Flavio Gaggero, una persona speciale a sostegno della “Lista Sansa”…

Flavio Gaggero, una persona speciale a sostegno della “Lista Sansa”…

 

 

 

Flavio Gaggero, dentista dei vip e “buon samaritano”…una “persona speciale” a sostegno della “Lista Sansa”

 

E’ stato reso noto l’elenco dei candidati che andranno a comporre la “Lista Sansa”, a sostegno di Ferruccio Sansa, candidato presidente della coalizione di centro sinistra e principale avversario del presidente uscente, Giovanni Toti, alle imminenti Elezioni Regionali.

Selena Candia
-foto da profilo Fb-
(clicca per ingrandire)

Conosco personalmente l’arch. Selena Candia, una delle più giovani candidate, ricercatrice dell’Università di Genova, che si occupa di urbanistica, trasporti, gestione dei rifiuti e turismo e, particolare tutt’altro che trascurabile, ha una spiccata propensione per l’impegno sociale.

Un’ottima scelta, è una professionista molto preparata che va ad occupare un tassello importante all’interno di quella che è una delle tematiche più care a Ferruccio Sansa.

 

 

Conosco personalmente, da oltre un decennio, anche il candidato di gran lunga  meno giovane, l’83enne Flavio Gaggero.

L’ho conosciuto nel 2009, in occasione dell’inaugurazione del PalaCep, ed in quella occasione il Dr. Gaggero fece la conoscenza di Don Andrea Gallo, del quale divenne grande amico, l’amico-medico che Don Gallo volle accanto a sé nelle sue ultime settimane…

Il Dr. Flavio Gaggero, che è anche presidente della Croce Verde Pegliese, è proprio una persona speciale.

E’ da molti anni il dentista di fiducia di molti “vip” (Renzo Piano, Beppe Grillo, Gino Paoli, Ornella Vanoni e molti altri) ma è anche il “buon samaritano” che non nega mai un aiuto a chi si trova in condizioni di difficoltà.

E non lo dico per “sentito dire”, sono stato testimone di moltissime situazioni in cui si è messo, gratuitamente, a disposizione di persone in difficoltà economiche.

Lavora ancora nel suo studio dalle 8.15 del mattino fino alle 23, e nei weekend, quando riesce a muoversi da Genova, la sua attività da vero volontario si trasferisce nell’entroterra…

Un vero mito!

2009, Flavio Gaggero all’inaugurazione del PalaCep
(clicca per ingrandire)

Nel 2009 riuscì a coinvolgere, per l’inaugurazione del PalaCep, molti suoi amici, nomi di prestigio nel mondo teatrale, un vero e proprio parterre de rois

Andrea Jonasson, che fu anche compagna di vita di Giorgio Strehler, Franca Nuti, Franco Graziosi, Ugo Maria Morosi, Giancarlo Dettori ed altri ancora…
Così come il suo amico di sempre, Gino Paoli, che poi grazie al Dr. Gaggero sarebbe tornato al PalaCep altre volte, compresa quella “storica” serata del dicembre 2011, con Adriano Celentano, Beppe Grillo, Biagio Antonacci e Don Gallo…

L’ho definito “il candidato meno giovane” ma è comunque una definizione imprecisa…

perché, a dispetto di quanto indicato dalla carta d’identità, 20 gennaio 1937…, Flavio Gaggero è “sempre giovane”, con un entusiasmo contagioso che spesso non si riscontra nemmeno tra gli adolescenti.

 

 

Poco più di tre anni fa “Repubblica Genova” gli dedicò un’intera pagina, in occasione del suo 80^ compleanno, e la postai sul mio blogghiario.

Quando mi sono accinto a scrivere questo post, mi sono riletto tutto quanto…

Non c’è bisogno di aggiungere altro…

In bocca al lupo Flavio, c’è bisogno del tuo entusiasmo!!!

(link – clicca sull’immagine – al post del 20 gennaio 2017
Flavio Gaggero, una persona speciale)

 

20 gennaio 2017

 

Link all’articolo

(Erica Manna, per “Repubblica Genova”)
IL DENTISTA CHE CURA I VIP E GLI ULTIMI
Dall’infanzia con Piano e Paoli al feeling con Grillo e don Gallo

IL PERSONAGGIO
Gli 80 anni di Gaggero il dentista di vip e ultimi
Compie ottant’anni il medico di Pegli adorato dagli attori E dagli immigrati che assiste gratis
STAKANOVISTA
Quando ho cominciato, nel ’63, lavoravo dalle 7.30 alle 2 del mattino Ora dalle 8.15 alle undici di sera
L’ANARCHICO
Sono un socialista anarchico. Nel mio studio parliamo di filosofia, di politica, di tutto Ma non si litiga mai

Già odia le foto: figuriamoci le celebrazioni.
Non mi piace conservare cose che mi ricordano quello che ho fatto: perché se no ci si adagia. Non sopporto chi si mette Iì, a sfogliare e rievocare: è così che si cade nella vecchiaia. E si perde la voglia di andare avanti“.
Ma lui, Flavio Gaggero, il dentista dei vip e degli ultimi, l’amico di Grillo e di don Gallo, il compagno di classe di Renzo Piano e di Gino Paoli, l’unico capace della sintesi impossibile di far convivere gli opposti sulla sua poltrona da dentista, a ottant’anni appena compiuti non corre questo rischio.
Si racconta tra una visita e l’altra nel suo studio di Pegli, anche se giura adesso ha rallentato i ritmi.
Quando ho cominciato, nel ’63, lavoravo dalle 7.30 alle 2 del mattino. Ora dalle 8 e un quarto alle undici di sera“.
Sulla sua poltrona è passata un pezzo della storia d’Italia, ma lui, della definizione di dentista dei famosi, non ha mai saputo che farsene.
«L’amicizia con questi personaggi è stata importante per valorizzare Pegli, come faceva mio padre – racconta – insieme a molti abbiamo organizzato spettacoli, e con il ricavato comprato giochi per i bambini, sistemato i giardini».
Nella sua sala d’aspetto si siedono i vip e gli immigrati, che da sempre il dottore cura gratis: «L’ultimo è venuto qui con quattro denti incollati con la resina. Ti fanno capire a quali sciocchezze noi diamo importanza».
Fin dagli anni Sessanta, lo studio Gaggero è rinomatissimo: lui ha studiato a Zurigo tecniche innovative, la voce si sparge.
«Sarò ricordato per le attese infinite», pensa. Arrivano Ivo Chiesa e tutti gli attori più in vista, Giorgio Albertazzi, Carlo Delle Piane, Valeria Valeri.
«Ivo era un caro amico, racconta Gaggero, io soffro molto il caldo, e anche in inverno esco solo con una giacca. Ero a teatro, e finito lo spettacolo Ivo mi dice: andiamo a ritirare il cappotto. Ma io non lo uso, gli faccio. Lui si arrabbia, mi dice ma sei matto, prendi freddo! Da quel momento ne ho comprato uno solo per portarlo a teatro».
Con Gino Paoli («un gran generoso») e Renzo Piano l’amicizia inizia dai banchi di scuola, alle medie a Villa Doria. Beppe Grillo arriverà dopo.
«Una sera ho raggiunto Renzo a cena e c’era lui. Siamo diventati amici. Io conosco un lato di lui che nessuno immagina: ogni Natale andiamo negli ospedali, Beppe è un taumaturgo per come sa far ridere chiunque. Con quella sua voce tonante che si sente in tutti i reparti. L’ultima volta, all’ospedale mi hanno detto: quello non lo porti più!».
Leggenda narra che gli screzi tra Grillo e Piano si siano appianati sulla poltrona di Gaggero.
«E’ vero. Qui parliamo di filosofia, di politica, di tutto».
Liti furibonde?
«Macché. Mai. Io sono socialista dentro, un socialista anarchico. Su questo ci troviamo. È sul come, che ciascuno ha le sue idee».
Don Gallo, Gaggero lo ha conosciuto al Cep di Pra’, con Carlo Besana.
Gino Paoli gli fa: “don, non puoi stare senza denti!” E lui: “Ma le palanche mi servono per fare del bene“.
Io non uso biglietti da visita, e gli scrivo il mio numero su un pezzo di giornale. Lui si presenta il giorno dopo: se mi avessi dato il bigliettino non ci sarei venuto. Quando si è ammalato, stavo con lui ogni notte.”

Il tempo è finito, il dottore ha un paziente.
Quando la pensione? «Nooo… non è nella mia ottica».
Di sicuro, Gaggero si sbagliava su un punto: non sarà ricordato per le attese.

 

Flavio Gaggero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.