grazie al Circolo Arci Pianacci, risparmiate 60 tonnellate di emissioni di CO2!!!

grazie al Circolo Arci Pianacci, risparmiate 60 tonnellate di emissioni di CO2!!!

 

 

autonomia energetica e concreto contributo alla salvaguardia dell’ambiente: la scelta fatta dal Circolo Arci Pianacci 10 anni fa ha consentito di risparmiare ben 60 tonnellate di emissioni di CO2!!!

 

Nel 2010 il Circolo Arci Pianacci fece una scelta a quei tempi coraggiosa: dotare la struttura di un impianto fotovoltaico che consentisse di produrre energia evitando di di disperdere nell’atmosfera anidride carbonica, particolarmente nociva per l’ambiente (il suo rapido incremento è l’evento chiave alla base dei cambiamenti climatici del pianeta).

Questa scelta ha consentito di risparmiare, in questi dieci anni, oltre 60 tonnellate di CO2.

L’impianto con pannelli fotovoltaici, attivato al Pianacci nel luglio 2010, consente infatti una produzione di 11500/12000 kWh annuali e, come dimostrato dagli studi internazionali, ogni kWh di energia prodotta con pannelli fotovoltaici consente una minore emissione di CO2 pari a 0,530 kg, quindi in questo caso a circa 6 tonnellate annue.

Anche le piante assorbono CO2, e gli studi scientifici hanno dimostrato che ogni albero, in un anno, è in grado di assorbire 10 kg di CO2.
Pertanto, per ottenere lo stesso risultato (60 tonnellate) ottenuto dall’impianto fotovoltaico del Pianacci, sarebbero stati necessari, per lo stesso periodo (dieci anni) ben 600 alberi!!!

Un risultato, indiscutibilmente significativo, dovuto ad una scelta precisa effettuata nel 2010 dal Circolo Arci Pianacci, una delle prime, se non la prima, associazione genovese a rendersi autonoma sotto il profilo energetico.

A quei tempi il costo dei pannelli fotovoltaici era molto superiore a quelli attuali.
L’impianto installato al Pianacci rese necessario, nel 2010, un investimento di circa 70.000 euro.

Si pensò, dapprima, a richiedere, tramite bando, un contributo regionale che avrebbe coperto una parte dei costi; nel bando era però precisato che l’erogazione del contributo avrebbe determinato la cessione alla Regione degli incentivi legati alla produzione dell’impianto, a quei tempi molto più alti di quelli riconosciuti ad impianti installati in epoca successiva, vanificando di fatto il vantaggio del beneficio economico.

Decidemmo così di attivare un mutuo, che avremmo potuto ripianare nel tempo, proprio grazie agli incentivi e ad un ulteriore benefit: l’impianto infatti oltre a produrre energia “monetizzata” grazie agli incentivi, determina l’immissione nella nostra rete (nella fattispecie quella che alimenta la palazzina con la sede ed il bar circolo) di una quota parte di energia, corrispondente ad un risparmio, per quell’utenza, di circa un migliaio di euro l’anno.

In questi dieci anni quindi, oltre al beneficio ambientale, grazie all’insieme di queste due voci l’impianto si è in buona sostanza pressoché  ripagato.
Siccome la vita media dei pannelli, se tenuti in buona condizione, è stimata in 20/30 anni, si può dire, con prudenza, che per almeno i prossimi 15 anni questo impianto, oltre a far risparmiare almeno altre 90 tonnellate di emissioni di CO2, potrà generare un significativo beneficio economico netto per il Circolo.

Il problema, ora, è quello di far durare l’apertura del Circolo Arci Pianacci per altri 15 anni… 

alla luce della situazione attuale un’impresa che sembrerebbe proibitiva e per la quale spesso sembrerebbero mancare anche i giusti incentivi…

 

 

———–

(in questo video il servizio del TgR Liguria del 22 marzo 2010, giorno della conferenza stampa di presentazione.
Per problemi burocratici con l’amministrazione comunale l’impianto fu attivato solo a partire dal mese di luglio.
In chiusura di servizio un involontario lapsus del giornalista Marco Fantasia, che cita una produzione annuale pari a 12 milioni di kWh e non 12mila)

 

 

link al post del 22 marzo 2010
energia pulita al Pianacci
 

l’impianto fotovoltaico del Circolo Arci Pianacci
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.