perché sto con Junior Cally…

perché sto con Junior Cally…

 

 

 

…e chi si scopre improvviso paladino contro il sessismo si passi una mano sulla coscienza e soprattutto si informi un po’ in più.

 

Lunga chiacchierata stamane, come ci capita spesso, al telefono con l’amico Enrico Testino

ci siamo confrontati su alcuni dei casi mediatici di questi giorni, tra i quali il “caso Junior Cally”.

La discussione con Enrico si è focalizzata su alcuni elementi:

(1)
il testo “incriminato” è quello del brano “Strega”, che non è il brano che porterà a Sanremo…
“Strega” è stato pubblicato da Junior Cally tre anni fa, e questo è il “passaggio incriminato”:

«Lei si chiama Gioia
balla mezza nuda, dopo te la dà
Si chiama Gioia perché fa la tro..  
L’ho ammazzata, le ho strappato la borsa
c’ho rivestito la maschera».

(2)
E’ lecito censurare il prodotto, qualunque esso sia, di un artista?

(3)
I tanti adulti che sui social esprimono sdegno e chiedono a gran voce l’esclusione di Junior Cally dal Festival di Sanremo, in quanto darebbe scandalo e sarebbe diseducativo, lo sanno che gli adolescenti non seguono Sanremo ma quotidianamente ascoltano musica, questa musica (di Junior Cally e di molti altri) direttamente dal web?
E lo sanno che tra questi magari ci sono i loro figli???
Quante volte si sono preoccupati almeno di sapere cosa ascoltano i loro figli???

(4)
Facendo leva sulle mie ormai antiche conoscenze musicali ho accennato ad Enrico ad un brano inciso una quindicina d’anni fa da Marco Masini, altrettanto “forte” (sottolineo, quindici anni fa…).
Il brano era “Bella stronza” e conteneva questo passaggio:

“Bella stronza…
Mi verrebbe di strapparti
Quei vestiti da puttana
E tenerti a gambe aperte
Finché viene domattina”

Nessuno si è indignato quando Marco Masini qualche anno più tardi ha partecipato (e vinto) il Festival con un brano dolcissimo (“L’uomo volante”) dedicato a suo figlio.
Era (come Junior Cally) lo stesso Masini di qualche anno prima…
Nessuno ne chiese l’esclusione…
E Masini sarà in gara anche quest’anno…
Lo stesso Masini di “Bella stronza” con un brano diverso…
come Junior Cally…

Insomma, al termine della discussione/confronto ho detto ad Enrico che avrei preparato un post del tipo “Perché sto con Junior Cally”…

E poco fa stavo mettendomi all’opera, riordinando un po’ le idee, quando una delle tante notifiche mi ha indirizzato ad un post pubblicato da music.fanpage.it, manco a farlo apposta un post con un taglio assolutamente in linea con i contenuti della nostra discussione e le nostre conclusioni…

e c’è pure il cenno a Marco Masini…
e corriere.it fa riferimento anche ad altri “testi forti”, di artisti saliti sul palco dell’Ariston…

tipo Vasco Rossi in “Colpa d’Alfredo” («è andata a casa con il negro la tro…»), gli Afterhours di “Lasciami leccare l’adrenalina” («sei più bella vestita di lividi»)…

per non parlare di un altro “fenomeno musicale mediatico”, come Miss Keta, chiamata a co-condurre il “dopo Festival”, che così si esprime in “Miss Sushi e Coca” “toccami la gamba, passami la bamba, Jo sono la tua tro…”
 
esibendo una “memoria musicale” più sviluppata della mia…

e questo per me, per l’autostima che deriva dalla mia memoria musicale, è il punto più dolente della vicenda…

comunque, visto che c’è un post già pronto e confezionato…
perché fare fatica?…
lo posto tal quale…

con la premessa di una domanda che ci siamo posti io ed Enrico…

se qualcuno si presentasse sul palco di Sanremo con un testo inneggiante alla pulizia etnica, come reagiremmo???
saremmo ancora contrari a qualunque forma di censura???

io credo che sì, sarei comunque contrario…

l’arte, in generale, deve essere libera di esprimersi, ed anche il rap è arte (che possa piacere o no)…

ma di certo è bene che si sviluppi su questo tema una sana e serena riflessione, senza l’inquinamento di un “peloso perbenismo” fuori luogo spesso alla base delle più deprecabili “censure preventive”…

ah, dimenticavo…
il testo del brano che Junior Cally presenterà a Sanremo, dal titolo “No grazie”, contiene questo passaggio:

“Spero si capisca
che odio il razzista
che pensa al paese
ma è meglio il mojito
e pure il liberista
di centrosinistra
che perde partite
e rifonda il partito…”

I riferimenti a protagonisti dell’attualità politica sono ben evidenti…
vuoi vedere che il testo di tre anni fa è un pretesto per…
a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca…

lo diceva, anni fa, un politico che le malefatte non le ha cantate, le ha fatte…😊

e se avesse saputo cantare di certo nessuno l’avrebbe escluso da Sanremo….


(da music.fanpage.it)

 

Sanremo 2020, perché dopo Junior Cally si parla di “Bella stronza” di Marco Masini

A seguito delle polemiche scoppiate a Sanremo 2020 a causa di una vecchia canzone di Junior Cally si è cominciato a parlare di “Bella stronza”, forse uno dei pezzi più conosciuti di Marco Masini.
Nel testo del cantante ci sono delle frasi quantomeno ambigue.
Ma avrebbe senso cacciare tutti per testi passati?
E soprattutto ha senso censurare la musica?

A seguito delle polemiche scoppiate a Sanremo 2020 a causa di una vecchia canzone di Junior Cally si è cominciato a parlare di “Bella stronza”, forse uno dei pezzi più conosciuti di Marco Masini.
Il perché è presto detto: nel brano del cantante toscano ci sono dei versi che sono definiti sessisti, ma che in questi anni non hanno scandalizzato nessuno, se non poche persone che notavano come il problema del racconto sessista uscisse anche dai canoni rap.
Nel brano, Marco Masini, a un certo punto, dopo aver dato della “stronza” alla ragazza che lo ha lasciato e ora si fa “vedere in giro per alberghi e ristoranti con il culo sul Ferrari di quell’essere arrogante” canta, testualmente: “Mi verrebbe da strapparti quei vestiti da puttana / e tenerti a gambe aperte finché viene domattina / ma di questo nostro amore così tenero e pulito / non mi resterebbe altro che un lunghissimo minuto di violenza”.

A Sanremo 2020 conta il passato

Stando a quella che per alcuni politici e per il Presidente della Rai è la linea, bisognerebbe non solo valutare la canzone con cui un cantante si è presentato per gareggiare al Festival di Sanremo, ma anche il suo passato.
Con quali strumenti, poi?
Junior Cally voleva veramente mettere in atto un femminicidio?
Marco Masini cantava realmente di voler stuprare qualcuno?
Evidentemente no.
Il problema, come spiegava la scrittrice Giulia Blasi, non è morale ma artistico: ci interessa ancora quel tipo di racconto?
Ha senso giudicare con gli strumenti della cronaca l’arte?
Probabilmente no, altrimenti avremmo dovuto indignarci anche per le migliaia di film che mostrano la violenza.

Il rischio censura al Festival di Sanremo

Esiste uno storytelling nella musica, i cui testi spesso sono come racconti.
Uno storytelling che non è sempre e per forza autobiografico, anzi.
Se anche nel Cinema, ogni tanto arriva la polemica strumentale (Gomorra ne è uno degli esempi più recenti), nella musica la questione pare sempre più grande di quella che è.
Amplificata da eventi di cronaca.
Nel caso specifico è l’approdo del rapper al Festival di Sanremo, lo scorso anno fu la tragedia di Corinaldo, che mise Sfera Ebbasta e la sua produzione sotto i riflettori.
Junior Cally non va escluso, perché il rischio è quello di uno sconfinamento nella censura che è ben diverso dal gusto: una canzone può non piacere, per tutta una serie di ragioni, compreso il testo, ma mettere alla gogna qualcuno per un testo di tre anni fa ha poco senso.
Altrimenti dovremmo gettare la croce anche addosso a Marco Masini – che dopo quella canzone, Sanremo lo ha vinto – e la cosa, onestamente, scadrebbe dal ridicolo all’inaccettabile.

lo stesso sito aggiunge, più tardi…

Le polemiche contro Junior Cally
Junior Cally è stato criticato per alcune barre di un pezzo del 2017, tre anni fa, quando Cally vestiva ancora la maschera antigas e non era ancora volato in testa alla classifica con “Ricercato”, album con cui ha mostrato il suo volto.

Il sessismo nel rap
Quello del sessismo nel rap è un tema che chi maneggia la musica quotidianamente conosce bene, ma che ogni tanto, grazie a momenti come questo, arriva anche al grande pubblico.
E, ovviamente, un tema serio e importante diventa uno strumento politico, un’arma giocattolo in mano a chi non ha idea di come si maneggia.
Non è il sessismo il problema per chi scopre improvvisamente un tema, ma la polemica strumentale in sé e questa cosa fa male a tutto: inquina una discussione seria, fa confusione su un genere che non è sessismo, anzi, negli Usa vince il Premio Pulitzer.
La musica è arte e, come scrive la scrittrice Giulia Blasi, l’arte è immorale.
Il problema, semmai, è artistico, ovvero: ha ancora senso raccontare quel mondo? Raccontarlo in quel modo? No, per chi scrive.

Vogliamo Junior Cally sul palco dell’Ariston
Amadeus si è assunto la responsabilità di portare al Festival un pezzo che non c’entra nulla col sessismo, scritto da chi anni fa ha scritto un altro testo, spiegando di averlo fatto in maniera artistica, come quando guardiamo un film di Tarantino.
Indipendentemente dal paragone un po’ azzardato, l’idea è che scovare nell’armadio di ogni singolo cantante rischia di creare una censura preventiva di cui possiamo fare a meno.
Trasformare questa polemica in una crociata contro il rap, poi, rischia di riportarci alla polemica Sfera/Corinaldo, quando si prende un cantante per farne un capro espiatorio di un discorso complesso e dalle mille sfumature.

Insomma, che Junior Cally salga su quel palco a portare la sua “No, grazie” e che chi si scopre improvviso paladino contro il sessismo si passi una mano sulla coscienza e soprattutto si informi un po’ in più.

 

il video di “Strega”

 

 

 

il video di “Bella stronza”
(inizia dal “punto incriminato”)

 

 

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.