Sic transit gloria mundi

Sic transit gloria mundi

 

9 novembre 2015

 

Valentino Rossi, Jorge Lorenzo e Marc Marquez

Il “motomondiale” è andato in archivio, piano piano finiranno anche i commenti sul suo epilogo.

Prima che finiscano, dico la mia…

Avendolo già fatto, non rientro sul grande dilemma del 2015, cioè “Rossi ha fatto cadere Marquez a Sepang?” perché si è visto che, indipendentemente dall’analisi dell’accaduto, si aprono due schieramenti netti a prescindere da quanto realmente accaduto.

C’è poi un terzo schieramento, quello un po’ snob, che prende posizione “contro” perché “Rossi è un evasore fiscale” (che, peraltro, mi pare abbia poi sanato le sue pendenze col fisco).
E questo è lo schieramento che sopporto di meno.

Maradona non è stato di certo un esempio cristallino come persona, però quando lo vidi nella gara d’esordio (pur persa con il Camerun) ad Italia ’90 mi resi conto che “dal vivo” era ancora più immenso di quanto non fosse percepibile dalla Tv.
Echissenefrega se era un evasore o ancor peggio, in quel momento lo spettacolo traeva dalla sua presenza un significato che altrimenti non avrebbe mai raggiunto, e ne beneficiavano tutti i presenti, e comunque in quel contesto andava valutato esclusivamente “il campione” e niente altro.

Quelli che sopporto di meno, in questo “terzo schieramento”, sono quelli che dall’alto del loro “impegno politico militante” giudicano un protagonista dello sport in funzione delle sue pendenze (o presunte tali) con il fisco…
sono certi che i loro “idoli politici” siano così cristallini sotto questo aspetto?

Non hanno mai loro stessi chiesto uno sconto ad un artigiano in cambio del pagamento cash senza fattura????

Detto questo, dico la mia sull’epilogo del MotoGP: ho atteso ieri con apprensione, unitamente a molti altri telespettatori, che il fato regalasse una grande emozione ad un campione che da vent’anni sta regalando gioie ai suoi sostenitori.
Non è accaduto, amen, ci riproverà il prossimo anno magari facendo tesoro (anche a 37 anni si può…) degli errori che sicuramente pure lui ha commesso.

Mi è solo spiaciuto che anziché essere deluso per il risultato sportivo (e la delusione è comprensibile e lo sportivo vero la metabolizza) fosse triste per la percezione di una colossale fregatura (e questo lo si metabolizza molto meno; i calciofili ricorderanno l’eliminazione dell’Italia del Trap grazie ad un evidentissimo “biscotto scandinavo”).

Sull’epilogo di ieri, vorrei focalizzare due sequenze :

(1) Jorge Lorenzo che parla, spudoratamente, di “vittoria della Spagna grazie al ‘rispetto’ di Marquez e Pedrosa nei suoi confronti”… sono rimasto allibito… il termine ‘rispetto’ in questo contesto che dovrebbe comunque essere sportivo ed individuale, mi fa pensare allo stesso termine impropriamente usato nell’ambiente mafioso o giù di lì… quando il ‘rispetto’ è sinonimo di cieca ubbidienza al capo (per non dire al padrino).

(2) La seconda è quella del sorriso felice di Max Biaggi con Lorenzo dopo la gara: la conferma che chi non può vincere (anzi, ormai manco partecipa…) si bea unicamente della sconfitta del suo ‘nemico’, reo di averlo più e più volte battuto, detronizzandolo dai vertici mondiali … un poveraccio…
Valentino Rossi a 37 anni può ancora giostrare tra primo e secondo posto al mondo, Max Biaggi ormai primo e secondo li può assaporare solo a tavola
E per uno che, si dice, abbia potuto “assaporare” anche Naomi Campbell la “goduria” di oggi equivale, più o meno, ad essere ridotto ad una tristissima pugnetta ….

Sic transit gloria mundi… 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.