Milan, ma quale complotto?…ricordiamo la saggezza di Arrigo Sacchi…

Milan, ma quale complotto?…ricordiamo la saggezza di Arrigo Sacchi…

lo sapeva bene il saggio Arrigo Sacchi,
il quale definiva i suoi successi (e quelli del Milan)
come il risultato di quello che sta alla base dei successi sportivi:
occ, pazienza e…bus del cul…

Che la vittoria (ampiamente pronosticata) del Milan sullo Spezia, e conseguente temporaneo sorpasso sull’Inter in vetta alla classifica, fosse un vero e proprio “spauracchio” per i tifosi nerazzurri lo si è ampiamente intuito, sui social, al fischio finale dell’arbitro Serra, con lo Spezia a festeggiare a centro campo l’insperata vittoria conquistata negli ultimi secondi ed il mancato sorpasso festeggiato con sberleffi sui social…

sull’esito della partita ha influito, e non poco, l’errore del direttore di gara che ha negato, al 92’, il gol vittoria di Messias…

un clamoroso errore umano, del quale l’arbitro si è immediatamente reso conto alzando le braccia per scusarsi, gli è scappato il fischio…(in epoca di VAR gli arbitri ed i loro collaboratori lasciano finire le azioni prima di intervenire, anche molti secondi dopo…).

C’è chi grida al complotto, ma mi vien da sorridere…
Quale complotto???
A favore di chi???


La storia di ogni sport in cui sono implicati arbitri o giudici è piena zeppa di errori che avrebbero cambiato la sorte di incontri, gare, campionati…

e questa non fa eccezione…

e trovo irritanti anche le “analisi” di chi sostiene che è colpa del Milan che avrebbe dovuto chiudere prima la partita…

vuol dire mettere le fette di salame davanti agli occhi…

al Milan ieri mancavano i due centrali difensivi titolari (Kjaer, fuori fino a fine stagione, e Tomori, operato al menisco) e la prima alternativa, Romagnoli, causa Covid.
Hanno quindi giocato da titolari le riserve della riserva (Gabbia e Kalulu).

Mancavano i due centrali di centrocampo (Tonali, squalificato, e Kessie, alla Coppa d’Africa) e la prima alternativa, Bennacer, pure alla Coppa d’Africa.
Hanno quindi giocato da titolari Krunic e Bakayoko, le riserve della riserva.
(come se all’Inter mancassero contemporaneamente Skriniar, De Vrij, Ranocchia, Calhanoglu, Brozovic e Vidal)…

Ci sta che si possa essere meno brillanti, ma nonostante questo una quindicina di tiri in porta (con parate miracolose del portiere spezzino, condita anche da un pizzico di mancato cinismo degli attaccanti), un rigore sbagliato, un gol annullato, ed una traversa subito dopo il gol annullato…)…

quante volte è stato sottolineato il “pragmatismo” di squadre capaci di vincere campionati anche grazie a stiracchiatissimi 1-0 contro squadre molto meno competitive…

Quando ci si mette la sfiga però non ci si può far nulla…e lo sapeva bene il saggio Arrigo Sacchi, il quale definiva i suoi successi (e quelli del Milan) come il risultato di quello che sta alla base dei successi sportivi: occ, pazienza e…bus del cul…

Al Milan, in attesa che ricompaia un po’ di bus del cul, non mancano oggi né l’occ né la pazienza…

L’occ di una dirigenza che dopo anni un po’ grami ha saputo ricostruire una squadra con oculatezza (Saelemaekers, Tomori, Hernandez e Leao, cioè l’ossatura rossonera, sono costati complessivamente quanto il solo Osimhen acquistato dal Napoli), e la pazienza è dote ben impersonificata da Stefano Pioli, che anziché dare in escandescenze (ricordate le manette dell’ex Special One?) ha serenamente definito la sconfitta come un mix di cause da suddividere al 50% tra le responsabilità della squadra e quelle dell’arbitro.
Chapeau!

due anni fa, era il 22/12/2019, la sconfitta per 5-0 a Bergamo segnava forse il punto più basso della storia recente del Milan, e Pioli ha avuto la capacità (e la pazienza) di costruire, nei tempi giusti, un “nuovo” Milan…

quello che da allora si è stabilmente riportato nei piani alti del campionato e si è riaffacciato, con dignità, all’Europa che conta, subendo qualche torto ma sapendo, come insegna la nostra storia, che imparare a metabolizzare i torti fa parte del processo di crescita e, in attesa di un po’ di “bus del cul”, non si devono offrire alibi di comodo…

d’altro canto, siamo il Milan, e Pioli, ha già avuto modo di guardare al futuro assaporando l’aroma della nostra “sala dei trionfi”, quelli di un passato non molto lontano…

un aroma che, in quella magica sala, non è adulterato dal “profumo” degli scudetti di cartone…
perché noi siamo il Milan…

Link a
“il Milan, la “fatal” Verona, i Lo Bello…come in un film di Luis Bunuel…con finale a sorpresa?”
(6 dicembre 2020)
le scuse dell’arbitro Serra
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.