quella volta che “Pepe” dei Dik Dik mi fece un indimenticabile regalo di compleanno…

quella volta che “Pepe” dei Dik Dik mi fece un indimenticabile regalo di compleanno…

 

 

 

E’ il privilegio degli artisti o dei personaggi che ci hanno regalato momenti di spensieratezza…
resteranno sempre nei nostri ricordi, quasi “immortali”…

ancor più se, nel giorno in cui festeggi il tuo compleanno, ti regalano un’indimenticabile emozione…

 

 

14 marzo 2005, lunedì…
è il giorno del mio 51^ compleanno.

La sera a Savona, all’interno di un evento fieristico, è in programma, con inizio alle 22, una serata musicale.
Ospiti della serata i Dik Dik, uno dei “complessi” italiani che hanno accompagnato l’adolescenza della mia generazione.

A Susanna non occorre chiedere nulla…
lei sa…e programma tutto quanto alla perfezione…
alle 19.30 chiudiamo la farmacia al Cep, raggiungiamo Savona, si mangia al volo un boccone in uno degli spazi gastronomici della fiera ed alle 21.45, puntuali come un orologio svizzero, siamo lì, già posizionati in prima fila.

A mia insaputa, con la complicità dell’amico Pippo Buscema (collaboratore dell’agenzia di spettacoli che ha allestito la serata), Susanna ha “confezionato” un regalo di compleanno supplementare: l’incontro, dietro le quinte, proprio con loro, Pietruccio, Pepe e Lallo…i Dik Dik!!!

Li incontriamo nel retro palco, ci dedicano una decina di minuti, una conversazione per me molto piacevole, nella quale ovviamente non mancano riferimenti ed aneddoti sui loro successi e sulla loro carriera.

Confido loro che, nel mare magnum dei loro grandi successi, dalle moltissime cover (“Senza luce”, “L’isola di Wight”, “Sognando California”, “Inno”) alle italianissime “Viaggio di un poeta”, “Il primo giorno di primavera”, “Il vento”, “Vendo casa” e molte altre, la mia preferita in assoluto era una canzone forse meno nota rispetto a quelle già citate…
la mia preferenza andava ad una canzone del 1970, “Io mi fermo qui”.

 

Dik Dik, copertina di “Io mi fermo qui”
(clicca per ingrandire)

 

L’avevano presentata al Festival di Sanremo, in coppia con Donatello.

Quell’edizione del Festival fu vinta da Celentano e Claudia Mori con “Chi non lavora”, ed il brano dei Dik Dik, brillantemente interpretato anche da Donatello, con mio assoluto sconcerto non fu manco ammesso alla serata finale…

Erano passati molti anni da quel 1970, e ricordando con loro quell’episodio non riuscivo ancora a capacitarmi come potesse aver raggiunto la finale “L’amore è una colomba” di Marisa Sannia e Gianni Nazzaro, e non quella loro canzone, assolutamente imparagonabile, decisamente migliore, ovviamente a mio insindacabile giudizio…

un brano dolcissimo, scritto da due tra i migliori autori di quegli anni, Albertelli e Riccardi, gli stessi autori del brano (“Zingara”) che l’anno precedente aveva trionfato a Sanremo nell’esecuzione di Bobby Solo ed Iva Zanicchi.  

 

Sanremo 1970, Lallo e Pepe – “Io mi fermo qui”
(clicca per ingrandire)

 

Si potrebbe andare avanti ancora a lungo (io sicuramente…) ma non c’è più tempo…

uno sguardo da dietro le quinte…
la sala è affollata da persone che non vedono l’ora di riascoltare brani che sono stati la colonna sonora di lontani, piacevoli ricordi…
un album da poter nuovamente sfogliare…

ognuno lo sa che è tutto lì, accantonato nei microchips sonnolenti della memoria, in cassettini che si aprono automaticamente già al primo accordo…
e ci si sorprende, ricordando perfettamente anche il testo di quella canzone che non ascoltiamo da chissà quanto tempo…

la si segue canticchiando sottovoce, senza perdere una strofa…

e piano piano si rincorrono suoni, luoghi, profumi, persone…
ci si ricorda di quella volta che, tanti anni fa, mentre si ascoltava quella canzone…

è il loro momento, Pietruccio, Pepe e Lallo salgono sul palco, salutati dal lungo, affettuoso applauso della sala…

Pepe prende il microfono e…

“Ci capita spesso, quasi sempre, prima o dopo i nostri concerti…
ci capita da qualche decennio…

persone che chiedono di scambiare qualche chiacchiera con noi…

gli autografi, qualche foto…
l’affetto che ci circonda ancora…

a volte le persone, senza rendersene conto, sono un po’ troppo invadenti…
altre volte capita che siamo noi a non averne molta voglia, ma è il nostro lavoro…

questa sera invece…
ci ha raggiunti qui dietro una persona che desiderava incontrarci…

per noi è stata una conversazione davvero piacevole…
una persona cortese, con una memoria incredibile…
addirittura ci ha ricordato cose della nostra carriera che avevamo quasi dimenticato…

lui è qui, in prima fila, oggi è il suo compleanno…
gli vogliamo dedicare l’inizio di questa serata…
questa canzone gli piacerà, ne siamo sicuri…”

Ed è così che, grazie a Pepe, “Io mi fermo qui”, eseguita per me dai Dik Dik, diventa il più inatteso, sorprendente regalo per il mio 51^ compleanno…

Pepe se ne è andato poche ore fa, per complicanze causate dal Covid 19…

Così lo hanno salutato Lallo e Pietruccio: “Ciao Pepe te ne sei andato a suonare con gli angeli e ci hai lasciato qui a piangerti e ricordarti per sempre”.

E’ il privilegio degli artisti o dei personaggi che ci hanno regalato momenti di spensieratezza…
resteranno sempre nei nostri ricordi, quasi “immortali”…

ancor più se, nel giorno in cui festeggi il tuo compleanno, ti regalano un’indimenticabile emozione…

grazie ancora Pepe…

 

“Pepe” dei Dik Dik – Savona, 14 marzo 2005
(clicca per ingrandire)

 

Come un sasso che
L’acqua tira giù

Io mi perdo nel blu
Degli occhi tuoi

La mia libertà
Non la voglio più

Amo il bianco e tu
Sei candida

Sì, io mi fermo qui
Qui dove vivi tu

No, più non cercherò
Un altro nido ormai

Tu sei l’acqua dopo il fuoco
Non ti lascio più, uuh

Quel gabbiano che
Si nasconde in me

Più non volerà
In Africa

Quando sto con te
Sento dentro me

Che tu abiti ormai
Nell’anima

Sì, io mi fermo qui
Qui, dove vivi tu

No, più non cercherò
Un altro nido ormai

Tu sei l’acqua dopo il fuoco
Non ti lascio più

 

 

 

 

 
 

 

Savona,14 marzo 2005
Io e Susanna con i Dik Dik
(clicca per ingrandire)

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.