Dopo la delusione, già al lavoro

Dopo la delusione, già al lavoro

 

24 aprile 2014

Nello sport, come diceva De Coubertin, l’importante è partecipare…
Vero, verissimo…siamo stati protagonisti di una stagione incredibilmente esaltante, non capita a tutti…
però… però chi fa sport lo sa, partecipare è importante ma vincere lo è ancora di più…
e quando perdi in semifinale, con il grande obiettivo lì, a portata di mano…beh, quando perdi in semifinale hai solo una possibilità: darti una pacca sulle spalle (te la meriti, chissà quanti altri avrebbero voluto essere lì, al tuo posto…) e poi, un attimo dopo, iniziare a rimboccarti le maniche e lavorare per fare un altro passo…all’insù… 

 

Link all’articolo

(Federico Grasso, per “Il Corriere Mercantile”) 
Lo spietato verdetto delle semifinali, ultimo atto di una grande stagione, è già in archivio
ALMO DOPO LA DELUSIONE
BESANA E’ GIA’ AL LAVORO
«Pensiamo di ripartire da qui, dalla A2, difficili i ripescaggi»
«Abbiamo le idee chiare, ma bisogna risolvere il problema-campo»
Incontro con lo sponsor
«Decisivo per il nostro futuro»

Un distacco troppo veloce da una stagione per certi versi irripetibile.
E come tutte le cose belle, abbandonare così l’Almo Nature Genova, che quest’anno ha disputato uno storico campionato d’esordio in A2, rischia di lasciare un pizzico di amaro in bocca.
Ieri sera al PalaDonBosco squadra, staff tecnico e dirigenza si sono incontrati per la prima volta dopo aver salutato le ambizioni di finale con il ko a Trieste; per uno scherzo del destino, proprio quando si sarebbe dovuta disputare l’eventuale gara 3, un risultato sperato anche dalla società.
Lo conferma proprio il presidente Carlo Besana:
«Dopo aver perso gara 1 con la Ginnastica, confidavamo di poter tornare davanti al nostro pubblico per la bella. Anche perché gara 3 sarebbe arrivata all’indomani dell’impegno che le friulane avevano a Sant’Arcangelo di Romagna (le finali nazionali Under 19, dove Trieste ha chiuso – con diverse protagoniste che calcano i parquet della A2 – al terzo posto, e lo scudetto di categoria è andato al Geas Sesto San Giovanni, già compagno di viaggio delle rosanero fin dalla Poule del Nord Ovest, ndr) e probabilmente noi saremmo state più riposate. Se poi aggiungiamo il fatto che Torino, in finale dopo aver liquidato 2-0 Geas, ha perso Montanaro per infortunio, ecco che il rimpianto aumenta».

È bastata una settimana per smaltire la delusione?
«Anche molto meno. Sapevamo di avere una opportunità, ma in tre occasioni abbiamo perso tre volte con Trieste. È vero che in due partite abbiamo dato l’impressione di poter conquistare il successo, ma alla fine chi gioca meglio vince. E loro sono state più brave. Detto questo, resta una stagione che si è aperta e chiusa con un supplementare, e che è stata ricca di soddisfazioni e di vittorie».

L’appetito vien mangiando, e per un certo periodo dell’anno non è sembrato tabù parlare di serie A1. Cosa si devono aspettare i tifosi rosanero?
«A questo punto la scelta della A2 rimane l’unica percorribile. Se fossimo state promosse sul campo, nessuno si sarebbe tirato indietro, ma così dovrebbe esserci un’ecatombe al piano di sopra per eventuali ripescaggi fino alle semifinaliste. Vogliamo ripartire guardando alla categoria, e facendo un’analisi con molta serenità penso ci siano un paio di elementi su cui dobbiamo migliorare per riuscire a ripetere una stagione almeno analoga a questa, che vorrebbe dire comunque tornare in semifinale. Obiettivo tutt’altro che scontato, come sa chiunque mastichi di sport».

Tipo?
«Dobbiamo allungare la profondità del roster, all’inizio costruito per una comoda salvezza, con elementi che possano competere con le avversarie anche nei momenti cruciali, come quelli dei playoff. Geas, Trieste e Torino avevano almeno settima, ottava e nona giocatrice che hanno dato contributi importanti. E poi dobbiamo fare una attenta valutazione sul discorso campo».

Genova da questo punto di vista non è certo la piazza ideale.
«Ci siamo allenati per tutto l’anno al PalaDonBosco, la nostra casa, soltanto due volte alla settimana, e siamo stati obbligati a disputare gli altri allenamenti su campi non regolamentari. Una situazione che presenta il conto quando si alza la competitività e la posta in palio».

Ultimo, ma non certo per importanza, il rapporto con il main sponsor Almo Nature.«Avremo un incontro a maggio. Durante l’anno abbiamo organizzato momenti importanti, l’iniziativa “Un assist per la Sardegna” e “Mi affIDO a te”, progetto di per therapy nell’hospice di Bolzaneto della Gigi Ghirotti Onlus. Ogni discorso per il futuro passa inevitabilmente dal viaggio che riusciremo a percorrere insieme».

ULTIMA TEGOLA
FACCHINI SI ROMPE IL CROCIATO
Purtroppo l’anno non si è chiuso in bellezza per l’Almo Nature Genova, raggiunta in questi giorni dalla conferma del quinto crociato rotto in tre stagioni.
L’ultima vittima di questo infortunio, che richiede un lungo stop, è Francesca Facchini, il prodotto di punta di un vivaio che si sta sviluppando all’ombra dei successi della prima squadra.
Francesca, play-guardia classe 1998, ha chiuso la stagione da protagonista in Under 17 e Under 19 (due secondi posti regionali) e con nove convocazioni in A2, per un totale di 24 minuti, 8 punti 3 rimbalzi e 4 palle recuperate “fra le grandi”.
Francesca aveva ben figurato nell’apparizione con la nazionale under16, dove era stata convocata a inizio marzo e si era messa in mostra durante la partitella di fine raduno, iniziata con un bel piazzato subito a segno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.