Il prete, il farmacista, e la stampa…

Il prete, il farmacista, e la stampa…

 

9 febbraio 2015 

 

Link all’articolo

Stamane “Il Secolo XIX” ha pubblicato questo articolo, che sembrerebbe voler raffigurare una sorta di irritante (almeno per me) rivalità con la Parrocchia del Cep e con il Parroco Don Giorgio Rusca.

Niente di tutto ciò: ho scritto al Direttore del Secolo XIX trascrivendo quanto da me riferito al giornalista, al quale ho ribadito la totale disponibilità non solo a collaborare (come da sempre) con la Parrocchia ma anche ad affiancare Don Giorgio nella sua (legittima) richiesta di spazi per i giovani dell’Oratorio.

Qui di seguito il testo dell’articolo di Bruno Viani ed il testo della lettera inviata al Secolo XIX, con la richiesta di rettifica.

ll parroco di confine in una chiesa “dimezzata” cerca di attirare i giovani
IL PRETE E L’EX FARMACISTA, PEPPONE E DON CAMILLO AL CEP
Besana: c’è l’area Pianacci

IL SOGNO di don Giorgio, prete di confine, è aprire un campetto e un oratorio al Cep.
E quando lo ha detto pubblicamente («Servono spazi per i ragazzi della parrocchia») ha sollevato la reazione del “sindaco” del quartiere, l’ex farmacista Carlo Besana:«Si è dimenticato che ci siamo noi?», ha replicato a distanza l’anima dell’associazione “Consorzio sportivo Pianacci”.

E al Cep rivive la saga di don Camillo e Peppone. Amici e nemici e poi (in fondo) pronti a collaborare per il bene della loro gente.
«Vorrei avere spazi dove i ragazzi possano fare sport, divertirsi ma anche pregare», racconta don Giorgio Rusca che a 33 anni, malgrado non sia più un ragazzo, è il parroco più giovane nella Curia del cardinale Angelo Bagnasco: il suo arcivescovo, a settembre, gli ha affidato la chiesa di Maria Madre del Buon Consiglio in via Cravasco.
E il compito ingrato di portare avanti tanti progetti rimasti a metà nel quartiere dove la Chiesa sembra aver perso la sfida con il mondo laico.
Il punto di partenza è questo: chi cerca spazi di gioco, sport, cultura e divertimento al Cep, oggi li trova solo all’area Pianacci, la parte alta della collina dove diciott’anni fa Besana aveva lanciato una scommessa laica e di sinistra che è stata sicuramente vincente.

AI contrario, tutto sembra essere rimasto incompiuto (fisicamente) nel progetto che un religioso, padre Giovanni Battista Balbi, morto la scorsa estate a 94 anni, aveva intrapreso margini del quartiere popolare alle spalle di Pra’.
A cominciare dalla chiesa, un edificio inaugurato nel 1971 nella zona bassa del Cep che doveva essere modernissima e su due piani con ampi locali per i ragazzi e le attività parrocchiali al livello della strada e il culto al piano superiore.
Invece, il piano rialzato di quella chiesa non è mai stato costruito, al posto del campanile è rimasto uno spazio vuoto e ad annunciare le funzioni è solo un nastro registrato.
E la soletta intermedia è diventata un tetto da cui ancora spuntano le armature metalliche che dovevano sostenere i piloni d’appoggio.

Non c’è il campetto ma nemmeno una sala per il ping pong o il calcio balilla.

Don Giorgio, a quattro mesi dal suo ingresso, si sta rimboccando le maniche. «Da quando è arrivato quel giovane prete la gente sta tornando in parrocchia». racconta Vito Buccino, 85 anni, che abita a due passi dalla chiesa e nella vita ha lavorato e versato sudore alle fonderie San Giorgio, tempio del lavoro a Pra’.
E anche adesso si tiene lontano dalle sacrestie, «però mia moglie sì che va in chiesa».

Ecco, in un quartiere popolare, per chi crede o per chi bestemmia, il prete è un punto di riferimento. Magari solo nei momenti più belli e più tristi, i matrimoni e i battesimi oppure i funerali. O quando la bolletta del gas è scaduta, fuori fa freddo e si bussa al parroco per chiedere aiuto «e si fa quello che si può, anche se aiutare tutti quelli che chiedono è impossibile», racconta don Giorgio, che in via Ravasco ospita anche il centro di ascolto vicariale e il servizio di distribuzione di abiti usati attorno ai quali ruotano quasi 400 famiglie.

Era sicuramente un punto di riferimento, laico e cattolico, padre Balbi che è stato il parroco del Cep per più di trent’anni, dal 1971 al 2002.
Poi i preti si sono succeduti senza che la gente avesse il tempo di conoscerli: altri padri della congregazione dei Figli di Santa Maria Immacolata, poi i religiosi argentini padre Juan Soto e padre José Galdeano.
Infine don Stefano Vassallo, rimasto però appena un paio d’anni.
«Ci sono stati tanti cambiamenti uno dopo l’altro e la gente lo ha un po’ patito – dice don Rusca – ma io che sono nato a Voltri qui mi sento a casa».

Il neo-geometra Giorgio, quando nemmeno si sognava di fare il prete, frequentava la parrocchia di Sant’Ambrogio e giocava nella voltrese. Fino a una giornata mondiale della gioventù galeotta con papa Giovanni Paolo II, Roma 2000. In divisa da scout era partito con un gruppo di coetanei dalla Liguria a Roma in bicicletta, ma al ritorno aveva già deciso che doveva continuare a pedalare vestito da prete.
Don Giorgio è convinto che il compito di un prete sia andare tra la gente, come insegna papa Francesco, casa per casa.
«Sto girando perla benedizione delle famiglie, c’è chi non apre perché non ha tempo da perdere con un sacerdote e chi magari è al lavoro, però quando è possibile mi presento, cerco di farmi conoscere».
La gente deve sapere che faccia ha il suo parroco, spiega.
«Non siamo in contrapposizione, spero sia possibile collaborare con le associazioni della Pianacci che fanno un lavoro splendido», dice don Giorgio.

«Se il parroco vuole ospitalità per ciò che farà perla gente del Cep, le porte della pianacci sono aperte», risponde a distanza Besana.

Don Camillo e Peppone, rivali e (forse) destinati a lavorare insieme.

 

LETTERA AL SECOLO XIX
Genova, 9 febbraio 2015

Scrivo in merito all’articolo pubblicato in data odierna a pag.19 per precisare quanto segue: lo scorso venerdì sera mi ha telefonato il Dr. Viani chiedendomi un parere sull’appello lanciato da Don Giorgio Rusca relativamente alla necessità di avere spazi (come ad esempio un campetto per il calcio) a disposizione della Parrocchia.

Ho risposto in questi termini: Sono cresciuto all’Oratorio di Lurago d’Erba, in Brianza, mia mamma ha fatto per molti anni la volontaria al baretto dell’Oratorio, so cosa quanto sia importante una presenza di questo tipo ed a maggior ragione in un contesto come quello del Cep.
E’ importante che la Parrocchia assuma un’identità più trasversale per i giovani, che non venga vissuta come un luogo “solo” per la preghiera (benché fondamentale anche questo) e quindi se Don Giorgio dovesse condurre una “battaglia” per ottenere gli spazi necessari sarò lieto di essere al suo fianco.

Nel frattempo c’è il Pianacci, tempo fa in un’intervista al Secolo Don Giorgio ha speso parole lusinghiere per la nostra attività, gli spazi del nostro Circolo, se la Parrocchia ne ha necessità, sono “casa loro”.

Ho anche messo in rilievo la necessità, per il quartiere, che il parroco possa avere a disposizione tanti anni per la sua attività, affinché diventi sempre più una “presenza” di riferimento, in un quartiere popolato da persone che sono molto più religiose di quanto non si pensi.
Ed il vantaggio che ha Don Giorgio è quello di essere giovane e di essere cresciuto a Voltri, ben conoscendo quindi la realtà in cui svolge la sua missione.

Questo, in estrema sintesi, ho riferito al Dr. Viani, precisando anche che un’incomprensione (perché tale era) generatasi con Don Giorgio si era risolta nello spazio di un respiro.
Porto, a titolo di esempio di quanto un lettore trovi di non rappresentato e, quindi, rappresentato in maniera totalmente diversa:

Nell’articolo, in due momenti, all’inizio e alla fine, io dichiaro, riassumendo, che c’è il campetto del Pianacci e che siamo disponibili ad accogliere iniziative (inoltre appare che io dica “si è dimenticato di noi?”… tono che appare, in maniera evidente, polemico).
Non appare che io dico che se vuole dei campetti per la Parrocchia è cosa bella e che lo affiancheremmo nelle richieste e nei percorsi per averli.

Queste omissioni e redazioni danno una raffigurazione delle cose assolutamente diversa dalla realtà.

Nessuna rivalità quindi con Don Giorgio. Abbiamo sempre collaborato, con molto entusiasmo, con i parroci che si sono alternati dal 1997 ad oggi e saremo ben lieti di farlo anche con Don Giorgio, cui ribadiamo la nostra disponibilità a sostenere le sue istanze.
Il 28 marzo il PalaCep ospiterà, come gli anni scorsi, la S.Messa delle Palme dedicata ai giovani, che si concluderà con una merenda organizzata dal nostro Circolo….

Chiedo pertanto una rettifica non solo nel rispetto di quanto da me effettivamente dichiarato ma, soprattutto, affinché l’immagine mia, dell’Associazione che rappresento, e dei suoi 200 soci, sia ricondotta nella sua dimensione effettiva, quella cioè di una realtà aperta, da sempre, alle risorse propositive del quartiere.

Con tale finalità pubblichiamo la lettera presente nei nostri profili facebook.
Rimane immutata la stima che ho in Bruno Viani, nel Direttore e nel lavoro de Il Secolo XIX.

Certo di poter contare sulla Vostra collaborazione, vogliate gradire i più cordiali saluti
Carlo Besana Presidente Ass.ne “Consorzio Sportivo Pianacci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.