Non meditar vendetta… (ognuno ha la moglie che si merita…)

Non meditar vendetta… (ognuno ha la moglie che si merita…)

15 ottobre 2014

NON MEDITAR VENDETTA…
(ognuno ha la moglie che si merita…)

 

Come noto (magari non a tutti, ma a molti sicuramente) circa 4 anni fa venne presentata una denuncia penale contro il sottoscritto per aver “osato” organizzare al PalaCep spettacoli musicali ad ingresso gratuito (di sabato, d’estate, con chiusura entro le ore 24….).

La conseguenza per me, nel 2012, fu una condanna a dieci giorni di carcere (per il cosiddetto reato di “disturbo della quiete pubblica”), poi commutata in sanzione pecuniaria; la conseguenza, per il quartiere, fu la rinuncia, da parte mia e dell’Associazione Pianacci, ad organizzare altri eventi di spettacolo.

Bene, tra i fautori di quella denuncia c’era un ”signore” (la “s” è volutamente minuscola) che arrivò a chiedere, come risulta dagli atti della procura, l’abbattimento del PalaCep costruito (a suo dire) senza i permessi necessari, tesi azzardata visto che fu realizzato dal Comune che è anche proprietario dell’area.

Ora, a distanza di qualche anno, questo “signore” si presenta al Pianacci (senza peraltro esserne mai stato socio in questi 17 anni) per accompagnare la nipotina proprio all’interno del “famigerato PalaCep”, per farla partecipare ai corsi di pattinaggio, ed immagino che proprio il fatto che quella sua “s” sia minuscola anziché maiuscola gli abbia impedito di provare anche il minimo imbarazzo… (come diceva Totò: “Signori si nasce”, e costui di certo non lo nacque…)

C’è però un vecchio adagio, che fa parte della mia filosofia di vita, che invita a non meditar vendetta ma a sedersi sulla riva del fiume, aspettando pazientemente il passaggio del corpo del nemico…

Sulla riva di questo ipotetico fiume, che scorre impetuoso anche al Cep, per la sfortuna di questo “signore” oggi non ero seduto io, c’era mia moglie

la quale trovandosi davanti non l’inerme corpo citato nell’adagio ma un “signore” in carne ed ossa ha colto al volo l’occasione …

con la civile ferocia di cui sono capaci solo le donne è riuscita a fargli provare molto più di un minimo imbarazzo…

da oggi l’adagio reciterà così: non meditar vendetta ma aspetta pazientemente che sulla riva del fiume si sieda Susanna…

ps: quando mia moglie si esprime su questi livelli, mi piace pensare di essermela meritata…
magari in un’altra vita…non può essere solo fortuna…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.