Ok, si chiude!

Ok, si chiude!

 

30 dicembre 2012

(Domenico Megu Chionetti, Comunità San Benedetto al Porto)
La comunità del Cep..
se penso a quel luogo questa è l’espressione che più mi fa vedere le fatiche e il risultato tangibile sotto gli occhi di tutti che Carlo Besana ha fatto in questi anni…
comunità perché quando tanti rapporti si intrecciano, diventano forti, si emancipano dentro e fuori al quartiere la comunità ha ripreso la sua dignità.
Quando vedo quello che avviene al Pianacci penso che ha la stessa tensione e spinta che abbiamo noi a San Benedetto, comunità partecipativa, animazione sociale…
confido che il Sindaco e i funzionari se ne occuperanno già lunedi ultimo giorno utile dell’anno!

 

Link all’articolo

(Marco Preve, per “Repubblica”) 
PIANACCI, SI FERMA IL CUORE DEL CEP
Chiude il consorzio da sempre anima e motore delle iniziative del quartiere: “Fateci incontrare Doria”

Chiude il cuore del Cep.
Il consorzio Pianacci, che gestisce le attività sportive e soprattutto sociali del quartiere, ha deciso di chiuderei battenti dal primo di gennaio.
La scelta è quella di evitare le consuete incomprensioni e i disagi che ogni anno si creano con l’amministrazione comunale.
«Da due anni – spiegano dal Pianacci – il comune deve fare un bando di gara per affidare la gestione ma fino ad oggi non è stato fatto, cosicché la concessione deve essere rinnovata ogni volta alla scadenza. Cosa che capita nelle ultime tre ore disponibili lasciando tutti con il fiato sospeso e con l’impossibilità di programmare corsi ed eventi. Così questa volta abbiamo deciso noi di chiudere».
Dal consorzio fanno sapere che deciderà una riunione con i soci se prolungare la chiusura inattesa di un incontro con il sindaco Doria e della risoluzione della annosa questione del bando di assegnazione.
«Il Pianacci – continuano i responsabili- inoltre potrebbe venire considerato una società sportiva (con aumento di costi e oneri) anche se solo 15.000 euro su 257.000 del bilancio 2011 proviene da attività sportive mentre tutto il resto è orientato sulla socialità. Siamo costretti a questo passo perché ritardi e confusioni determinano al Pianacci enormi problemi di gestione programmazione, gestione bar, gestione tesseramento, comunicazione con il quartiere e i soci, organizzazione con reti e soggetti con cui si collabora. Stavolta ci siamo stancati di subire questa mancanza di attenzione e organizzandoci senza confusione di chiudere una settimana.”

Link all’articolo

(“Corriere Mercantile”)
PIANACCI, DA MARTEDI’ SI CHIUDE
Stop di almeno una settimana
«Lassismo di Tursi intollerabile»

Da martedì prossimo, 1° gennaio, il “Pianacci” chiude i battenti.
Per una settimana, quantomeno.
Già, perché per l’ennesima volta l’amministrazione comunale non è stata in grado di inviare per tempo (e pure sarebbe sufficiente una semplice mail…) una comunicazione, con la proroga della gestione, al consiglio direttivo della struttura del Cep.
Non è la prima volta, appunto, che il Comune – rimpallandosi la situazione con il municipio Ponente – attende le ore immediatamente precedenti la scadenza della proroga (non è un modo di dire: in qualche caso la comunicazione è arrivata 3 ore prima del termine) per dare il via libera al “Pianacci’.
La novità è rappresentata dal fatto che, comprensibilmente, il direttivo del “Pianacci” si è stufato e questa volta si è autoimposto uno stop.
«Da due anni, la proroga viene rinnovata a poche ore dalla scadenza, dopo silenzi, comunicazioni confuse e annunci disattesi. Questi ritardi determinano enormi problemi: di gestione della programmazione, del bar, del tesseramento, della comunicazione con il quartiere e con i soci. Ora basta. Anche se la comunicazione della proroga della gestione dovesse arrivare lunedi, il primo gennaio non apriremo. Sarebbe troppo tardi per avvisare tutti i soggetti coinvolti nella gestione. E’ una forma di rispetto nei loro confronti . Dunque, resteremo chiusi per almeno una settimana. Poi, deciderà una nunione dei soci se prolungare la chiusura, in attesa di un incontro con il sindaco Doria e della risoluzione della annosa questione della istituzione del bando di assegnazione della gestione», spiega Enrico Testino, componente del Consiglio Direttivo del Pianacci.
Testino lancia anche un appello al presidente del municipio Ponente, Mauro Avvenente, nonché al vlcesindaco Stefano Bernini, affinché “chiariscano” al sindaco la situazione.
«Entrambi conoscono bene la nostra realtà, sanno che la nostra è una associazione e non certo una società sportiva. Da due anni, appunto, la gestione viene prorogata perché l’amministrazione non riesce a “imbastire’ il bando previsto dall’amministrazione stessa. fossimo considerati una società sportiva, avremmo oneri insopportabili. Ma il “Pianacci” non è affatto una società sportiva, considerato che solo 15.000 euro su 257.000 del bilancio 2011 provengono da attività sportive e che la nostra struttura, su 13.000 metri quadrati occupati, ne dedica appena 1.000 alla pista di pattinaggio e 200 al campetto a cinque».
«È triste -conclude Testino – che coloro che ricoprono incarichi e cariche istituzionali danneggino in modo così palese i cittadini che, in modo volontaristico e per passione, promuovono animazione sociale e vita di comunità in quartieri difficili. Non è facile riassumere di chi sia la colpa, anche se il municipio Ponente e il suo presidente hanno il carico maggiore di responsabilità. Pensiamo dunque che sia il caso di coinvolgere la massima carica istituzionale cittadina (peraltro già contattata settimane fa), sperando che sia in grado di dare coerenza organizzativa a tutti i diversi uffici e responsabili“.

 

Link all’articolo

(Alessandro Ponte, per “Il Secolo XIX”)
LA PIANACCI CHIUDE I BATTENTI
Niente gara né proroga: il consorzio restituisce le chiavi dell’area

IL NUOVO ANNO sarà senza la Pianacci.
L’area, in gestione al consorzio omonimo e simbolo del riscatto di un’intera periferia, quella di Ponente, dal primo gennaio chiude i battenti. Ancora.
Ma questa volta non basterà l’ennesima proroga last minute per evitare i sigilli: «Adesso aspettiamo di incontrare il sindaco Doria. vogliamo che sia risolta una volta per tutte la questione del bando», dice Enrico Testino, del direttivo del Consorzio Pianacci.
L’idea nata dal brianzolo Carlo Besana, l’ex farmacista come lo chiamano al Cep di Pra’, diventata dopo tanti sacrifici un punto di riferimento importante per tutta la città con le radici in quella che è stata una brutta periferia, «non può continuare a resistere in questo modo».
Questa storia dai contorni kafkiani ruota tutta intorno al bando di concessione dell’area.
«Sono due anni che il Comune ha previsto una gara d’appalto per gestire l’intera struttura del Palacep e quelle intorno – spiega Testino -e da due anni la proroga che ci tiene sospesi su un filo viene concessa a poche ore dalla scadenza. Ci siamo stancati di subire questa mancanza di attenzione, di vedere un’amministrazione che non riesce formulare un bando che lei stessa ha previsto».
Il primo stop sarà di una settimana.
«Naturalmente proseguono alla Pianaccise non arriva nemmeno la proroga la chiusura sarà d’obbligo. E non parliamo di gente “cattiva”, ma che proprio non riesce a fare quello che deve».
Fino ad oggi tutto si è perso nella confusione del silenzio.
Quello che Besana stesso aveva denunciato anni fa e che oggi suona come una premonizione nefasta: «Mancano i punti di riferimento all’interno dell’Amministrazione – aveva detto – così si cancellano anni di lavoro».
E il silenzio ha avvolto il bando per I’affidamento dell’area
Nel censimento delle strutture da mettere in gara di gestione, il Municipio, ha segnato l’Area Pianacci sotto la voce “impianti sportivi”.
«Se si facesse un bando per associazioni, Pianacci parteciperebbe e, se lo vincesse, continuerebbe le proprie attività. Se, invece, si punta sulle società sportive, non potremmo sostenere i costi maggiorati di affitto e l’onere dei lavori di manutenzione straordinari».
Un’incomprensione sulla categoria su cui puntare che secondo il direttivo del consorzio «ha come protagoniste decine di cariche istituzionali – dicono – ma, sicuramente, il Municipio Ponente e il suo presidente hanno un carico maggiore di responsabilità in questa vicenda».
E se è vero che alla Pianacci esiste una pista di pattinaggio e un campetto a 5 tra le proprie strutture, «è vero anche che il campetto a 5 viene usato gratuitamente dai giovani e dai servizi sociali del comune ed è stato affittato solo 6 volte nel 2011 e che su 257 mila euro del bilancio 2011, solo 15 mila circa provengono dalle attività sportive», spiega ancora Testino,«ed è palese per ogni genovese la prevalenza dell’utilizzo associativo e sociale del Pianacci».
Nella corrispondenza rimasta senza risposta, tra il consorzio e Amministrazione, è iniziato il calvario della gestione.
Mentre poco a poco scomparivano i tradizionali appuntamenti organizzati dal gruppo.
Finivano i concerti, si azzeravano i decibel.
«Oggi ci fermiamo del tutto – chiude Testino – senza interlocutori cercheremo un incontro direttamente con Doria».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.