Tre palle…una palla…c’è differenza…

Tre palle…una palla…c’è differenza…

 

sull’asse (sportivo) Italia-Spagna due “illusioni” profondamente diverse…

Nelle ultime ore, sull’asse Italia-Spagna, si è consumato un doppio confronto sportivo.

Ieri, primo pomeriggio.

Nazionale Italiana di basket – Mondiali 2019
(clicca per ingrandire)

Sul 56-52, a tre minuti dalla fine, mi sono illuso che la nostra nazionale di basket ce la facesse “a tenere” contro una Spagna, sempre forte, ma priva di ben 5 giocatori di assoluto livello…
Niente da fare…
sul più bello i “nostri” si squagliano, tre minuti di attacchi senza senso, parziale di 10-0 per la Spagna, che sembrava veramente alle corde, ed il nostro Mondiale di basket, in pratica, finisce qui.
Ci giocheremo un posto per le Olimpiadi nel torneo preolimpico, ma se, come in questa occasione, i “tenori” per l’ennesima volta steccano ed i due “lunghi” (si fa per dire…), e con tutto il rispetto per il loro impegno, sono un giocatore che non è entrato manco un minuto nei playoff della squadra che ha vinto il titolo italiano e l’altro è stato “pescato” in A2…
beh, di strada non credo se ne possa fare molta…

Questa notte

Non mi son voluto perdere, nonostante fosse notte fonda, la semifinale degli US Open di tennis in cui era finalmente impegnato, ad oltre 40 anni dalle semifinali di Barazzutti, un altro italiano, Matteo Berrettini, contro il mitico Nadal.

Berrettini e Nadal
foto livetennis.it
(clicca per ingrandire)

Anche qui mi sono illuso…
nel tie break del primo set Berrettini, che ha fatto della caparbietà il suo tratto distintivo, è salito fino al 4-0, poi al 5-2, quindi al 6-4 e 6-5 due set point sprecati, e Nadal non perdona…
8-6 e proseguirà vincendo anche gli altri due set.

Chissà, se Berrettini fosse riuscito a mettere a segno il punto del 7-4 o del 7-5, forse psicologicamente la partita sarebbe cambiata e…
chissà…
nella sconfitta ha comunque dimostrato di potersela giocare anche a questi altissimi livelli.

 

Insomma, due delusioni, ma profondamente diverse.

Matteo Berrettini, 23 anni, ha un futuro roseo davanti a sé, sta a lui percorrerlo nel modo giusto per riuscire ad entrare, e restarci a lungo, nella top ten mondiale alla quale sta ormai bussando…

la nazionale di basket, mi duole dirlo, non ha nessun futuro, ed il presente è quello che abbiamo visto in questi ultimi anni: quello di una generazione di giocatori  ormai over 30 che passerà alla storia con il “marchio” delle grandi illusioni e delle occasioni sprecate (ieri, sconfitta di sette punti contro una Spagna “malconcia”, tre anni fa sconfitta di sei nello spareggio del pass olimpico, a Torino, con la Croazia…)…

..ed il numero delle palle nella foto (una per il basket, tre per il tennis) rappresenta la perfetta sintesi tra la caparbietà, pur nella sconfitta, dell’uno e la consueta “mollezza”, nei momenti decisivi, degli altri…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.