mia mamma nel 1944…una foto…una storia…

mia mamma nel 1944…una foto…una storia…

 

 

A volte una foto può, da sola, raccontare una storia…

 

Questa foto, del 20 febbraio 1944, ritrae mia mamma, a 17 anni…

Quando l’ho trovata mi sono chiesto per quale motivo ci fosse la dedica, scritta a mano…
“alla mia cara famiglia, Piera Fumagalli”…
e perché si dovesse spedire una fotografia alla propria famiglia…

Ho fatto un po’ mente locale sui ricordi dei suoi racconti e credo di aver ricostruito il tutto…

mia mamma abitava a Sesto San Giovanni, nel 1943 gli operai delle aziende meccaniche sestesi scesero in lotta con uno sciopero che bloccò la produzione bellica; a loro si unirono anche gli impiegati e nacquero i comitati che sostenevano la resistenza e la non collaborazione con i nazifascisti.
Una lotta che proseguì nel 1944, con conseguente feroce repressione da parte dei tedeschi e dei fascisti, con arresti, deportazioni…
un clima assolutamente devastante…

dal 1943 erano iniziati anche i bombardamenti su Milano, sempre più frequenti
e Sesto San Giovanni era ed è in pratica in continuità con la città di Milano…

mia mamma fu particolarmente choccata da una serie di questi episodi e decisero, per sua tutela, di “sfollarla” in un posto più tranquillo, in Valtellina, a Morbegno, dove abitavano i parenti di mio zio Aristide, marito di sua sorella Cesira.

Da Morbegno, qualche tempo dopo, mia mamma inviò questa foto, con dedica alla sua famiglia, a Sesto San Giovanni…
a quei tempi il modo più semplice per tranquillizzarli, lei stava bene…

Dettaglio, non di poco conto…
mio papà, che avrebbe conosciuto mia mamma a marzo 1946, ha avuto un ruolo molto attivo nella Resistenza, nella Brigata Puecher…
mio zio Aristide non ha invece mai nascosto le sue “simpatie” esattamente opposte…

eppure se c’è un parente “acquisito” con il quale mio papà ha legato è stato proprio mio zio Aristide…

la casa dei miei zii Cesira ed Aristide è stata per me una “seconda casa” ed il loro unico figlio, Ambrogio, nato nel 1944, è stato per me più di un fratello…
quando eravamo giovani, portavano me e mia sorella in vacanza con loro a Cervia…
nei primi due anni di università mi hanno ospitato in casa loro diverse settimane…
la loro casa di Morbegno era sempre a nostra disposizione…

Credo che mio papà e mio zio Aristide abbiano, reciprocamente nutrito grande stima per la coerenza che entrambi hanno sempre mantenuto, non rinnegando mai le diverse scelte fatte da due giovani in un momento tragico della loro e nostra storia…

e, con reciproco rispetto, non ne hanno mai parlato…

 

 

 

mia mamma nel 1944, a 17 anni
(clicca per ingrandire)

 

il retro della foto, con luogo e data
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.