Mara, finalmente “la più gettonata”…

Mara, finalmente “la più gettonata”…

per una volta, in un evento cestistico, e con tanto di “sedia gestatoria”,
la “più gettonata” della Famiglia Corsolini è stata lei…e noi potremo dire: “Io c’ero”…

”Manca un’educazione orientata a sensibilizzare i giovani a una filosofia meno egocentrica.
Purtroppo il cervello delle persone spesso vale meno di una macchina
e mentre un computer riesce ad adattarsi a molte difficoltà,
per certe persone è impossibile capire il senso del concetto di parità o uguaglianza.
Eppure sono convinta che ce la possiamo fare”.
(Mara Simoni Corsolini)

Quando si parla della Famiglia Corsolini, i due “più gettonati” sono, da sempre, papà Gianni (uno dei nomi storici del basket italiano, scomparso pochi mesi fa) ed il figlio primogenito, Luca, giornalista che può annoverare nel suo palmares RAI, Tele Capodistria, Tele+, Adidas, Sky Sport ed altro ancora.

Molto più di rado il primo riferimento è stato, negli anni, mamma Mara, nonostante il grande apprezzamento nei suoi confronti di chi ha il privilegio di conoscerla.

Mara aveva già un ruolo centrale nella simpaticissima rubrica “Corsolini contro Corsolini”, che deliziava i lettori del mensile “I Giganti del basket” alcune decine d’anni fa (tra quei lettori anche il sottoscritto).

In quella rubrica papà Gianni,  dirigente d’azienda in quel periodo ma già figura importante nel basket italiano, dialogava di basket con Luca, giornalista già “contaminato” dalla passione cestistica.
In quel simpatico “ping pong”, ambientato in casa Corsolini, Mara interveniva di frequente, dalla cucina, con le sue osservazioni argute.

Il ruolo centrale Mara l’ha avuto anche nel cammino della numerosa famiglia (ci sono anche, oltre ai tre nipoti, le figlie Claudia, Chiara ed altri “animali domestici”…), e non è un ruolo svolto solo dalla cucina ed all’interno di una simpatica rubrica giornalistica…

Mara è stata ed è un mirabile esempio per la sua famiglia, coniugando il ruolo di mamma e moglie con l’attenzione, continua, concreta e discreta, al variegato mondo che si occupa dell’inclusione sociale delle persone con disabilità.

Mondo verso il quale Mara ha messo a disposizione, in qualità di volontaria, le sue alte competenze in ambito legale, anche (e non solo) come Presidente dell’Associazione FONOS (Fondazione Orizzonti Sereni) ente che da lustri promuove e difende i diritti delle persone con disabilità, si fa carico dei problemi connessi al “dopo di noi” di tanti genitori, programma progetti personalizzati di vita, avvia comunità per adulti, offre consulenza alle famiglie per la tutela patrimoniale e legale dei figli.

Tutto questo, come dicevo, senza cercare la benché minima visibilità personale, e fornendo alla famiglia ed agli amici, un continuo mirabile esempio.

E non è un caso che i figli siano cresciuti nello stesso solco, riuscendo a coniugare importanti percorsi personali con l’attenzione, concreta e discreta, alla fasce più disagiate della comunità.

Il tutto senza rinunciare ad uno dei tratti distintivi della famiglia Corsolini: la sana predisposizione al cazzeggio, venato da un’altrettanta sana (e più rara) autoironia, che dimostra come si possa essere assolutamente “seri” senza risultare contemporaneamente “pallosi”…

Ed è così che Mara, per una di quelle bizzarre combinazioni (o provocazioni?) messe in atto da chi occupa il ruolo di regista del nostro destino, da qualche tempo è costretta a muoversi in carrozzina, conseguenza di problemi di salute che non le hanno tolto il sorriso…

Dopo essersi dichiarata, inizialmente, futura rivale di Oscar Pistorius, (il più veloce uomo senza gambe), si è “rassegnata” a considerare ironicamente la sua carrozzina una sorta di “sedia gestatoria”, il trono mobile che veniva portato a spalla per rendere più visibile il Papa durante le cerimonie pubbliche.

Mara non ha bisogno della “sedia gestatoria” per essere più visibile, lo è già come esempio per tutti noi e per tutti coloro che hanno beneficiato della sua attenzione e generosità.

Ieri io e Susanna siamo andati al Palazzetto dello Sport di Desio.

La squadra di Cantù, prima in classifica in Serie A2 alla pari con Udine, affrontava proprio la formazione friulana.

Gianni Corsolini, nel corso della sua prestigiosa carriera cestistica, ha ricoperto importanti ruoli dirigenziali in entrambe le società, ed è stato naturale celebrare il suo ricordo, prima della partita e durante l’intervallo, consegnando a Mara una maglia appositamente realizzata per lei (molto significativa la “maglia canturina”, con la scritta “Gianni” seguita dal simbolo dell’infinito…).

le maglie celebrative consegnate a Mara Corsolini
– foto La Senza Photos – Desio, 28 novembre 2021 –
(clicca per ingrandire)

Il lungo applauso del numeroso pubblico presente (circa 2000 spettatori) è sicura testimonianza dell’affetto che Gianni ha saputo suscitare in chiunque abbia avuto il privilegio di conoscerlo, ma sono certo che, non solo per me e per Susanna, per molti tra i presenti abbia voluto sottolineare anche l’affetto e la stima nei confronti di Mara…

per una volta, in un evento cestistico, e con tanto di “sedia gestatoria”, la “più gettonata” della Famiglia Corsolini è stata lei…

e noi potremo dire: “Io c’ero”…

ieri, accanto a noi nel parterre del palazzetto di Desio, era seduto Antonello Riva, che non vedevamo da diverso tempo…
nella fila più sotto Charly Recalcati con la moglie Giovanna (dalla simpatia inossidabile), e Beppe Bosa… poco più in là Umberto Cappelletti, Giorgio Cattini, Riccardo Carmina e poi si è aggiunto anche, Pier Luigi Marzorati, nostro testimone di nozze 33 anni fa…
personaggi che hanno contribuito a scrivere pagine memorabili della storia cestistica non solo canturina…
un trionfo di scudetti, trofei europei ed intercontinentali, medaglie olimpiche…
eh sì, proprio una bella giornata per noi…

io e Susanna, Palazzetto di Desio – 28 novembre 2021 –
(clicca per ingrandire)
Io e Susanna con Antonello Riva – Desio, 28 novembre 2021 –
(clicca per ingrandire)
Che squadra!!! Da sin: Riccardo Carmina (preparatore atletico), Umberto Cappelletti, Charly Recalcati, Giorgio Cattini, Susanna Giorato , Beppe Bosa, io, Antonello Riva ed accosciato Pier Luigi Marzorati…
– Desio, 28 novembre 2021 –
(clicca per ingrandire)
2006, io e Susanna con Gianni e Mara
(clicca per ingrandire)
Mara, Susanna ed io – Desio, 28 novembre 2021 –
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.