Ci risiamo….

Ci risiamo….

 

29 dicembre 2012

 

Ci risiamo ….

a fine agosto il rinnovo della concessione dell’Area Pianacci da parte del Comune di Genova arrivò dopo polemiche, sofferenze, “incomprensioni”….
a pochi mesi di distanza, nonostante gli incontri, le promesse, le assicurazioni date da diversi esponenti delle istituzioni, siamo daccapo…
Non se ne può più….

In questo comunicato stampa la posizione del Circolo Pianacci
 

COMUNICATO STAMPA CIRCOLO PIANACCI DEL 29 DICEMBRE 2012

Il comportamento incomprensibile (nel migliore dei casi) della pubblica amministrazione ci regala un primo risultato del 2013: Il Pianacci chiude i battenti da martedì 1° gennaio.

Deciderà una riunione con i soci se prolungare la chiusura in attesa di un incontro con il Sindaco Doria e della risoluzione della annosa questione della istituzione di un bando di assegnazione.
Il Pianacci inoltre potrebbe venire considerato una società sportiva ( con aumento di costi e oneri) anche se solo 15.000 euro su 257.000 circa del bilancio 2011 proviene da attività sportive…

In breve
Lunedì 31 dicembre scade l’ennesima proroga per la gestione dell’area Pianacci.
Si fanno proroghe perché da 2 anni l’amministrazione non riesce a imbastire ed emettere un bando previsto dall’amministrazione stessa.
Quindi…da due anni ad ogni scadenza di proroga questa viene rinnovata a poche ore dalla scadenza dopo silenzi e comunicazioni confuse e annunci sempre disattesi.

Questi ritardi e confusioni determinano al Pianacci enormi problemi di gestione programmazione, gestione bar, gestione tesseramento, comunicazione con il quartiere e i soci, organizzazione con reti e soggetti con cui si collabora.
Questa volta ci siamo stancati di subire questa mancanza di attenzione e abbiamo deciso di… organizzare la confusione che subiamo e,  organizzandoci per bene e senza confusione, di chiudere una settimana.

Ovviamente se non arriva la concessione la chiusura è d’obbligo ma anche se arrivasse lunedì, a poche ore dalla scadenza, confermiamo questa chiusura per motivi organizzativi (gestione bar, utilizzo spazi da parte di altre associazioni, servizi, privati, progetti in collaborazione con reti ed enti… decine di soggetti da avvisare e con cui condividere percorsi sia se viene confermata la concessione che in caso contrario per organizzare la quotidianità dell’associazione).
Una riunione con i soci deciderà se prolungare la chiusura fino alla risoluzione della questione o quantomeno ad un incontro con il Sindaco Doria.

E’ a nostro avviso triste e incredibile che i cittadini che sono chiamati a amministrare una comunità (cioè chi ricopre incarichi e cariche istituzionali e amministrative) danneggino in modo così palese i cittadini che in modo volontaristico e per passione promuovono animazione sociale e vita di comunità in quartieri difficili.
La lista di cariche istituzionali e persone coinvolte in questi due anni di ritardi è lunghissima. Non è facile riassumere di chi sia la responsabilità. Sicuramente il Municipio Ponente e il suo presidente hanno il carico maggiore di responsabilità in questa vicenda.

In questi due anni abbiamo incontrato assessori municipali, comunali, consiglio capigruppo comune, municipio, tecnici, referenti, persino esponenti di partito. Addirittura l’unico consigliere municipale espresso dal Cep dopo circa 20 anni non ha preso posizione a favore dell’associazione.

Pensiamo così che sia il caso di coinvolgere la massima carica istituzionale cittadina (peraltro già contattata settimane fa) unica che, speriamo, sia in grado di dare una coerenza organizzativa a tutti i diversi uffici e responsabili.
Ci dispiace solo che questa situazione rechi ulteriori danni ai cittadini venendo a mancare uno spazio come il Pianacci anche se solo per pochi, speriamo, giorni.
Questi danni si vanno ad aggiungere ad altre attività scomparse in seguito alla situazione sempre più intricata e imbarazzante creatasi intorno al Pianacci.
Ricordiamo che la scorsa estate non si è organizzata la rassegna estiva e il Pianacci non organizza, per tutelarsi, più serate di animazione o spettacolo.

Ricordiamo altresì (vedi documento a fondo pagina) tutte le centinaia di iniziative e collaborazioni con servizi sociali che il Pianacci continua a realizzare insieme a decine di attivisti e volontari.
Non vorremmo che, per stanchezza, ci riducessero ad abbandonare anche queste.

Alcuni ulteriori dettagli

Manca un bando di assegnazione
Il Pianacci da 2 anni attende che si bandisca la gestione dell’area Pianacci.

Il Comune e il Municipio non sono in grado, da 2 anni, di istituire questo bando per diverse visioni su chi ha l’attribuzione dei poteri e degli incarichi necessari per farlo e decidere.
Inoltre si deve capire se fare un bando per associazioni o per società sportive.

Se si facesse un bando per associazioni il Pianacci parteciperebbe e, se lo vincesse, continuerebbe le proprie attività.
Se si facesse un bando per società sportive le associazioni, come il Pianacci, non potrebbero accollarsi i costi maggiorati di affitto e l’onere dei lavori di manutenzione straordinari a proprio carico.

Una struttura come l’area Pianacci, nata per dare risposte sociali e aggregative al quartiere, può essere gestita unicamente in una prospettiva associativa. La presenza di strutture anche sportive è secondaria rispetto al compito affidato a strutture di questo tipo in questi specifici quartieri.

L’indecisione se mettere il Pianacci tra associazioni o sport è fuori luogo.
E’ vero che il Pianacci ha una pista di pattinaggio e un campetto a 5 tra le proprie strutture…ma è vero che il campetto a 5 viene usato gratuitamente dai giovani e dai servizi sociali del comune ed è stato affittato solo 6 volte nel 2011…ed è vero che su 257.000 euro del bilancio 2011 del Pianacci solo 15.000 circa provengono dalle attività di sportive di quegli impianti.

E’ palese per ogni genovese la prevalenze dell’utilizzo associativo e sociale del Pianacci e i bisogni del quartiere, più sociali che…agonistici.

Quindi si va avanti a proroghe.
Da 2 anni quindi il Pianacci va avanti a rinnovi in attesa del bando.

L’ultimo rinnovo, tra molte polemiche e proteste da parte della associazione da noi gestita, è stato fatto a CIRCA 3 ORE dalla scadenza della concessione, a fine agosto fino a questo 31 dicembre.

Chiude il Pianacci

Ad oggi, e lunedì è il 31 dicembre, non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione di rinnovo.
Pensiamo che non si possa avere così poco rispetto per chi per propria scelta lavora e si occupa della comunità in modo volontaristico.
Pensiamo che chi invece PER DOVERE si deve occupare della comunità non possa avere così poca attenzione per la vita, l’impegno, il lavoro delle persone.

A nostro avviso non è che sono cattivi… è che non ce la fanno proprio

Questa volta quindi decidiamo in anticipo di gestire questi tempi e decidiamo, per la prima volta da 16 anni, la chiusura del Pianacci almeno fino a domenica 6 gennaio compresa.
Si valuterà con una riunione tra i soci venerdì prossimo se prolungare la chiusura fino a un incontro chiesto al Sindaco.

Con la presente comunicazione chiediamo infatti, anche a mezzo stampa, un incontro con il primo cittadino per chiedergli di gestire questo passaggio… semplicissimo ma reso complicato da incomprensibili ragioni (incapacità? Confusione? Disinteresse? interessi di parte?).

Le strutture ed attività sportive
Loro incidenza

15.173 euro di entrate lorde a fronte di 257.000 complessive del Pianacci (5,89%)
Delle ore di servizi di attività offerti solo il 17,86% è di attività sportive.
Il dubbio se inquadrare la struttura come sportiva o sociale nasce dall’esistenza, nell’area di due strutture ad uso sportivo:
_ campetto a 5 in erba sintetica
_ pista di pattinaggio coperta all’interno del PalaCep

Innanzitutto bisogna tenere presente che la struttura Pianacci e tutte le sue implementazioni nascono dal bisogno di una risposta sociale, aggregativa, di animazione sociale all’interno di un quartiere che nasce e ha tuttora forti componenti di problematicità sociale.
Anche la costruzione del PalaCep fu decisa dalle Istituzioni e promossa dagli attori sociali sul territorio per rafforzare la possibilità di dare risposte di opportunità ad un quartiere in difficoltà e di rafforzare l’offerta con servizi di diverso tipo. L’offerta quindi del pattinaggio è un modo di affiancare all’offerta sociale altre opportunità e non di sostituirsi ad esse.

Inoltre la componente sportiva è altamente minoritaria come riportiamo nei dati e nelle descrizioni successive.

Campetto a 5
Il campetto a 5 in erba sintetica nel 2011 è stato “affittato” 6 volte.
Tutti gli altri giorni il campetto è a disposizione gratuita e accessibile (basta chiedere le chiavi ai diversi referenti del Pianacci presenti in struttura sempre) per tutti.
In particolare viene dato in uso alla struttura dei Servizi Sociali del Comune: Centro Sociale Zenit che può accedervi con i minori dei propri gruppi ogni giorno della settimana.

La pista di Pattinaggio all’interno del PalaCep
La pista di pattinaggio dentro il PalaCep eroga all’anno (dati 2011) 1451 ore di attività che rappresentano il 17,86 % di offerta di attività del Pianacci (le altre ore sono, ad esempio, attività per anziani di attività motoria, ballo per gruppi o per coppie, attività di modellismo, libera fruibilità del circolo ricreativo, eventi di spettacolo, incontri a carattere culturale, e così via per un totale – dati 2011 – di 8122 ore ).
La Pista del PalaCep viene gestita dal Pianacci che affitta gli spazi a diverse società. Le entrate lorde del 2011 di questa attività sono state 15.173 euro (11.706 al netto di riscaldamento ed elettricità).
Le entrate lorde del 2011 per il Circolo Pianacci, come da rendiconto approvato dall’assemblea dei soci sono state pari a 257.426 euro, con un contributo delle attività sportive pari quindi al 5,89 % del totale (le uscite lorde sono state di euro 254.905 , con un saldo attivo 2011 pari ad euro 2521).
La struttura del PalaCep è inoltre usata per ospitare o promuovere eventi gratuiti come il raduno annuale degli Scout liguri, il raduno annuale delle Comunità Islamiche Liguri, iniziative di festa e giochi come la festa annuale del Centro Sociale Zenit, feste di associazioni o realtà locali (giornata di scuola guida ed educazione stradale dell’autoscuola Macciò per le scuole elementari) , incontri territoriali, e molto altro…..

Le altre attività del Pianacci
L’area è aperta (per tutti) tutti i giorni (mediamente 362 giorni/anno) , la manutenzione in carico al Pianacci, che rappresenta l’unico spazio disponibile nel quartiere in modo trasversale per le diverse generazioni.
I diversi e prestigiosi eventi di spettacolo (oltre 100 ) organizzati in questi anni , con presenze di artisti quali Adriano Celentano, Biagio Antonacci, Gino Paoli, Beppe Grillo, Subsonica , Kimany Marley, ecc e personaggi del mondo della cultura quali Moni Ovadia, Marco Travaglio, Don Gallo sintetizzano le capacità organizzative di un’associazione, che opera in termini meno mediatici ma assolutamente concreti ed utili quotidianamente nel quartiere , non solo con proprie attività ma rendendosi disponibile con le proprie risorse umane e con la fruibilità degli spazi gestiti dai propri volontari per altre realtà associative, non solo del quartiere.

Esempi di attività svolte o facilitate dal Pianacci:
il Centro Sociale Zenit,
espressione delle attività gestite dal Centro servizi del Comune (fascia di età dai 6 ai 16 anni) svolge diverse attività all’interno degli spazi del Pianacci, con possibilità di fruibilità anche quotidiana.
L’insegnante di Educazione Fisica della Scuola Moro ha in consegna le chiavi del PalaCep, degli spogliatoi e del campo da calcetto in modo da poter fruire, anche senza una programmazione predeterminata , degli spazi coperti ed all’aperto per le attività degli studenti.
il Centro di Salute Mentale della ASL 3 utilizza il salone del Circolo per attività ludico ricreative (con finalità riabilitative) di pazienti in carico al Centro stesso (es. rassegna proiezione di film con presentazione e commento curata da pazienti).
L’UCIL (Ufficio Coordinamento Inserimenti Lavorativi del Comune di Genova) nell’ambito dei suoi progetti di reinserimento sociale in collaborazione con il Pianacci attiva percorsi di addestramento lavorativo per persone con vario grado di difficoltà relazionale e sociale.
I percorsi di reinserimento sociale vengono attivati in stretta relazione con UEPE (Ufficio di Esecuzione Penale Esterna – Ministero di Grazia e Giustizia) e con ARCAT (Associazione Regionale dei Club degli Alcolisti in Trattamento).
Altri percorsi di sostegno a soggetti in difficoltà vengono attivati con il Distretto Sociale del Municipio VII Ponente.

Inoltre , e non meno importanti, in questi anni , i progetti della rete LET (Laboratori Educativi Territoriali) hanno sempre visto la presenza attiva del Pianacci, così come significativo è stato (ed è) il percorso di integrazione con la comunità araba (di fede islamica) residente al Cep.

In due spazi esterni all’Area Pianacci (nella fattispecie il Salone sottostante la Biblioteca Civica Firpo e la palestra del Centro Civico di via Calamandrei) vengono svolte diverse attività di ballo e/o attività motoria. Il Salone della Firpo è stato ristrutturato e restituito alla collettività a seguito di oltre 400 ore di lavoro volontario di soci del Pianacci; il Centro Civico di via Calamandrei è stato “attivato” grazie ad un progetto (bando regionale) del Pianacci che oggi fa parte del Comitato di gestione della struttura, capofila il Municipio VII Ponente.

Nello spazio un tempo adibito all’attività al coperto di bocce (attività poi di fatto esauritasi) è stata realizzata una pista permanente, unica in Liguria , di Modellismo Drift , definita pubblicamente dal campione mondiale giapponese “la più bella d’Europa”. La pista più volte la settimana è utilizzata da nostri soci (circa 25).

Fino al 2011 compreso sono stati allestiti (nella quasi totalità nel periodo estivo) 112 eventi di spettacolo ad ingresso gratuito , con la partecipazione di 144 gruppi con un totale di 1109 artisti.

 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.