Il più bel regalo…

Il più bel regalo…

 

20 agosto 2015

 

Ieri mi è capitata una cosa incredibile…leggete tutto! 

Como, 20 agosto.

L’incontro con il “maestro Aguglia”

E’ il compleanno di Daniele, fratello di mia moglie Susanna

gli facciamo una sorpresa, lo andiamo a trovare e prolunghiamo la visita fino alla sera, per condividere la cena con lui e sua moglie Lina.

Mentre percorriamo il centro storico di Como (una meraviglia : affollato ma ordinato, pulito, con moltissimi dehors…) Daniele incontra una sua vecchia conoscenza, Gerardo Aguglia.
Non sa che è anche una mia vecchia, piacevolissima conoscenza: è stato il mio maestro in terza e quarta elementare, ben 53 anni fa.

Il “maestro Aguglia” (per me è da sempre così) mi saluta con grande affetto, lo abbraccio…
per me lui è stato una figura fondamentale, lo considero tale per la mia formazione e non lo scrivo ora per ruffianeria…

Molti miei amici, in questi anni, hanno sentito i miei racconti su questo meraviglioso maestro, pochi giorni fa ho parlato di lui a Forte dei Marmi, in occasione della visita all’amico Giorgio Scarfì.

Il maestro Aguglia rimase solo due anni a Lurago d’Erba, due anni nei quali completò il corso di laurea e poté quindi insegnare alle Scuole Medie, se non ricordo male a Como Monte Olimpino.

Ieri mi ha gratificato enormemente con il suo ricordo ancora vivo (e di allievi ne avrà avuti a centinaia nella sua vita professionale…).

Di quei due anni ricordava con assoluta precisione anche altri allievi, con i quali sono ancora in contatto (Flaminio Colombo, Udo Janzen, Carlo Rossini) ed altri ancora, tra i quali Roberto Mauri che poche settimane fa ha incontrato casualmente nel corso di una visita medica…

Potrei raccontare una miriade di aneddoti riguardanti quei due anni

ne racconto solo due, sufficienti a dare l’idea del suo spessore umano oltre che professionale, e, penso, sufficienti anche a far capire il mio ricordo ed il mio apprezzamento nei suoi confronti nonostante siano trascorsi oltre 50 anni.

1962: il maestro Aguglia ci porta al campo da calcio del vicino oratorio di Lurago d’Erba, ci lascia giocare in assoluta libertà, accompagnato da quella che un tempo si chiamava “cinepresa” (rigorosamente, per l’epoca, una 8mm). A distanza di qualche settimana, una volta fatto sviluppare il “filmino”, lo proiettò in classe, fermandosi più volte a sottolineare il comportamento che noi tenevamo quando ci accorgevamo di essere ripresi, molto diverso dall’atteggiamento, più naturale, quando ci riprendeva di nascosto.
Sottolineo, anno 1962!!! una lezione che ricordo ancora in tutti i suoi dettagli ed assolutamente profondamente educativa (anche se noi in quel momento non potevamo rendercene conto).

1986: da pochi mesi ho favorito la nascita, a Costamasnaga, del Comitato di Como per l’Unicef (a quei tempi Costamasnaga era ancora in provincia di Como). Un’emittente del capoluogo, RadioStudioVivo, mi invita in redazione per una lunga diretta con gli ascoltatori sul tema dei diritti dell’infanzia. All’improvviso nello studio viene diffusa la voce di un ascoltatore, che stava ascoltando la diretta dalla sua autoradio: si era fermato e da una cabina telefonica aveva chiamato la redazione per sapere se il “Carlo Besana” che stava parlando in diretta fosse lo stesso allievo che lui aveva avuto 24 anni prima e che lui ricordava con grande affetto.
Inutile dire che in quella diretta mi venne un magone incredibile….

Beh, ieri non avevo davanti a me un microfono ed una cassa amplificata…
avevo davanti a me proprio Lui
un’emozione enorme…

il più bel regalo era per me, non per il compleanno di Daniele…

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.