Tutti convocati per Ebrahim!

Tutti convocati per Ebrahim!

 

30 giugno 2013

Il Cep è un quartiere con molti disagi ma con il privilegio di un cuore grande, enorme..
E l’ha dimostrato quando è stato lanciato l’appello per Ebrahim, un bambino affetto da un tumore alla retina; la struttura sanitaria che può curarlo non è a Genova, e questo comporta molti costi per la famiglia.
Gianni De Gregorio ha dato il via, il quartiere ha risposto, dai frequentatori del Circolo Pianacci agli amici della Comunità Islamica del Cep, con l’aggiunta di Daniele Raco: l’artista genovese ha coinvolto altri artisti dello Zelig Lab per una serata al PalaCep che si terrà il 9 luglio.
Tutti convocati per Ebrahim!

Link all’articolo

(Bruno Viani, per “Il Secolo XIX”)
UNA SERATA AL PALASPORT E TANTE INIZIATIVE PER UN BIMBO DI TRE ANNI GRAVEMENTE AMMALATO
IL GRANDE CUORE DEL CEP SI MOBILITA PER SALVARE EBRAHIM
Show dei comici di Zelig per raccogliere fondi

IL PICCOLO Ebrahim, 3 anni tra un mese, ha già perso la vista da un occhio e sta lottando per vivere.
«Il mio piccolo pugile comincia ad essere strabico – scrive la madre Ylenia Passarelli , genovese, 24 anni – ma è uno strabismo alla “Luca Argentero”, magari diventerà un attore e tutto questo rimarrà solo un brutto ricordo di mamma e papà.. riesco sempre a pensare che sia il bimbo più bello del mondo…».
La storia di Ebra sta commuovendo migliaia di persone che si muovono per vie diverse: dalla cassetta per le monete nel bar degli amici della madre (i primi che si sono commossi) fino alla discesa in campo del gruppo dei comici dello Zelig Lab Daniele Raco, Antonio Ornano, I Beoni, Paci & Bottesini, Bondino & Ferrari, Stefano Lasagna e altri che martedì 9 si esibiranno gratuitamente al Palacep per Ebrahim.

«L’ultima gara di solidarietà per un bimbo a Genova si era purtroppo rivelata una truffa – ricorda Carlo Besana, l’anima del Circolo Pianacci – ma questo non deve far dimenticare che esistono situazioni reali di bisogno come questa».
Ebrahim (“Ebra) è nato il 9 agosto 2010. Due anni e mezzo sereni, poi i primi sintomi della malattia.
«Un giorno mi sono accorta di uno strano riflesso in un occhio e l’ho fatto presente al pediatra che,senza visitarlo, ha fatto una richiesta per una visita oculistica. Era febbraio e l’appuntamento al Celesia era datato 27 maggio. Ma quando mi sono presentata mi hanno detto: questa prenotazione è per il 2014….».

Di fronte al dramma di una madre e al sospetto che la situazione possa essere grave, un medico visita comunque il bambino. Si rende conto che da un occhio non vede più nulla, dai successivi esami arriva la diagnosi di retino blastoma , un tumore dell’apparato oculare in fase già avanzata. Seguono quattro giorni di ricovero al Gaslini e poi l’appuntamento al Policlinico di Siena dove il piccolo inizia la chemioterapia.Il primo ciclo il 12 di giugno, martedì prossimo è fissato un nuovo ricovero per il secondo ciclo.
«Se il tumore avesse infiltrato già il nervo avrebbero dovuto asportare l’occhio, la vista comunque da quella parte è persa. Ma adesso bisogna fermare la crescita delle cellule perché il male non arrivi al cervello».
Ebra sta bene, è tranquillo, i genitori si dedicano a tempo pieno a lui, malgrado una situazione familiare difficilissima sono sposati dal 2009 e dal 2010 sono in lista per una casa popolare, la mamma aveva un impiego a termine in un’impresa di pulizie, il padre Momo Khalledi ha lavorato come barista, panettiere, bagnino ed è un pugile dilettante che sudava e combatteva per passare tra i professionisti.
Adesso anche gli allenamenti regolari sono impossibili, i compagni della Celano Boxe hanno fatto una prima colletta per lui e per il “piccolo pugile” Ebra, altre iniziative sono in corso alla Croce Rossa di Voltri.
Poi è sceso in campo il popolo del Cep. Un primo fine settimana di iniziative ha già consentito di mettere insieme una somma per permettere ai genitori di seguire il figlio durante la chemioterapia, adesso la serata benefica di Zelig Lab.
Besana, l’uomo del Circolo Pianacci mette la faccia per tutti: «Tutte le spese sostenute per seguire e curare Ebrahim saranno documentate e, se dovessero avanzare soldi, li destineremo a un’altra causa benefica nella massima trasparenza».

 

(9 giugno 2013)
Grazie all’intraprendenza di un”vulcano” come Gianni De Gregorio ed alla sensibilità di molte persone, e nonostante il maltempo che domenica 9 ha imperversato sulla nostra città, l’iniziativa tenutasi presso il Consorzio Pianacci sabato 8 e domenica 9 a sostegno del piccolo Ebrahim e dei suoi genitori ha avuto un successo grandissimo.
Sono stati raccolti 2.573,00 euro così ripartiti: 550,00 euro ricavato vendita panini, 385,00 euro da vendita scarpe e pesca benefica , 1.343,00 euro da libere donazioni e quote orarie campo da calcetto, 295,00 euro da vendita cuscus e donazione dai ragazzi della comunità islamica del Cep.

 

 

(clicca per ingrandire)

 

(8 giugno 2013)
Prime immagini dal Consorzio Pianacci : tutti convocati per Ebrahim, e sono arrivati in tanti…
chi per giocare a calcio, chi per mangiare un panino con la salsiccia, chi per pattinare, chi per lasciare un suo personale contributo economico, chi per cantare con Serafina Manna (sempre più brava), chi per mangiare ottimo cuscus con gli amici della comunità araba del Cep, chi per partecipare alla pesca con tanti prodotti portati da diverse famiglie…
domani si replica (e se piove c’è il PalaCep), ancora tutti convocati per Ebrahim…
Ed alla fine si renderà noto quanto sarà stato raccolto: idealmente un grande cuore pieno di tanto affetto per Ebrahim, concretamente un aiuto per il difficile percorso della sua famiglia.

E, personalmente, un grazie di cuore (il mio) per Gianni de Gregorio , vero motore di queste due giornate

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.