Quelli che sgranano gli occhi…

Quelli che sgranano gli occhi…

 

28 aprile 2013

 

persa gara 2, si va a gara 3 .
Partita secca, chi perde è fuori chi vince sfida Torino per la promozione in A2.
Con un vantaggio: si gioca al Paladonbosco (mercoledì 1 maggio, ore 19) in virtù della nostra miglior classifica.
Occorre dimenticare la delusione per aver mancato il 2-0, dimenticare i tanti torti arbitrali subìti (capita, non è la prima volta e non sarà nemmeno l’ultima, e capita anche agli altri ogni tanto…), trasformare la rabbia (tanta) in energia positiva per gara 3.
Da tenere ben presenti, invece, gli errori commessi: troppa tensione all’inizio (erano loro ad aver tutto da perdere…), la (comprensibile, vista la posta in palio, ma da evitare) ingenuità nel farsi condizionare da una direzione di gara avvertita come ostile…
Da tener presente, infine, un particolare importante: se tre mesi fa ci avessero detto: “Giocherete in casa la partita decisiva per l’accesso alla finale per la Serie A2” avremmo sgranato gli occhi e “firmato” di corsa….
Ecco, dobbiamo tornare ad essere “quelli che sgranano gli occhi”, e con l’entusiasmo di chi (7/10 della squadra) non ha mai vinto nulla continuare ad inseguire, con gioia, il “sogno”…
Consapevoli che quello che è stato fatto finora (oltre ogni più rosea aspettativa) non ce lo toglie (e non ve lo toglie) nessuno….

 

Link all’articolo

(Beppe D’Amico, per “Il Secolo XIX”)
L’NBA COSTRETTA ALLA “BELLA” – MONCALIERI SALVATA DAGLI ARBITRI
Tollerato il gioco duro delle piemontesi; la De Scalzi si lamenta: espulsa

RABBIA Nba. In gara-2 che, se vinta poteva assicurare l’accesso alla finale dei play-off di A3,la Wideurope ha perso per 71-62 contro l’Azzurra Moncalieri al termine di una partita non poco contestata da parte delle genovesi.
Motivo del contendere: la direzione arbitrale, giudicata non all’altezza di una gara così importante come è una semifinale.
E’ vero che la Nba non ha giocato secondo le sue potenzialità (poco concentrata durante la gara, troppo tesa vista la posta in palio), ma è anche vero che, secondo la Nba, l’arbitraggio scarso ha influito non poco sulle sorti dello scontro dove la De Scalzi, in modo un po’ troppo audace, è stata marcata a dir poco rudemente dalle avversarie, una marcatura fin troppo “a francobollo” dal punto di vista fisico, tanto che le sue compagne hanno protestato più volte con la coppia arbitrale facendo notare alcuni interventi fallosi nei confronti della loro leader.
II risultato è stata una partita nervosa e non bella, alla fine della quale un arrabbiato coach Giovanni Pansolin ha detto che «vorrei poter parlare di basket, ma questa non è stata una partita di basket per cui non rilascio dichiarazioni! ».
Frase che descrive, nel complesso, lo stato d’animo di tutta la Nba.
Una Nba che pure si è battuta alla grande, un po’ a rilento nel primo quarto, in partita e combattiva nel secondo e nel terzo, sino a un finale in cui, più per episodi che per vero bel gioco, hanno prevalso le piemontesi.
Piemontesi che, stranamente, andavano in “lunetta” in pochi minuti ben sedici volte, mentre le genovesi solo una, senza contare che la Belfiore, la Cerretti e la Algeri si sono sentite fischiare il terzo fallo in pochi minuti l’una dall’altra.
Vane, dalla panchina, le difese ad alta voce presso gli arbitri di Pansolin a far notare al tavolo arbitrale il gioco duro sulla De Scalzi e i troppi falli fischiati contro le sue ragazze.
De Scalzi che, ciliegina sulla torta, finirà espulsa, come la Belfiore e la Piermattei, solo per essersi messa a chiedere chiarimenti a un arbitro.
Arbitraggio a parte, comunque, la Nba è sembrata non essere troppo in partita, meglio di sicuro il Moncalieri che ha giocato con maggiore incisività.
Ora gara-3, la “bella”, deciderà le sorti della Nba: per fortuna, mercoledì, si giocherà al PalaDonBosco, che si annuncia già «caldo” e gremito.
In casa l’Nba si è sempre comportata benissimo, e c’è da credere che non sbaglierà per la seconda volta. A patto che si ricordi che serve più concentrazione e meno errori tecnici.

IL PRESIDENTE BESANA VOLTA SUBITO PAGINA IN ATTESA DELLA BELLA
«DIMENTICHIAMO I TORTI ARBITRALI E INSEGUIAMO IL NOSTRO SOGNO»
CUPO E ARRABBIATO il presidente Carlo Besana, anche se, visto il momento delicato della stagione, ha preferito gettare acqua sul fuoco e tranquillizzare le sue ragazze e il suo coach Pansolin.
Un suo commento postato su Facebook ieri nel pomeriggio, a “bocce ferme”, descrive alla perfezione il Besana -pensiero in questo momento.
«Persa gara-2, si va a gara-3. Partita secca, chi perde è fuori, chi vince sfida Torino per la promozione in A2. Con un vantaggio: si gioca al Paladonbosco in virtù della nostra miglior classifica. Occorre dimenticare la delusione per aver mancato il 2-0, dimenticare i tanti torti arbitrali subiti, capita, non è la prima volta e non sarà nemmeno l’ultima, e capita anche agli altri ogni tanto, trasformare la rabbia in energia positiva per gara-3. Da tenere ben presenti, invece, gli errori commessi: troppa tensione all’inizio, erano loro ad aver tutto da perdere, la comprensibile, vista la posta in palio, ma da evitare, ingenuità nel farci condizionare da una direzione di gara avvertita come ostile. Da tener presente, infine, un particolare importante: se tre mesi fa ci avessero detto: “Giocherete in casa la partita decisiva per l’accesso alla finale per la serie A2”, avremmo sgranato gli occhi e “firmato” di corsa. Ecco, dobbiamo tornare a essere “quelle che sgranano gli occhi”, e con l’entusiasmo di chi non ha mai vinto nulla, continuare ad inseguire, con gioia, il sogno. Consapevoli che quello che è stata fatto finora, oltre ogni più rosea aspettativa, non ce lo toglie nessuno».

Link all’articolo

(Federico Grasso, per “La Gazzetta del Lunedì”)

UNA BRUTTA WIDEUROPE FERMATA DALL’ARBITRAGGIO A MONCALIERI: SPAREGGIO FRA TRE GIORNI

Se è vero che l’arbitraggio non fa perdere una partita, quando si “applica” può rendere impossibile raggiungere il successo.
L’NBA-Zena lo ha controvoglia ripassato nella gara2 di semifinale a Moncalieri, dove la non perfetta performance di squadra è stata messa in secondo piano dallo show della coppia in grigio, dalla vista pigra sui contatti subiti dalle genovesi e dall’udito fino in occasione di tecnici ed espulsioni, guarda caso a spese di Sara De Scalzi, massacrata impunemente dalla difesa sabauda e allontanata a tre minuti dal termine.
Negli ultimi ventidue minuti, sedici tiri liberi a favore delle padrone di casa, contro uno solo per le rosanero.
In preparazione alla bella, coach Pansolin e tutta la Wideurope non si limiteranno a piangere sul latte che i due fischietti hanno contribuito a versare: Genova è entrata in campo con troppa pressione sulle spalle, non è riuscita a reagire alle difficoltà “ambientali” e, pur recuperando Adelaide Algeri, non ha espresso quel bel gioco che ha caratterizzato gli ultimi mesi delle rosanero. Spareggio mercoledì primo maggio al PalaDonBosco, inizio ore 19.  

Le foto di gara 2 (grazie a planetbasket)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.