il Milan, la “fatal” Verona, i Lo Bello…come in un film di Luis Buñuel…con finale a sorpresa?

il Milan, la “fatal” Verona, i Lo Bello…come in un film di Luis Buñuel…con finale a sorpresa?

 

 

 

 

“Luis Buñuel arrivato alla senilità spara i suoi film migliori, i più lucidi e corrosivi. La borghesia è vista come una classe corrotta, nevrotica e mica male pasticciona. Ma praticamente insostituibile. Inutile pensare di scalzarla con una rivoluzione” (cit. recensione film “Il fascino discreto della borghesia”).

Sembra la perfetta fotografia di un’altra classe, quella arbitrale di un tempo…

 

 

Como, 20 maggio 1973…

ultima giornata del campionato di calcio, ma non ci sono ancora le dirette di Sky Calcio…

con gli amici Cecilia, Loris, Roberto (tifoso juventino) ed altri decidiamo di andare al cinema…

al Cinema Astra, in viale Giulio Cesare, è in programma “Il fascino discreto della borghesia” di Luis Buñuel

il Milan ha un punto di vantaggio su Lazio (in trasferta a Napoli) e Juventus (in trasferta a Roma), e gioca a Verona, squadra che non ha più nulla da chiedere al campionato…

sono tranquillo, una formalità…

ahimè, non ho fatto i conti con alcune costanti negative nella storia del Milan…

Verona, la “fatal Verona”…
poi…“loro”… i “Lo Bello”…

cos’era successo nel 1973 prima e durante quella disastrosa partita?
e cosa accadde diciassette anni più tardi, prima e dopo “quella partita capolavoro”?…

e soprattutto…
ci sarà un terzo protagonista “di famiglia” sulla strada della storia rossonera?

tutto questo, ed altri particolari curiosi ed inquietanti, in questo mio ricordo che parte da quel 20 maggio 1973 ed arriva ai giorni nostri…

 

Lo stadio Bentegodi il 20 maggio 1973
– foto da magliarossonera.it –
(clicca per ingrandire)

 

 

 

20 maggio 1973,
la prima “fatal” Verona…

 

20 maggio 1973
E’ la domenica in cui si chiude il campionato di calcio di Serie A.
Il Milan, senza Schnellinger, infortunato, e senza l’allenatore Rocco (squalificato, poi vedremo perché) gioca a Verona contro una squadra in tranquilla posizione di classifica, ed ha un punto di vantaggio sulla Lazio, che gioca a Napoli,  e sulla Juventus, in trasferta a Roma.

La Juventus troverà a Roma una squadra già salva, reduce da quattro pareggi consecutivi, e la tifoseria non le perdonerebbe un eventuale “favore” alla Lazio…
Lazio che è invece attesa a Napoli da un clima infuocato in virtù della rissa scatenatasi nella gara di andata, con Chinaglia venuto alle mani con i difensori partenopei…

E’ però opinione comune che il Milan non possa farsi sfuggire l’agognato “scudetto della stella”, il decimo della sua storia, sfuggito l’anno prima in modo rocambolesco (e, come vedremo, con non pochi episodi “oscuri”).

Paròn Rocco, il mitico allenatore rossonero, è preoccupato, perché la squadra ha giocato (e vinto) la Coppa delle Coppe nella finale giocata a Salonicco contro il Leeds, pochi giorni prima, il 16 maggio.
Una partita durissima, su un campo pesantissimo per la pioggia, con un gol di Chiarugi dopo 5 minuti, difeso strenuamente per i restanti 85.

Pare che Rocco abbia chiesto, già prima della finale, lo spostamento al lunedì, ma il suo desiderio non viene esaudito, non si sa se per rifiuto preventivo della FIGC o per scelta scaramantica dei dirigenti rossoneri (nel 1967 l’Inter, nella stessa situazione – con in ballo la Coppa dei Campioni – ottenne lo spostamento e finì col perdere sia la finale di Coppa, con il Celtic, che il campionato, con la “storica” papera del portiere Sarti contro il Mantova, che “regalò” lo scudetto alla Juventus, per un solo punto in più in classifica).

Al paròn Rocco viene anche attribuita un’inusuale affermazione: “l’ultima di campionato sarà come l’ultima tappa del Tour de France, con il gruppo che accompagna la maglia gialla ai Campi Elisi”.

(clicca per ingrandire)

Dunque quella domenica (che ai giorni nostri ci avrebbe tenuti incollati davanti alle dirette di Sky Calcio o DAZN) con i soliti amici del weekend (tra i quali Roberto, juventino, rassegnato), decidiamo di andare al Cinema Astra, a Como.

E’ in programma “Il fascino discreto della borghesia” di Luis Buñuel, premiato qualche settimana prima con l’Oscar per il miglior film straniero.

E’ anche un pomeriggio con una leggera pioggerellina, ed il cinema sembra a tutti una buona soluzione.

Terminato il film, mentre usciamo dal cinema, io e Roberto sentiamo, molto casualmente, la cassiera che, parlando al telefono, si lascia andare ad un’esclamazione che scuote il nostro pomeriggio: ”Ma dai, non ci credo…lo scudetto l’ha vinto la Juve???”

Io e Roberto ci scambiamo uno sguardo incredulo
anzi, ricordo perfettamente che il suo era un mix tra l’incredulo ed il beffardo, con un ghigno indimenticabile sotto i suoi baffoni neri…

Mi precipito fuori dal cinema e quello che vedo mi rincuora per un attimo: sul viale passa un tizio su una Vespa, e porta una bandiera rossonera sulla quale è già stampata la stella del decimo scudetto.
Cos’avrà capito quella stupida cassiera???…

Il semaforo è rosso, lo raggiungo in pochi secondi e gli urlo: “Ehi, cos’ha fatto il Milan?”
Lui si gira, con il volto pieno di lacrime, e risponde “Abbiamo perso, ma siamo sempre i più forti…”, scatta il verde e se ne va…

Raggiungiamo la macchina di Roberto, una Fiat 125 con autoradio che lui, giustificando – perfidamente – la necessità di avere certezze sulla sconvolgente notizia, sintonizza su “Tutto il calcio minuto per minuto”

Il Milan è stato travolto dal Verona, sul 3-0 dopo una ventina di minuti, con un 5-3 finale (complici anche due autoreti…) che fino ad un minuto dal termine avrebbe garantito almeno lo spareggio, addirittura uno spareggio a tre!!!

All’89^ infatti la Lazio era sullo 0-0 a Napoli, e sul pari era anche la Juve, grazie ad un gol, a metà secondo tempo, realizzato da un ex rossonero, il “vecchio” Josè Altafini, che proprio quell’anno si era trasferito in bianconero, risultando decisivo, entrando dalla panchina, in molte partite…

il destino aveva però deciso che per la “stella” il Milan avrebbe dovuto aspettare almeno l’anno successivo…
(ed in realtà arriverà solo nel 1979…)

all’89’ Oscar Damiani segnò il gol della vittoria per il Napoli, togliendo ogni speranza alla Lazio…
più o meno nello stesso momento in cui Antonello Cuccureddu, con un gran tiro, ribaltava il punteggio a favore della Juve, gettando nello sconforto tutto il “popolo rossonero”, che aveva già “saccheggiato” tutte le scorte di bandiere rossonere con l’agognata stella del decimo scudetto…

 

foto dal sito magliarossonera.it
(clicca per ingrandire)

 

 

 

 

uno sconforto che si ammanterà anche di sospetto, causa un’ipotesi di “combine” all’intervallo della partita dell’Olimpico…

in caso di sconfitta della Juventus, con le notizie in quel momento provenienti da Napoli e Verona, l’assegnazione dello scudetto avrebbe avuto scenari ben diversi, compresa l’ipotesi di uno spareggio tra Milan e Lazio, che la tifoseria della Roma non avrebbe apprezzato…

Cosa successe nell’intervallo di Roma-Juventus?
Sentiamo i racconti (trasmessi nel 2013 da “Sfide”) dalla voce di alcuni protagonisti, Luigi Martini, Sergio Petrelli ed il centrocampista giallorosso “Ciccio” Cordova.

 

 

 

a questo punto, però, la domanda può sorgere spontanea: che c’entra, in tutto questo, l’arbitro Lo Bello???
c’entra, c’entra…eccome se c’entra…
bisogna tornare indietro di qualche tempo, alla stagione precedente…

 

Un anno prima,
1971-1972…

 

12 marzo 1972, il Milan è in lotta per lo scudetto con la Juventus, che ha due punti di vantaggio sui rossoneri e sul Torino.

Il Milan gioca a Cagliari, e sta portando a termine un prezioso pareggio (il Cagliari in classifica ha un punto in meno) quando l’arbitro Michelotti, all’87’, trasforma un mani involontario del difensore Anquilletti in un assurdo rigore, trasformato da Gigi Riva.

quotidiano “La Notte”. 13 marzo 1972
(clicca per ingrandire)

 

Giusto due giornate prima, il 20 febbraio, nel corso del big match tra Juventus e Milan, l’arbitro Lo Bello aveva negato un lampante rigore a favore del Milan: Bigon è solo in area, ed il difensore Morini, in netto ritardo, non può fare altro che trattenerlo per un polso, rovesciandolo in modo più che evidente…
un rigore lampante!!!…

lampante per tutti ma non per l’ineffabile Lo Bello, che aggiunge la beffa: la sera, nel corso della “Domenica Sportiva”, intervistato dal giovane Bruno Pizzul, ammette candidamente di essersi semplicemente sbagliato…

I due episodi mandano su tutte le furie Gianni Rivera, uno che non le mandava a dire…

e dopo la partita decisa a Cagliari dal rigore inesistente, accusa l’intera classe arbitrale, aggiungendo “è il terzo campionato che ci fregano…”…
non poteva ancora sapere che non sarebbe stato l’ultimo…

 

 

“Corriere della Sera”, 13 marzo 1972
(clicca per ingrandire)

 

“Corriere dello Sport”, 21 febbraio 1972
(clicca per ingrandire)

 

Questo il testo delle dichiarazioni rilasciate da Rivera, davanti ai microfoni, al termine dell’incontro di Cagliari:

«Fino a quando a capo degli arbitri ci sarà il signor Campanati, per noi del Milan le cose andranno sempre in questo modo: saremo costantemente presi in giro.
Questo non è più calcio. A parte la nostra comprensibile e incontenibile amarezza, mi spiace per gli sportivi… credono che il calcio sia ancora una cosa seria.
Quello che abbiamo subito oggi è una vera vergogna.
Credevo che ci avessero fregato già a Torino contro la Juventus, invece ci presero in giro a metà con l’autocritica di Lo Bello in televisione.
Purtroppo per il Milan avere certi arbitri è diventata ormai una tradizione. La logica è che dovevamo perdere il campionato. D’altronde, finche dura Campanati non c’è niente da fare: scudetti non ne vinciamo.
Io sono disposto ad andare davanti alla magistratura ordinaria, perché ciò che dico è vero: sino alla Corte Costituzionale.
Mi hanno rotto le palle.
Ha cominciato anni fa un certo Sbardella; sono cose che tutti sanno: è dunque ora che si dicano.
Per vincere lo scudetto dovremmo avere almeno nove punti di vantaggio nel girone di andata. In caso contrario davvero non ce lo lasciano vincere, e se lo avessimo saputo non avremmo giocato.
È il terzo campionato che ci fregano in questo modo. Sta scritto da qualche parte che il Milan non debba assolutamente raggiungere la Juventus.
Fino a questo momento abbiamo trovato tre arbitri che hanno fatto tutto perché restasse sola in testa alla classifica.
Se ho raccontato delle storie mi dovrebbero squalificare a vita, ma devono dimostrare che sono state storie.
Così non si può più andare avanti; io ho parlato chiaro, non mi sono inventato nulla, ho detto solo cosa si verifica in campo…
I casi sono due: o io mi sono inventato tutto e allora mi squalificano a vita, oppure riconoscono di avere sbagliato e bisogna cambiare, sostituire chi non è all’altezza del compito».

 

“Corriere della Sera”, 15 marzo 1972
(clicca per ingrandire)

 

“Corriere della Sera”, 8 aprile 1972
(clicca per ingrandire)

 

“Corriere della Sera”, 10 aprile 1972
(clicca per ingrandire)

 

“Corriere della Sera”, 15 aprile 1972
(clicca per ingrandire)

 

Rivera, che già anni prima era entrato in aperta polemica con Lo Bello (che lo aveva pubblicamente indicato come responsabile del fallimento della nazionale italiana ai mondiali 1966), viene squalificato fino al 30 giugno 1972, in pratica saltando il resto del campionato, Coppa Italia e nazionale.

La Juventus vince lo scudetto con un punto di vantaggio su Milan e Torino.

 

 

nel 1972-1973,
invece…uguale…
“Ha arbitrato Lo Bello, di Siracusa, davanti ad 80.000 testimoni”
(Sandro Ciotti, “Tutto il calcio minuto per minuto”).

 

Nella stagione 1972-1973, quella della “fatal Verona”, il Milan sembra indirizzato alla conquista del suo decimo scudetto.

A poche giornate dal termine il Milan ha 3 punti di vantaggio sulla Lazio (brillante protagonista di un campionato da neo-promossa) e 5 sulla Juventus, ma dietro l’angolo c’è il big match del 22 aprile a Roma, contro la Lazio.

Soprattutto, dietro l’angolo c’è l’arbitro Concetto Lo Bello, designato a sorpresa dalla Federazione nonostante fosse stato assicurato, già dall’anno precedente, che non avrebbe più diretto partite dei rossoneri.

Rivera viene maltrattato dagli avversari.
Manservisi commette ai suoi danni un fallaccio dopo soli 30 secondi dall’inizio della partita e le cronache parlano addirittura di un rientro negli spogliatoi con entrambe le caviglie sanguinanti.
Nel primo tempo un’autorete di Schnellinger ed una punizione di Chinaglia (che causa un infortunio al portiere Belli) portano la Lazio sul 2-0, ma il Milan riesce a reagire.

Pochi minuti dopo l’intervallo sarà proprio Rivera, a seguito di uno svarione di Chinaglia, ad accorciare le distanze…
ad un minuto dal termine il Milan raggiunge addirittura il pareggio, grazie ad un gol di Chiarugi…

gol prontamente annullato da Lo Bello per un fantomatico fuorigioco, assolutamente inesistente come documentato fotograficamente dal “Corriere della Sera”.

 

Corriere della Sera, 24 aprile 1973
(clicca per ingrandire)

 

L’allenatore rossonero Nereo Rocco protesta, indirizzando un polemico applauso verso il direttore di gara…
Lo Bello si avvicina lentamente alla panchina, contraccambia l’applauso, e caccia Rocco dal campo…
sarà squalificato fino al 26 luglio…

si perde parecchio tempo, ma Lo Bello non concederà un solo secondo di recupero…

Sandro Ciotti concluderà la radiocronaca di “Tutto il calcio minuto per minuto” con un commento, tanto sorprendente quanto eloquente: “Ha arbitrato Lo Bello, di Siracusa, davanti ad 80.000 testimoni”.

Rivera, negli spogliatoi, apostrofa pesantemente il fischietto siracusano, rimediando quattro giornate di squalifica…
si ripete lo stesso “copione” dell’anno precedente…

 

“Corriere della Sera”. 27 aprile 1973
(clicca per ingrandire)

 

 

quotidiano “Il Giorno”, 27 aprile 1973
(clicca per ingrandire)

La squalifica sarà ridotta a due giornate in quanto non sarà dimostrato che l’espressione “la puttana” fosse rivolto a mamma o sorella dell’arbitro siracusano.

Senza il suo capitano, il Milan lascerà un punto prezioso a Torino contro i granata, a quindici giorni dall’epilogo del campionato…

una volata finale che si concluderà con l’atroce beffa di Verona e lo scudetto nuovamente alla Juventus, e di nuovo con un solo punto di vantaggio sul Milan…

tutte queste potrebbero sembrare, a prima vista, situazioni che possono capitare in ogni campionato, con errori arbitrali che possono essere messi in preventivo almeno tanto quanto i possibili errori di attaccanti, difensori, portieri…

insomma, il trionfo del fato, che è anche l’imprevedibile sale della vita…

se non fosse che…

 

Concetto Lo Bello
(clicca per ingrandire)
 
A volte “il fato” ha sembianze umane…
con nome, cognome, giacchetta nera…

ed un volto, sempre lo stesso…
“Oggi voglio vedere il numero 10 piangere”

 

Luigi Martini, 1972-1973
(clicca per ingrandire)

2007, l’ex terzino biancoceleste Luigi Martini, una delle colonne di quella Lazio dei miracoli che avrebbe poi vinto il campionato nel 1973-74, è ospite della rubrica televisiva RAI “Sfide”.

Inevitabile il riferimento alla stagione 1972-1973, a quel primo campionato della neo-promossa Lazio in Serie A, e Martini riferisce questo sconcertante episodio, che allunga un’ulteriore ombra inquietante su quel campionato, in linea con il già citato sorprendente commento di Sandro Ciotti…

“Poco prima dell’inizio della partita l’arbitro Lo Bello entrò nei nostri spogliatoi e cominciò a fissarci uno ad uno. Poi ad un certo punto esclamò: “Oggi voglio vedere il numero 10 piangere” (riferito a Rivera). E se ne ritornò nel suo spogliatoio”.

Come detto, già nel primo tempo Rivera fu impunemente maltrattato dai difensori laziali, rientrando negli spogliatoi con le caviglie sanguinanti ed un’ammonizione, ma a suo carico, per proteste…

Come detto, Rivera non poteva sapere che quello del 1971-1972 non sarebbe stato l’ultimo scudetto “rubato”…
e, come visto, nemmeno quello dell’anno successivo lo sarebbe stato…

purtroppo sia lui che i tifosi milanisti se ne sarebbero accorti anche 17 anni dopo…

 

 

1989-1990,
uno scudetto che vale…100 lire…

 

Sono anni in cui il Milan di Sacchi ed il Napoli di Maradona deliziano non solo le rispettive tifoserie ma tutti gli appassionati di calcio.

Quello della stagione 1989-1990 è un campionato entusiasmante che si decide nello spazio di quindici giorni, tra la 32^ e 33^ giornata, sulle 34 totali, con episodi che, come vedremo, porteranno di nuovo alla ribalta l’ex golden boy, Gianni Rivera, che aveva lasciato il calcio giocato nella stagione 1978-1979, quello della conquista della “stella” del decimo scudetto, conquistata nel giorno cui raggiungeva le 500 presenze in Serie A…

L’8 aprile 1990 il Napoli, che in classifica ha un punto di ritardo dal Milan, gioca a Bergamo contro l’Atalanta, mentre il Milan è in trasferta a Bologna.
Le due partite sono bloccate sullo 0-0, che sarebbe anche il risultato finale sul campo per entrambe le partite ma…

 

il massaggiatore Carmando ed Alemao
(clicca per ingrandire)

 

 

“Mamma mia dammi cento lire”…

 

Ad un quarto d’ora dal termine, in occasione di un’accesa contestazione da parte del pubblico bergamasco, il centrocampista azzurro Alemao si accascia lamentando di essere stato colpito da un oggetto piovuto dagli spalti, che l’arbitro, su indicazione di Maradona, individuerà in una moneta da cento lire, del peso di 8 grammi.

Sta per rialzarsi quando viene raggiunto dal massaggiatore Carmando che lo accompagna fuori campo, costringendolo a sdraiarsi di nuovo a terra.
Alemao viene sostituito da Zola e sarà trasportato in ospedale.

Al Napoli viene assegnata la vittoria “a tavolino” e grazie a questi due punti raggiunge il Milan in vetta alla classifica.

Il Milan si oppone alla decisione del giudice federale, sostenendo le spese del ricorso in nome e per conto dell’Atalanta, ingaggiando esperti di lettura labiale che dimostreranno, in modo inoppugnabile, la frase pronunciata da Carmando mentre Alemao sta per rialzarsi: ”Stai giù, stai giù…”.

Alcuni anni più tardi un giocatore dell’Atalanta, che dopo la partita era stato accompagnato nello stesso ospedale per alcuni accertamenti clinici, raccontò di aver sentito Alemao, nella camera accanto, lamentarsi perché voleva esser dimesso, che non aveva nulla.
Ma era importante, per sostenere la tesi del Napoli, che trascorresse una notte “in osservazione” all’ospedale…

 

 

 

Un particolare curioso: Alemao, prima di tornare (nel 1994) in Brasile, e dopo l’esperienza al Napoli, giocherà due stagioni proprio nell’Atalanta.

La sentenza che assegna la vittoria al Napoli arriva nella settimana che precede la penultima giornata.

Domenica 22 aprile il Napoli è in trasferta a Bologna (e vincerà agevolmente, 4 a 2), ed anche il Milan è in trasferta, contro una squadra ormai rassegnata alla retrocessione…
questa squadra è, manco a dirlo, il Verona…la “fatal Verona”…

 

 

22 aprile 1990,
la seconda “fatal” Verona…

 

e chi viene designato a dirigere l’incontro?
un arbitro di Siracusa…

il suo nome è Rosario…
il cognome è Lo Bello…

è figlio di “quel” Lo Bello di 17 anni prima…

 

Rosario Lo Bello
– foto dal sito ultimatv.it –
(clicca per ingrandire)

 

Che possa serpeggiare un po’ di nervosismo, ci sta…

è la settimana in cui è arrivata la sentenza con la definitiva attribuzione della vittoria “a tavolino” al Napoli per il “caso Alemao”…

la notizia è del 18 aprile, giorno in cui il Milan è impegnato nella semifinale di Coppa dei Campioni a Monaco, contro il Bayern…

il Milan, che ha vinto 1-0 la partita di andata, va sotto di un gol a Monaco…

un provvidenziale gol di Borgonovo nei supplementari regala al Milan la finale, ma ancora una volta deve giocarsi lo scudetto a pochi giorni di distanza da un’impegnativa partita di Coppa e per giunta proprio a Verona (senza Ancelotti e con Gullit, non al meglio fisicamente, inizialmente in panchina)…

Però è comunque un Milan stellare, che un mese più tardi avrebbe conquistato la sua quarta Coppa dei Campioni, a Vienna, contro il Benfica, con gol di Rijkaard, ed al confronto il Verona del 1990 è poca cosa, ed è già praticamente in Serie B…

La partita per il Milan sembra incanalarsi peraltro nel modo giusto, con un gol di Marco Simone poco dopo la mezzora di gioco, mentre il Napoli sta dilagando con il Bologna.

Il Verona, comprensibilmente, non sembra in grado di impensierire il Milan, e qui entra in scena Rosario Lo Bello.

Due netti falli da rigore, il primo su Massaro ed il secondo su Van Basten, vengono incredibilmente ignorati dal direttore di gara.

 

 

Sacchi si imbufalisce e viene espulso…

la partita si innervosisce…

tre minuti dopo l’espulsione di Sacchi, al 63′, il pareggio di Sotomayor…

il nervosismo sale ulteriormente, e viene espulso anche Rijkaard, a seguito di uno sputo che avrebbe raggiunto, come riferito da Lo Bello, una delle sue scarpe…

a Van Basten viene fischiato un fallo a metà campo, ed esprime tutto il suo disappunto verso Lo Bello raggiungendolo e togliendosi polemicamente la maglia…
espulso anche lui…

il Milan, in 9 contro 11, tutto proteso in avanti alla ricerca disperata del gol della vittoria, che avrebbe significato spareggio con il Napoli, subisce nel finale, in contropiede, il gol di Pellegrini, con l’azione che parte con un giocatore del Verona in evidente fuorigioco…
ma Lo Bello, senza titubanze, convalida il 2-1…

è il minuto 89, esattamente proprio come 17 anni prima, e c’è tempo anche per l’espulsione di Costacurta, che apostrofa l’arbitro con “siete dei disonesti”…
e chissà se, con il plurale, volesse, a nome della tifoseria rossonera, accomunare padre e figlio in un’unica espressione…

a beneficiarne, questa volta, non è la Juventus ma il Napoli di Maradona allenato da Albertino Bigon, proprio il centravanti del Milan che nel 1972 fu protagonista di quel discusso episodio in Juventus-Milan, diretta da Concetto Lo Bello, con tanto di beffarde scuse…

 

foto da magliarossonera.it
(clicca per ingrandire)

 

nel post partita, in sala stampa, Silvio Berlusconi, facendo riferimento anche alla (determinante) vittoria a tavolino assegnata al Napoli per il caso Alemao proprio pochi giorni prima, intinge la punta del fioretto in una velenosa, pungente ironia: “In questo fine settimana abbiamo avuto una sentenza esemplare e un arbitraggio ugualmente esemplare”.

corsi e ricorsi storici, curiosi incroci di personaggi, veleni, illazioni, arbitri, giocatori, stadi “fatali”…

ed in tutto questo bailamme, che coinvolgeva la famiglia Lo Bello, poteva mancare la “voce” di Gianni Rivera???

certo che no!!!

 

Speriamo siano femmine…

 

(clicca per ingrandire)

“Già nemico di Concetto, con il quale ebbe duri scontri ai tempi di Nereo Rocco, l’ex campione del Milan, ora parlamentare, afferma che la Verona del ’73 fu più bruciante perché l’esito appariva più scontato. E, per evitare il rischio che un Lo Bello III possa tra vent’anni colpire come padre e nonno, Rivera si augura, scherzosamente, che la discendenza della famiglia di arbitri sia…di sole donne.”

Ai giorni nostri, con il primo arbitraggio femminile in una gara di Champions League maschile, quella battuta non avrebbe avuto alcun senso e, di certo, Rivera avrebbe trovato un altro modo dare sfogo alla sua ironia nei confronti della famiglia Lo Bello.

A quei tempi però nessuno poteva prevedere una “giacchetta nera” al femminile, e c’è da dire che la sua battuta si è trasformata in un desiderio ampiamente realizzato: il matrimonio di Rosario Lo Bello è stato allietato dalla nascita di due femmine, proprio come aveva auspicato l’ex golden boy…

nella sceneggiatura di un film potrebbe essere il perfetto “lieto fine”…

Però…c’è di mezzo la famiglia Lo Bello…
e, come si sa, il “veleno”, spesso, è proprio nella coda…

infatti…

una delle figlie gli ha dato un nipotino, cui è stato aggiunto il cognome “Lo Bello”…

il bimbo, ironia della sorte, è nato il 18 agosto, proprio il giorno in cui, nel 1943, è nato Gianni Rivera…

i tifosi del Milan stiano all’erta…
chissà, nei prossimi anni potrebbe aleggiare un “nuovo spettro”…

 

“Luis Buñuel arrivato alla senilità spara i suoi film migliori, i più lucidi e corrosivi. La borghesia è vista come una classe corrotta, nevrotica e mica male pasticciona. Ma praticamente insostituibile. Inutile pensare di scalzarla con una rivoluzione” (cit. recensione film “Il fascino discreto della borghesia”)

Sembra la perfetta fotografia di un’altra classe, quella arbitrale di un tempo…

 

Scena dal film “Il fascino discreto della borghesia”
(clicca per ingrandire)

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.