Enrico Testino, la Street Art a Genova, Pirlo, Mazzone ed Ancelotti…

Enrico Testino, la Street Art a Genova, Pirlo, Mazzone ed Ancelotti…

 

oggi, nel mio piccolo, vorrei provare a colmare una “dimenticanza”…



Enrico Testino è un carissimo amico, con un percorso personale ricco di grandi intuizioni, spesso in anticipo sui tempi…

non sempre (anzi, quasi mai…) gli vengono riconosciuti questi meriti, peraltro documentati da iniziative e progetti, di grande contenuto, ben realizzati pur in assenza di significativi sostegni economici…

un privilegio (il riconoscimento pubblico) che invece è spesso riservato a chi, negli stessi contesti, ha operato (bene) in epoche successive con il supporto (merito loro!) di consistenti finanziamenti…

quando leggo servizi dedicati alla Street Art a Genova, ed immancabilmente riscontro da un lato l’assenza anche di una semplice citazione di uno dei precursori, Enrico Testino e dall’altro l’apprezzamento per la “novità”, mi vengono in mente Andrea Pirlo, Carletto Mazzone e Carlo Ancelotti

Nel campionato 2000/2001 arrivò al Brescia, in prestito dall’Inter, il giovane e talentuoso, Andrea Pirlo.
L’allenatore del Brescia, Carletto Mazzone, che aveva già in squadra un talento assoluto come Roberto Baggio, ebbe un vero e proprio colpo di genio: sfruttò le qualità tecniche di entrambi, mettendo Pirlo in una posizione inusuale, davanti alla difesa, un vero e proprio regista arretrato.
L’anno successivo l’Inter girò Pirlo al Milan; l’allenatore Fatih Terim dopo alcune giornate venne sostituito da Carlo Ancelotti, e, nel tempo, Pirlo divenne un punto di riferimento, per il Milan (poi per la Juve e per la nazionale campione del mondo) proprio in quel ruolo, regista arretrato davanti alla difesa.

Spesso (anche di recente) la genialità di quell’intuizione viene attribuita a Carlo Ancelotti anziché a Carletto Mazzone, forse perché è più forte (e fa più notizia) il ricordo di un Milan ricco di possibilità economiche e (a quei tempi) di successi sportivi rispetto al ricordo del “povero” Brescia, benché quell’anno si fosse classificato nel punto più alto della sua storia (ottavo posto)…

o forse perché si tende a non avere memoria, ad avere pigrizia mentale, ed ogni volta che si materializza qualcosa di bello si tende a glorificarlo come assolutamente nuovo…

ci si chiederà: “Cosa c’entra tutto questo con Enrico Testino e la street art???”…
c’entra, c’entra…

qui sotto è riportato integralmente il testo di un articolo (doppia pagina) pubblicato qualche giorno fa dal quotidiano “Il Secolo XIX”, tutto riservato alla street art genovese, che in questi ultimi anni ha potuto contare su progetti importanti come “Walk the line” (con la decorazione di diversi piloni della sopraelevata), come “LavatArt”, con la realizzazione, alle “Lavatrici”, di murales dedicati a Faber, fino ai murales sui grandi palazzi del quartiere di Certosa, nel solco della grande mediaticità determinata dalla tragedia del vicino Ponte Morandi.
Progetti molto significativi, tutti ben realizzati dalla stessa agenzia, e supportati da non indifferenti sostegni economici.

link alla pagina
Tutti i colori delle “lavatrici” di Pra’

 

Nel 2010, ben 9 anni fa, Enrico Testino ideò e gestì “All4 Hip Hop”, un variegato progetto (a più tappe) realizzato con il Circolo Pianacci con il coinvolgimento di skaters, spettacoli di ballo hip hop, rappers.

Il punto più alto in città fu però rappresentato da “Alice in Wonderland”, una miriade di murales realizzati con il contributo di una trentina di writers (genovesi e non) che ravvivarono (e ravvivano ancora) molti ex grigi muraglioni del quartiere San Pietro (le cosiddette “Lavatrici”), a conclusione di un percorso condiviso con i cittadini residenti in quel quartiere.
Il progetto “All 4 Hip Hop” ebbe un grandissimo successo (con tanto di servizio/intervista al Tg2), e fu realizzato con soli 5000 euro.

Idee nel vento – foto di Francesco Brembati
(clicca per ingrandire)

 

Fuori Genova, nel 2014, unendo Arte Urbana e Vele, realizzò un progetto magico, “Idee nel Vento” a San Benedetto del Tronto; in quel progetto Artisti Urbani, writers ed illustratori dipinsero vele, coinvolgendo tutta la filiera di produzione velica, per finire in una grande veleggiata composta da una vera e propria mostra viaggiante.
Più che le parole, le immagini (come questa qui a fianco) nel sito dedicato www.ideenelvento.it.

 

 

 

link alla pagina
Arte Urbana-Cep il quartiere della Resistenza

 

Nel 2015 Enrico Testino ideò e gestì (sempre con il supporto del Circolo Pianacci) un altro progetto, “Arte urbana – Cep, il quartiere della Resistenza”, con il coinvolgimento di alcuni writers le cui opere si ispirarono ad una particolarità delle strade del CEP, tutte dedicate ad episodi, personaggi, date, legate alla Resistenza.

Il progetto, con il contributo di Fabio Weik, Davide Asker, Drina A12 & Giuliogol, e BDS Crew, con buoni riscontri stampa, fu realizzato con un costo complessivo inferiore a 3000 euro.

 

 

 

La dimostrazione, sia l’uno che l’altro progetto, che con la bontà delle idee e la capacità di fare rete (quella vera) è possibile realizzare progetti di grandi contenuti senza avere, necessariamente, il supporto di decine di migliaia di euro.
Senza nulla togliere, sia ben chiaro, alle capacità e qualità di chi riesce a coniugare buone idee con ottimi finanziamenti.

Dimenticavo…

Enrico Testino, ideatore e gestore di un grande evento genovese, “Smack!Fiera del fumetto”, giunto alla IV edizione, fu uno degli ideatori e realizzatori, molti e molti anni fa, del “Festival della Poesia”
poi anche lì…
ma questa è un’altra storia…o forse la stessa…
magari la racconto un’altra volta…

 

Secolo XIX – l’articolo del 2 settembre 2019
(clicca per ingrandire)

2 settembre 2019
L’articolo di Claudio Cabona per “Il Secolo XIX”

Palazzi come tele nei quartieri da ponente a levante, passando dai vicoli del centro storico.
Non solo periferie e lungotorrenti.
In attesa di Banksy, Certosa inaugura la sua galleria urbana

LA CITTA’ DIVENTA LABORATORIO PER I BIG DELLA STREET ART.
E ADESSO IL TOUR TRA LE OPERE

La Street art rende tan­gibili i sogni e prova a colorare gli incubi con la bomboletta, per renderli meno grigi.
Ge­nova è teatro di continui pro­cessi di rigenerazione urbana attraverso la forza evocati­va dei murales.
La maggior parte è portata avanti dall’as­sociazione Linkinart e dal mo­vimento creato attorno a Walk The Line, che ancora og­gi trasforma magicamente i piloni della Sopraelevata in opere d’arte.
«La città è pron­ta per la nascita di un tour al­la scoperta dei suoi murales, come avviene in capitali stile Berlino – anticipa Emanuela Caronti di Linkinart – ci stia­mo lavorando, è una grande occasione per i cittadini e per i turisti».
E a novembre, a Pa­lazzo Ducale, arriverà la mo­stra di Banksy.

C’è chi sogna un’incursio­ne del misterioso artista di Bristol, che sancirebbe il pas­saggio di Genova tra le capita­li dell’arte muraria.

BOMBOLETTE CHE TRASFORMANO

Sulla fascia di rispetto di Pra’ i “Due figgeu” di Drina Al 2 e Giuliogol, fra gli artisti geno­vesi più magici, ricordano l’in­nocenza del gioco.
È alle La­vatrici che tutto assume un si­gnificato ancora più profon­do.
«Nel 2018 siamo stati pro­motori di “Lavatart”, proget­to finanziato dalla Regione e pensato per coinvolgere ra­gazzi senza titolo di studio e senza lavoro – ricorda Caron­ti – le opere sono quindi una metafora di riscossa per chi si immagina senza futuro».
E chi meglio di De André incar­na questo sentimento di ri­scatto?
Il murales di Chekos Art e Davide Dpa dedicato a Faber è un gioiello, proprio come l’opera gigante e astratta del toscano Geometric- Bang in via Cesare Pavese.

Dall’altra parte della città a Quarto, inerpicandosi su per via degli Anemoni, si arriva in uno dei regni di Christian Blef, star genovese dei graffi­ti.
Le sue scritte sono esplosio­ni di colori e forme.
«Ho vissu­to le ere della Street art a Ge­nova – dice Blef – è tutto cam­biato da quando la polizia cer­cava di scoprire la mia identità e i writers venivano denun­ciati. Ora si è capito il potere espressivo e sociale di quest’arte».
Poco distante, in via Maggio, l’Ex Manicomio di Quarto, da due anni, è stato trasformato: qui grazie al lavoro di CodeWar e Walk The Line, «uno spazio carico di sofferenza, è tornato a emanare colore», sottolinea Caronti.
Fra i corridoi della struttura si possono trovare opere di Giorgio Bartocci e GeometricBang.
Da levante a ponente: a Sampierdarena merita di essere ammirato il “marinaio” di SeaCreative e MrFijodor che, però, è stato al centro di una lunga polemi­ca politica.

L’ARTE COME RESISTENZA

«L’arte è resistenza al degra­do. È resistenza quotidiana», spiega Carlo Besana, presi­dente onorario del Circolo Ar­ci Pianacci.
Nel 2015 artisti urbani di Genova e Milano, al Cep, han­no realizzato opere simbolo in occasione del 70° anno dal­la Liberazione.

«Il primo murales del Cep fu quello dedicato a Don Gal­lo, realizzato nel 2014 da Dri­na Al 2 e Giuliogol, una mera­viglia di 40 metri – racconta Besana – poi sono arrivate nel 2015 tre nuove opere, fir­mate da Weik, Asker e Bds Crew. Tracciano una “nuova resistenza” che nell’arte tro­va linfa vitale».

Nel bacio velato dell’“Amore e Psiche” di Ozmo, artista toscano di livello internazio­nale, c’è tutta la meraviglia della Street art. Reinterpreta Canova e auspica una “nuova bellezza”.
È una delle dieci opere del progetto “On thè wall” che, con il supporto del Comune, ha colorato il quar­tiere di Certosa, oggi galleria d’arte a cielo aperto (sarà inaugurata il 21 settembre).

In via Certosa, fra i tanti, scorre il mega Fantozzi di Ro­sk e Loste, murales tributo al grande Paolo Villaggio, ma anche simbolo di chi subisce in modo impotente, poi spun­ta le “Acciughe fanno il pallo­ne” di Caktus e Maria.

«I due artisti hanno portato il mare a Certosa, sull’onda di una canzone di Faber», sorri­de Caronti.
In piazza Petrella il desiderio di gettarsi il dolo­re alle spalle trova forma in “Liberi di perderci” di Macs, mentre in via Perlasca si erge l’imponenza del muro di Ze­dz, 400 metri quadrati, il più grande murales della Ligu­ria.

MURI CHE UNISCONO

Ventidue piloni della Soprae­levata sono stati trasformati, da nomi di altissimo valore.
Un museo della Street art che porta, fra le tante, le firme di big come Ruben Carrasco e Alex Senna, oltre che di ita­liani visionari come Opiemme.
Frammenti da tutto il mondo capaci, insieme, di trasformare un mostro grigio in un arcobaleno.

Passeggiando in centro cit­tà si possono scovare anche artisti come Zed 1, sulla fac­ciata del Teatro della Tosse, Tellas in piazza Rostagno o Never 2501 sulla facciata dell’ex casa occupata di via dei Giustiniani.

In Galleria Mazzini, a Brignole e fra i caruggi, si incontrano le opere piastrellate di Tiler, l’artista genovese di cui non si cono­sce l’identità.
Una menzione particolare merita la Buridda che da via Bertani, dove cu­stodiva un’opera prestigiosa di Blu, si è trasferita in corso Montegrappa: qui uno dei muri realizzati da Skeuan e Zero ritrae un’onirica navicel­la spaziale e recita “da quassù la terra è bellissima, senza frontiere né confini”.
La Bu­ridda è un punto di riferimen­to per la Street art con i suoi la­boratori aperti ai giovani.
Ci sono due luoghi che fanno ri­ma con la parola storia, attivi dagli anni ’90, da cui sono passate decine di artisti e ra­gazzi.
Muri che uniscono le generazioni: i Giardini di Pla­stica, teatro delle opere di Blef, e il lungofiume Polcevera, all’altezza di Trasta, mo­stra d’arte delle crew Bds e Rtf.
«Oltre che sui muri del Polcevera creiamo opere an­che sulle saracinesche dei ne­gozi di Bolzaneto, sono gli stessi commercianti a chie­dercelo – conclude Jo Shen Two, nome storico della Street art genovese – i quartie­ri stanno accogliendo a brac­cia aperte la Street art e ora Genova, giustamente, sogna di diventarne una piccola grande capitale».

L’OPERA STA SCOMPARENDO SULLA FACCIATA DELL’EX CENTRO SOCIALE
Il tesoro di Blu dimenticato in via Bertani
Genova ha il suo Blu.

Un capolavoro per il mondo dell’arte muraria.
Un’opera del guru della Street art internazionale che risale al 2007 si trova sul­la facciata della vecchia Buridda di via Bertani, centro sociale sgomberato nel 2014.
Oggi l’edifi­cio, che diventerà alloggi per gli studenti, mostra l’opera sbiadita.
Una mano di bianco la cancelle­rà. Il palazzo, grazie alle edizioni del festival lllegal Arts, custodisce lavori di Blu, di Dem, 108, Eri­ca il Cane ed Etam Cru, tutti artisti di alto livello.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.