoro volontario che sul piano economico, con costi complessivamente vicini a 1500 euro.

Ovviamente, per motivi di sicurezza il cancello del campetto è chiuso (sul campo ci sono molti frammenti di filo di ferro ed altro, pericolosi se si dovesse caderci sopra).

Per i bambini il cancello chiuso è un’attrazione irresistibile per la ricerca di altri modi per aggirare il divieto (ad esempio sollevando, danneggiandole, altre parti di recinzione), e non si rendono conto che questo comporta per noi altro lavoro supplementare, che ritarda ulteriormente la riapertura del campetto…

ma si sa, sono bambini…

quello che sconcerta maggiormente è l’irresponsabile (e stupida) iniziativa di soggetti che bambini non sono…

trovano il cancello chiuso ed allora non trovano di meglio che allargare un foro nella rete fermapalloni e calarsi da lì sul campo circa 3 metri e mezzo più sotto, usando come appoggio i pali di sostegno e, inevitabilmente, danneggiando parti della recinzione nuova…

una palese violazione di proprietà privata (il CIrcolo Arci Pianacci è un circolo privato) ed un altrettanto palese dimostrazione di stupidità e mancanza di rispetto…

E’ quello che è accaduto l’8 marzo 2020, e le immagini sono più che eloquenti…

e, nonostante l’intervento del 112, l’unica certezza è che saranno necessarie altre ore di lavoro supplementare ed un aggravio di costi…

con il rischio, concreto, che ci si stufi di indossare i panni di una sorta di Penelope versione 2020…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.