NBAZena, il “sogno A1” finisce in semifinale

NBAZena, il “sogno A1” finisce in semifinale

 

18 aprile 2014

Ci abbiamo creduto, fino in fondo… anzi, a un certo punto sembrava proprio che ce la potessimo fare a portare Trieste a gara 3, davanti al nostro pubblico…
ma loro, come in gara 1, hanno avuto qualcosa in più…e nelle partite di grande equilibrio quel “qualcosa” possono essere tante cose, anche piccole, che però fanno la differenza…fra qualche giorno, quando andremo a “rileggere” la nostra stagione, non potremo che esserne orgogliosi… fra qualche giorno…

Link all’articolo

(Beppe D’Amico, per “Il Secolo XIX”)
Le genovesi fuori dai playoff
ALMO, SCONFITTA SENZA DRAMMI
“CI RIPROVEREMO SUBITO”
II presidente Besana guarda avanti: «É mancata solo l’esperienza»
ORGOGLIO GENOVA
In meno di sette anni l’Nba è passata dalla B regionale ai playoff di A2: un salto storico
UN ABBRACCIO A GIOCATRICI & C.
Abbiamo perso perché avevano qualcosa più di noi ma voglio ringraziare tutti coloro che ci hanno portato ai vertici

The day after. Sconfitta in gara-2 di semifinale contro Trieste, l’Almo Nature Nba Genova ha visto sfumare la possibilità di accedere alla finale per salire in A1.
Grande delusione, come ovvio, ma anche un mezzo sorriso per una stagione che, comunque la si guardi, per le genovesi è stata eccezionale, visto e considerato il ruolo di “cuscinetto” che gli operatori del settore prevedevano per la Nba come matricola assoluta in A2.
Invece, la squadra prima allenata da Giovanni Pansolin e poi data in mano quasi a metà stagione a Vittorio Vaccaro, ha stupito tutti, con una regolar-season da vera protagonista, con una Poule Promozione Nord in cui ha perso solo una gara su otto, e con dei playoff dove, pur perdendo, ha dimostrato comunque di essere una delle migliori squadre di A2, estromessa solo da Trieste che è d’altronde una delle favorite per salire in A1.
Scalata che è fallita invece per l’Almo Nature, che conserva però l’orgoglio di essere giunta a un traguardo, la semifinale playoff, che al debutto di inizio stagione anche la dirigenza genovese pensava irraggiungibile.
Invece, grazie al talento ed alla classe di giocatrici come la nazionale Bestagno, il capitano Cerretti, la Costa arrivata nel mercato di “riparazione” di gennaio, per concludere con la De Scalzi, la Nba ha dimostrato di essere un team forte tatticamente, agonisticamente, e tecnicamente.
E unito all’interno dello spogliatoio.

Ed ora presidente Besana?
«Ed ora guardiamo subito in avanti. Contro Trieste, l’analisi è semplice: ci hanno sconfitto in casa l’ultima gara di Poule Promozione, e due volte in gara-1 e gara-2 dei playoff. C’è, dunque, poco da dire: tre sconfitte di fila, a dimostrazione che, pur noi squadra forte, le triestine hanno ancora, e come loro altre squadre, un qualcosina più di noi».

Cosa?
«Credo l’esperienza di giocare ai vertici della A2 e poi della A1. Voglio far notare che noi, in meno di sette anni, siamo passati dalla B regionale ai playoff di A3, sino ai playoff di A2, un bel salto che fa di noi l’unica squadra di tutta la Liguria ad avere centrato questo obiettivo nella storia del basket nostrano. Di questo siamo orgogliosi, anche di essere ai vertici nazionali del basket, ma dobbiamo pensare che l’anno prossimo avremo il compito di ripeterci e puntare ancora al top».

Che futuro per la Nba?
«Come ovvio cercheremo di tenere i nostri talenti migliori, puntando anche sul vivaio che è molto forte. Ma, come è altrettanto ovvio, cercheremo nel mercato estivo qualche rinforzo per la squadra.Per ora, però, è presto per parlare di mercato e giocatrici, voglio solo concentrarmi sul presente e ringraziare tutti coloro che ci hanno permesso di arrivare ai vertici, dalle giocatrici tutte, a coach Vaccaro, sino alla dirigenza ed allo staff tecnico e medico».

E per lo sponsor?
«Ho fiducia che quelli che abbiamo restino con noi, d’altronde sanno di legare il loro nome a una squadra di successo che gira per tutta l’Italia a giocare. Questo non vuol dire che non si possano trovare altri co-sponsor. Ripeto, però, è presto per parlare di tutto, ora voglio solo pensare al presente e programmare con calma il futuro che verrà».
Intanto, per la serie A1 la data di scadenza per le iscrizioni scade il 7 luglio, e chissà che, complici le ventilate defezioni di alcune squadre causa crisi economica, la Nba sfrutti una sorta di wild-card e voli nel massimo campionato.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.