Pierino Prati…”ok, segna tanto…però…anch’io…”

Pierino Prati…”ok, segna tanto…però…anch’io…”
 

 

Pierino Prati, è mancato, all’età di 73 anni; è stato uno dei grandi cannonieri della storia del Milan, probabilmente meno celebrato mediaticamente di quanto avrebbe meritato…

Uno scudetto, una Coppa dei Campioni, una Coppa Intercontinentale, due Coppa delle Coppe, tutte in maglia rossonera…

poi un titolo europeo con la nazionale, con la quale fu finalista ai Mondiali 1970…
un titolo da capocannoniere della Serie A
tre gol nella finale di Coppa dei Campioni contro l’Ajax
 
dire, e l’ho fatto spesso pure io, che per un attaccante giocare al fianco di Gianni Rivera, il Rivera di quegli anni, era di certo più facile, è una sacrosanta verità…
esagerando, qualcuno osava sentenziare: “ok, segna tanto…però…anch’io segnerei tanti gol con i passaggi smarcanti di Rivera” (a quei tempi il termine assist si usava solo nel basket…)
 
tutto questo però nulla deve togliere all’ammirazione per le grandi capacità realizzative di Pierino Prati, un grande campione, probabilmente meno celebrato mediaticamente di quanto avrebbe meritato…
 
Capocannoniere della Serie A a soli 21 anni, al primo campionato da titolare, dopo una stagione a Savona, in Serie B…
 
per noi ragazzini milanisti (avevo 13 anni…) “Pierino la peste” divenne subito un beniamino, e l’incarnazione di un sogno…tutto era possibile…
 
a quei tempi non c’era l’overdose televisiva di questi ultimi anni e poter vedere da vicino uno dei “nostri” campioni era spesso un sogno destinato a rimanere tale…
 
io e l’amico Carlo Conti, milanista come me (e credo fosse con noi anche Carlo Rossini, lui però juventino), andammo in motorino fino a Carnago, alla mitica “Milanello”, per vedere un allenamento dei rossoneri (con Gianni Rivera e Pierino Prati) guidati da Nereo Rocco…
 
non c’erano i navigatori con le mappe gps..
 
rischiammo di perderci, ma riuscimmo comunque a centrare l’obiettivo…
ci gustammo l’allenamento da una collinetta nei pressi del campo…
felici come una Pasqua…
una felicità che per me non fu minimamente intaccata dall’inconveniente che mi capitò lungo il tragitto di ritorno…
 
il mio motorino era un Motom Daina Matic, al ritorno il motore cedette e dovetti pedalare faticosamente, per molti chilometri, per tornare a Lurago…
 
non ricordo se con lo stesso motorino o se in bicicletta, una mattina andai ad Arosio, paese distante tre/quattro chilometri da Lurago…
 
la fidanzata di Pierino Prati abitava lì, e nella chiesa del paese si sarebbe celebrato, quella mattina, il loro matrimonio…
 
feci molta fatica a raggiungere la zona del sagrato, c’era una bolgia infernale…
per il paese era un grande evento e riuscii, solo per un attimo, a vederlo da vicino…una grande emozione…
 
da allora Pierino Prati, originario di Cinisello Balsamo, è sempre vissuto in Brianza, prima ad Arosio poi ad Alzate…
 
nella foto in bianco e nero (foto di Daniele Bonesso, dal sito magliarossonera.it) è con Mariolino Corso…
stavano uscendo insieme
dal campo di San Siro, sorridenti…
il derby Inter-Milan di quel marzo 1969 era finito 1-1,  i due “numero 11” avevano segnato un gol a testa…
 
se ne sono andati quasi insieme anche stavolta, a poche ore di distanza, a cavallo di un weekend che ha visto la ripresa del campionato di calcio dopo la lunga interruzione causa Covid 19…

se ne sono andati quasi insieme anche stavolta, a poche ore di distanza, a cavallo di un weekend che ha visto la ripresa del campionato di calcio dopo la lunga interruzione causa Covid 19…

non hanno mai giocato nella stessa squadra…
forse proveranno a farlo lassù…

e “Pierino la peste” realizzerà ancora valanghe di gol...

chissà se anche lì ci sarà qualcuno che storcerà il naso, sentenziando…

“Ok, segna tanto…però…anch’io segnerei tanti gol con i passaggi smarcanti di Corso…”…

 
 
 
(clicca per ingrandire)
Pierino Prati  Mariolino Corso e Pierino Prati al termine del derby Inter-Milan del marzo 1969 (1-1, un gol a testa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.