Si rinuncia anche alla B…

Si rinuncia anche alla B…

 

23 agosto 2015

Bisogna prenderne atto, non ci sono le condizioni, inutile illudersi.
Per me è il momento di fare un passo indietro, così come per altro. Sperando che possano tornare tempi migliori…

 

Link all’articolo

(Beppe D’Amico, per “Il Secolo XIX”)
NBA RINUNCIA ANCHE ALLA B
BESANA SI ARRENDE E LASCIA
Addio anticipato per le defezioni di giocatrici contattate da altri club II patron: «A questo punto, non aspettiamo nemmeno settembre»

PER USARE una metafora un pò abusata, la famosa “spada di Damocle” è caduta e lo ha fatto sul cuore del basket genovese: la Nba Basket A-Zena, dopo la sofferta rinuncia alla A2, ora dice addio anche alla B regionale, e lo fa addirittura in anticipo rispetto alla deadline fissata per fine settembre.
Sarebbe stata quella la data entro la quale il presidente Carlo Besana avrebbe dovuto trovare un nuovo pool di sponsor o un mainsponsor per sorreggere il team nella nuova avventura, ma il destino avverso ha giocato in anticipo.
Cosi, dopo una A2 sfumata proprio per l’addio dello sponsor Almo Nature, ora evapora sotto il sole estivo anche la B e con lei le speranze legate a quella che è stata la maggiore espressione di basket femminile a Genova.
Un vero peccato non solo per il mondo della pallacanestro, ma anche per tutto lo sport cittadino e regionale che, calcio a parte, sembra proprio incapace da decenni di legarsi al territorio, vuoi per mancanza cronica di impianti, vuoi per carenza di realtà disposte a investire.
E non bastasse questa profonda ferita allo sport nostrano, anche il presidente Besana, dopo aver portato la squadra addirittura alla Poule Promozione di Al nella passata stagione e ai play-off quella prima, si dimetterà dal suo incarico.
Perdita pesante, vista l’esperienza decennale nel management sportivo nata in Lombardia e l’anima, il cuore e l’intelligenza che l’ex numero uno della Nba ha sempre messo” in campo” per le sue ragazze e per la crescita del basket.
«Dopo il via libera della Fip Piemonte a creare una B regionale allargata a Liguria e Piemonte – ha detto Besana –avevamo dato incarico al responsabile dello staff tecnico Andrea Grandi di provare ad assemblare una formazione che potesse fornire alle nostre giovani un contesto competitivo. Per fare questo era necessario costruire una formazione con 3-4 senior che comprendesse le nostre senior “locali” dello scorso anno e le nostre migliori Under, comprese le ’96-’97 orfane di un loro campionato giovanile».
Niente da fare, anzi sembra che alcune giocatrici siano state contattate “in anticipo” da altre società, accettando di lasciare la Nba.
«In questi ultimi giorni– ha precisato Besana – si sono però registrate defezioni sia a livello senior (la sola Carbonell aveva confermato la disponibilità a giocare in serie B ndr) e le tre giocatrici del ’97 nostre tesserate hanno comunicato a coach Grandi di aver aderito alle proposte loro formulate da altra società ligure. A questo punto – ha confermato con amarezza Besana – sono venuti meno i presupposti per i quali era stata richiesta l’ammissione alla serie B e siamo stati indotti a rinunciare senza attendere. Alle nostre giocatrici Under, comprese le ’96, proporremo l’iscrizione al campionato Under 20 che, per assenza del numero minimo di squadre necessarie, potrebbe essere “confinato” all’interno della Serie C. Se accetteranno questa ipotesi, ben felici di poterla perseguire, ma in ogni caso la nostra attività riguarderà ormai il settore giovanile».
Il volo della Fenice Nba è terminato davvero.

Il futuro
E pure Fugazzi e Cabona salutano, ora solo giovanili
RESTERA il nome Nba, ma legato al settore giovanile, in una società che vedrà l’addio del presidente Carlo Besana, ma anche di altri dirigenti del calibro di Giorgio Fugazzi, vicepresidente, e di Laura Cabona, dirigente responsabile.
«L’ho comunicato ai genitori delle giocatrici Under poco tempo fa – ha detto Besana – e l’avevo già preannunciato ai dirigenti e collaboratori a giugno, prima ancora che si definisse la rinuncia alla Serie A2: entro il 30 settembre sarà convocata un’assemblea straordinaria dei soci alla quale sia io che Fugazzi e Cabona ci presenteremo irrevocabilmente dimissionari. Sarà necessario – ha sottolineato Besana – eleggere le nuove figure dirigenziali. In un momento di transizione ritengo positivo trovare gli stimoli per un cambiamento che possa portare nuova linfa, necessaria per gestire le nuove collaborazioni in ambito giovanile. Grazie agli accordi con Auxilium, Virtus Genova e altre società è stato consolidato un percorso che ci consentirà di essere presenti a tutti i campionati giovanili».

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.