Anch’io mi sento un po’ salmone…

Anch’io mi sento un po’ salmone…

 

10 ottobre 2014

 

Genova, alluvione 2014
Si può essere d’accordo… oppure no, come sempre quando qualcuno esprime un’opinione.
Mi pare che quella di Stefano Cavanna sia un’analisi molto serena, molto lucida, che invita a ragionare e non ad urlare di tutto con la pancia, manco fossimo allo stadio…
Anch’io mi sento un po’ salmone, nel senso che condivido (quasi) tutto, anche se è molto più facile provare a “ragionare” quando si abita in una zona che, almeno finora, non è stata colpita da queste tragedie e, soprattutto, non le si sono vissute appieno sulla propria pelle…
Però, proprio per questo, penso sia più saggio provare a ragionare, almeno noi che non abbiamo giustificazioni se ci esprimiamo “con la pancia”…
Con tutto il rispetto delle altrui opinioni.
E, soprattutto, con il massimo rispetto della disperazione, anche urlata, di chi per l’ennesima volta deve ricominciare da capo…

(post di Stefano Cavanna su Fb)

Oggi mi sento molto salmone quindi andrò naturalmente controcorrente.
Vedo già i primi commenti che, in queste occasioni, sono naturalmente rivolti a colpire chi ci amministra.
Premetto che questo sindaco non mi ha mai convinto (a partire dal cognome …) così come chi c’era prima di lui, e che ciò esula dalle mie simpatie politiche ma nasce da valutazioni differenti rispetto ad eventi che, in questo caso, vengono commentati solo in base all’emotività.
Nel caso delle alluvioni i problemi arrivano da molto lontano, sia dal punto di vista dello scempio naturalistico ed edilizio, sia da quello prettamente climatico (qualcuno ha notato che a ottobre fa quasi caldo come ad agosto, almeno nelle ore diurne? E’ normale ?).
Personalmente ritengo che, di fronte alla furia degli elementi, poco ci sia da fare se non usare il buon senso, quello che quando noi eravamo bambini utilizzavano i nostri genitori che, senza Arpal, senza smartphone e con un televisore in bianco nero con due soli canali, erano in grado di capire se sarebbe piovuto e con quanta forza l’avrebbe fatto, solo guardando il cielo.
Il fatto è che noi oggi demandiamo tutte le nostre decisioni a strumenti tecnologici che non hanno, tra le loro doti, quello di prevedere la furia della natura e degli elementi che sono per loro definizione imprevedibili.
Qualcuno tra quelli nati negli anni 60, i quali quindi sono su questo pianeta da circa mezzo secolo, si ricorda una serie così ravvicinata di eventi di questo tipo?
lo che sono tra questi vi dico: no, e la cosa non può essere casuale .
Allora la domanda che faccio è: cosa può fare un sindaco in una situazione come quella di ieri, oltre a sperare che le previsioni non abbiano sottostimato la perturbazione ed emanare un’allerta solo dopo aver constatato che le cose stanno precipitando?
Se si allaga Borgo Incrociati, che si trova praticamente sotto il livello della strada e quasi su quello del letto del Bisagno, è colpa di Doria oppure sarà il caso di scomodare un medium per capire come mai qualcuno fece tale scelta a suo tempo?
Certo, una volta il fiume scorreva libero senza ostruzioni, senza cementificazioni e senza coperture e quindi le possibilità che uscisse dagli argini erano inferiori (oppure ciò non succedeva anche perché le precipitazioni erano più regolari?)
Qualcuno dirà: bisognava mettere in sicurezza i torrenti, rifare gli argini ecc.: sembra facile, ma avete mai pensato che per fare questo, magari, ci sarebbero da radere al suolo un numero imprecisato di edifici abitati che si trovano praticamente dentro i corsi d’acqua?
In Via Giotto è stato fatto, però poi quando ci si è accorti che per demolire il palazzo/diga i TIR dovevano passare da Borzoli e Fegino, si organizzavano con tutte le buone ragioni di questo mondo i blocchi stradali, ma del fatto che Sestri fosse finita qualche anno prima sotto un metro di fango, a chi abitava pochi chilometri più in là non fregava più una beata mazza…
Questo tanto per dimostrare che, quando le iniziative che abbiamo richiesto a gran voce finiscono per ledere i nostri interessi spiccioli, guarda caso il senso civico si riduce ai minimi termini.
Ricordo anche, infatti, che le stesse persone che si erano giustamente indignate per la morte di chi tornava da scuola nel 2011, alla prima allerta successiva, che consigliava la chiusura degli edifici scolastici da parte del comune, si lamentavano perché, pur non essendoci stata una nuova alluvione, loro erano dovute restare a casa non sapendo dove “parcheggiare” i propri figli.
Mi sembra, scusate, di risentire la vecchia canzone “Pietre”: se viene data l’allerta e tu non fai nulla ti tiro (giustamente) le pietre; se non viene data l’allerta e tu ti cauteli ugualmente, ti tiro le pietre perché hai creato inutile allarmismo; se non viene data l’allerta e tu non fai ovviamente nulla ti tiro le pietre comunque, perché non hai saputo prevedere oltre le capacità predittive degli enti preposti.
Un amministratore andrebbe valutato per quello fa dopo questi eventi, per le misure concrete che prenderà, tra le quali non c’è sicuramente obbligare la gente a stare a casa appena passa una nuvola in cielo.
Vernazza qualche anno fa è stata sepolta da una montagna di fango, forse qualcuno anche lì se la sarà presa con il sindaco perché non ha saputo prevedere che una collina si sarebbe riversata sul paese; ebbene, nelle elezioni successive lo stesso sindaco è stato rieletto con un consenso ancora maggiore della tornata precedente, segno che, evidentemente, il suo lavoro per gestire l’emergenza e la ricostruzione è stato valutato positivamente dai cittadini.
Quando si verifica un problema (anche piccolo e nella vita di tutti i giorni), intanto la prima cosa da fare è trovare una soluzione affinché non si ripeta, invece di cercare a tutti i costi un colpevole; poi, appurato che chi di dovere non ha fatto il possibile perchè il problema non si verificasse, allora sarà sacrosanto richiedere che il responsabile venga rimosso.
Se la nostra stima nei confronti della classe politica è uguale zero, come possiamo pretendere che questi stessi omuncoli abbiano la capacità di opporsi agli elementi? Io sarei già contento se non rubassero e se pensassero, in primis, a fare per davvero gli interessi di tutti, non solo i propri…

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.