Nene, la carbonara, le due famiglie…

Nene, la carbonara, le due famiglie…

 

28 dicembre 2014

Nene Diene non è “solo” un’ottima giocatrice di basket, è anche una ragazza “speciale” (almeno per me…). E’ stata la capitana della nazionale che nel 2010 vinse l’Europeo Under 18 (coach il grande Giovanni Lucchesi); le sue origini senegalesi ed una similitudine nelle storie personali hanno spesso comportato, a livello mediatico, il “parallelo” con Mario Balotelli. Come la pensa lei è ben chiaro nella bella intervista di Valerio Arrichello per “Il Secolo XIX”.

Link all’articolo

(Valerio Arrichiello, per “Il Secolo XIX”)
Parla la stella dell’aLmore «Mi sento italiana e sto bene in azzurro»
DIENE: «AMO I LIBRI LA CARBONARA E LE MIE 2 FAMIGLIE»
La Balotelli del basket: «Lontana da lui»
RIPARTIRE DA GENOVA Questo era il posto giusto per ricominciare. Sto bene con il club e anche con i liguri

SE A MARIO BALOTELLI dici alchimista forse ti risponderà che fa rima con cubista.
Se invece chiedi a Nene Diene lei ti dirà che «“L’Alchimista” è un libro di Coelho, il mio preferito. Quando sono triste lo leggo e ritrovo il sorriso, la mia energia. Leggere è la mia seconda passione».

E’ conosciuta come la “Balotelli del basket”, ma tra SuperMario e l’ala dell’aLmore Genova i punti in comune sono davvero pochi.
«Mi chiamano così perché abbiamo due storie simili, ma siamo molto diversi».

Nata a Lecce il primo aprile 1992, da genitori senegalesi, Nene Diene è stata adottata dopo pochi mesi da una coppia del posto.
«Sono cresciuta con la famiglia ‘bianca”-racconta con un sorriso -senza mai perdere i contatti con quella “nera”».

Perfetto esempio d’integrazione.
«Mi sento salentina, italiana al 100%».

Donna del sud.
«Cucino la carbonara e ascolto i Negramaro».

E sportiva dentro.
«II mio forte? Lo spirito di squadra».

Altro che Balotelli.
«No, mi va bene il soprannome che le mie amiche mi hanno dato sin da piccola: cioccolatino».

Gusto?
«Fondente».

Forte, passionale, ma pur sempre dolce, come gli occhi di Nene che quando gioca a basket sembra un bambino nel paese dei balocchi.
Nene, come è andato il Natale?
«Sono appena tornata da Lecce. Ho festeggiato da mia nonna, eravamo in 30, abbiamo mangiato tanto, ma ora si riparte col basket».

Ci diceva della sua storia. Ce la racconta?
«Certo. I miei genitori sono stati tra i primi senegalesi ad arrivare a Lecce ed erano un po’ in difficoltà. Sono stata accolta da una famiglia eccezionale che aveva già tre figli. Ho sempre avuto un bel rapporto con entrambe le famiglie e tutto questo mi ha aiutato a crescere, ad avere possibilità che altrimenti non avrei avuto».

E il basket quando è arrivato?
«Ho fatto nuoto per 5 anni, ma volevo un gioco di squadra perché in gruppo do il meglio di me. Mia madre mi ha portato al New Basket Lecce. Avevo 10 anni, è stato amore a prima vista. Facevo più allenamenti al giorno per migliorare velocemente».

E cosi è diventata la Balotelli del basket.
«Non ho nulla contro di lui,ma non abbiamo niente in comune né in campo, né fuori. Ho uno stile di vita molto diverso. Niente “Balotellate” (ride), sono seria».

Ed è innamorata della maglia azzurra
«E’ sempre stato il mio sogno. Mi sento italiana al 100%, sono nata a Lecce ho l’accento salentino,e amo la mia Nazione. Con l’Under 18 avevo vinto l’Europeo in Slovacchia: è stata l’emozione più bella della mia carriera, Da quando sono arrivata all’aLmore l’obiettivo era tornare in Nazionale: a novembre sono stata richiamata ed è stato bellissimo».

Ma è mai stata in Senegal?
«Sì, per il battesimo con la tribù di mia madre, i Pole. Dovevo tornare a 11 anni, ma c’era già il basket e non ho più avuto tempo. Del Senegal mi ha colpito il senso di solidarietà. Famiglie numerose che si aiutano anche se la vita è meno agiata rispetto all’Italia. Si vede che lo spirito di squadra ce l’ho nel sangue…».

E del Salento cosa si porta dentro?
«Noi diciamo “Salentu, lo sule, lo mare e lu ientu”, cioé che in Salento c’è il sole, il mare e il vento in base al quale decidiamo in che spiaggia andare. Porto il calore della gente e la voglia di lavorare. Al Nord, noi del Sud dobbiamo sempre far vedere che valiamo, ma è uno stimolo non un peso».

Come mai Genova e l’Nba?
«Dopo un’esperienza in Toscana, ho giocato a Brindisi. Ora, pero, era il momento di porsi obiettivi maggiori e Genova era il posto giusto. Sono contenta, sto bene nel club e anche con i liguri. Non è vero che sono freddi e io so già dire Belin».

In campo quali sono i suoi pregi e difetti?
«Da due anni mi alleno per migliorare il tiro, ma già va meglio. I punti di forza sono l’uno contro uno e lo spirito di sacrificio. Se recupero palla e una compagna va a canestro sono contenta. L’ importante è vincere».

Qual è il suo obiettivo?
«Per quest’anno restare in pianta stabile in azzurro e andare lontano con l’aLmore. A dicembre c’è stato un calo, abbiamo perso tre gare importanti, ma col nuovo coach stiamo bene e siamo motivate. Più in generale mi ispiro a Laura “Chicca” Macchi: è fortissima, ora gioca a Schio, ma in passato è stata anche negli Usa Una carriera come la sua sarebbe il massimo».

la video intervista

Link alla video-intervista

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.