Ma la Padania ‘ndo sta?

Ma la Padania ‘ndo sta?

 

19 novembre 2010

(comunicato stampa del 17 novembre 2010)
E’ in rete il nuovo “video cazzeggio” di Carlo Besana, questa volta dedicato all’ipnotico immaginario del popolo verde (inteso come leghista).

Carlo Besana, che ha lavorato come volontario a lungo al Cep, quartiere di periferia genovese mettendo in atto percorsi di riqualificazione e rinnovamento sociale, da un paio d’anni si cimenta con video consistenti in canzoni note riadattate che prendono di mira, di volta in volta, soggetti diversi.

Questa volta il destinatario del messaggio è l’immaginario della Lega Nord: un azzardato affastellamento di paramitologie nordiche, storie da fumetti, riletture oniriche della storia nazionale che supporta da anni una azione politica.

Quindi….
…”ma la Padania, ‘ndo sta?”

La Padania sarà pure , come dice qualcuno, come Topolinia o Paperopoli o GothamCity, una  geniale trovata  pubblicitaria di cui tutti parlano da vent’anni senza sapere nemmeno con quali territori dovrebbe confinare; oppure, per dirla con Gianfranco Fini, “La Padania non e’ mai esistita, non esiste: e’ solo un’invenzione propagandistico-lessicale” affermando la necessità di “contrastare queste invenzioni, con un’azione di carattere pedagogico-culturale-politico su cosa si intenda per nazione“.

E sicuramente ne è perfettamente consapevole anche Umberto Bossi che sa benissimo che per convincere il popolo dell’esistenza di una “nazione”, bisogna in qualche maniera fare finta che essa esista da sempre, che sia qualcosa di “naturale”.
Per questo motivo, e non per altro, Bossi cerca da sempre di dare un fondamento storico alla “nazione padana”; con la Lega, da circa un ventennio, ed attraverso anche fenomeni pittoreschi quali ad esempio i rituali dell’ampolla, gli inni alternativi e così via, vuole convincere che la Padania esista affinché un giorno essa possa esistere davvero.
Ed esistendo…far commercio, esportazione, chiedere leggi “ad nazionem”…

Su questo filone si inserisce “ma la Padania, ‘ndo sta?“, nuova proposta “video/cazzeggio” di Carlo Besana (brianzolo “emigrato” a Genova), che già con il “Tango della ronda”  e “Facciamo un Ramadan” aveva punzecchiato il popolo leghista.

Sulle note riarrangiate di “Sarà perché ti amo” si visualizza un collasso dell’immaginario leghista; una canzone che rappresenta la confusione tra culture vere e nazioni inesistenti, posture da bulli e atteggiamenti da leader, integrazione tra culture e ansia del diverso, mitologie nordiche e figurine panini, polenta e cous cous. Confusione tipica dell’immaginario del popolo verde. verde di rabbia. di carnagione da nebbia. di tossine da inquinamento.

Se possiamo dire la nostra…
al termine Padania si può far riferire una cultura e diverse identità, che è ben diverso che definirla una nazione oppressa…

Buona visione

 


 
Da un’idea di Carlo Besana
 
 
Testo di Carlo Besana adattato a
“Sarà perché ti amo”
di Pupo, Pace e Farina (1981)

Voci soliste e coro: Serafina Manna e Carlo Besana
Base musicale: Vito Carlucci
Sound Engineering: Ivan Foglino
Videomaker: Sergio Gibellini
Ufficio stampa: Enrico Testino

con un pensiero affettuoso, lassù, a “Cat” Panzica
 

IL TESTO

Ho un mappamondo / E cerco la Padania
Qui c’è l’Olanda / Più sotto la Germania
Poi scendo ancora / ma siamo già in Romagna
Più su l’Emilia / ‘ndo cazzo è sta Padania

Mi prendo un libro / di storia e geografia
Trovo l’Italia / Ed anche l’Algeria
C’è la Brianza / Proprio la terra mia
Ma la Padania / Non si sa dove sia.

Ma la Padania ‘ndo sta? /Chi l’ha inventata si sa
E l’ha inventata perché / Non si può essere un re
Senza un regno perciò / S’inventa una nazione
Col mito di Albione / E non sai manco cos’è..

Ma la Padania ‘ndo sta? / Proprio nessuno lo sa
E sarà forse perché / Tra i polentoni lì c’è
Sempre un nebbione che / Ti viene la depressione
Ed altro che Albione! / Che non san manco cos’è…

Continua il gioco / Non è poi così strano
Se non hai storia / La inventi piano piano
Ci vuole un fiume / Sacro come quello indiano
Ed un guerriero : / l’Alberto da Giussano

Ci vuole un inno / colore un po’ verdiano
ed una lingua / ma non è l’italiano
e pure l’urlo /  “alura pota pota”
dio mio che orrore / lo urla anche una trota!

(musica)

Ma la Padania ‘ndo sta? / Proprio nessuno lo sa
E sarà forse perché / Tra i polentoni lì c’è
Sempre un nebbione che / Ti viene la depressione
Ed altro che Albione! / Che non san manco cos’è..

Ma la Padania dov’è? / “chiedilo ad Umberto”
Manco in Internet c’è / “di questo puoi star certo”
Che contaballe che è / “son presa dalla smania.”
Vorrei sapere.. / ‘ndo cazzo è sta Padania!!!!

 

Link all’articolo

(Andrea Ferro, per “Il Corriere Mercantile”)
Parodia?
«Meglio cazzeggio…», dice Carlo Besana, 56 anni, l’ex farmacista cresciuto a pane e basket e che da più di quindici anni al Cep di Prà fa palleggiare la voglia di riscatto.
Cioè come rendere orecchiabile la provocazione senza scadere nel trash, un combinato di originalità e fantasia assemblate a costo zero.
Prendi una canzone, trattala bene e il risultato è la rivisitazione del tormentone che veicola il messaggio meglio di una lettera al giornale.
Battisti, Jovanotti, Ricchi e Poveri fanno politica intersecando note celeberrime su contenuti orientati su diverse latitudini: dall’Acquasola all’Islam, dalla Gronda alla Ronda.

L'”ultima fatica” è dedicata alla Lega.
Si intitola “… ma la Padania sta?”, sgretolamento musicale di una realtà, geografica (fisica e politica), virtuale.
La parodia è costruita sulla base di “Sarà perchè ti amo” inno nazionalpopolare presentato dai Ricchi e Poveri nel 1983.

 
Nel video, tra un coro e l’altro, lei cerca la Padania sul mappamondo e sui libri ma proprio non la trova, eppure viene di là, da Lurago d’Erba, provincia di Como?
«Beh…. i leghisti a suo tempo hanno fatto un’operazione molto intelligente, hanno costruito un forte spirito di appartenenza: l’ampolla con l’acqua del Po, l’inno… Peccato che si tratta di un falso storico. Ed è quello che vogliamo dire con questa canzone».  

E’ la sesta canzone in meno di due anni, ormai ci ha preso gusto, va a finire che la vedremo a Sanremo…
«Mi diverto, ci divertiamo. E’ un modo di dire qualcosa con ironia ed autoironia. Il tormentone è una garanzia, qualcosa alla fine resta».  

A chi si è ispirato?
«Da bambino mi affascinavano le parodie del Quartetto Cetra».  

Tra le sei canzoni, quale il suo successo?
«Sicuramente il “Tango della Ronda”, tratto dal “Tango delle Capinere”, via Internet è stato scaricato 50 mila volte. Tantissime per noi. Poi in una sua trasmissione Travaglio ha fatto sentire il nostro “Ramadam” (una parodia di Ramaya) come esempio di una manifestazione di sostegno all’Islam moderato. Insomma non possiamo lamentarci. Ripeto, però: resta sempre un cazzeggio amatoriale…»  

E il “Brum brum della Gronda«?  
«Un modo per capire che il dibattito pubblico era una presa in giro»  

In fondo questa è politica…
«Ma finchè i partiti stanno ai margini è meglio».

Si spieghi.
«Al Cep per quindici anni abbiamo costruito tanto e al di là dei buoni rapporti con gli amministratori i partiti si sono fondamentalmente disinteressati. Poi da qualche tempo qualcuno ci ha voluto mettere il becco e farne un serbatoio di voti».  

Chi?
 «L’Italia dei Valori, il suo leader Paladini. Stanno controllando il comitato di quartiere. Durante l’ultima campagna elettorale mi hanno chiesto di utilizzare il nostro palazzetto. Ho detto no, li dentro non erano mai state ospitate manifestazioni di partito. E ora me la vuol far pagare. Si usano metodi da Prima Repubblica. Ma io resisto».

E’ innegabile che al Cep lei è quasi un mito.
«Sono salito lassù come scommessa. Era il 1995 tutti i colleghi mi sconsigliarono. Invece rilevai la farmacia che aveva vecchi arredi, un locale bruttissimo. Come prima cosa l’ho fatta diventare bella, accogliente. Era il primo segnale che bisognava cambiare l’immagine del quartiere».

Cep si traduceva in “Bronx”, banlieu sinistra dalla quale tenersi lontani. Poi però… Come spiega il riscatto?
«Con il Consorzio Pianacci subito abbiamo dovuto vincere la resistenza della gente, portarla fuori di casa. Concertini, tornei, karaoke. Si trattava di restituire un po’ di orgoglio, di sfruttare il cuore e il calore di tante famiglie venute dal Sud. Soprattutto di ribaltare quell’etichetta che ti faceva sentire emarginato, brutto. Abbiamo coniato il “Cep Pride”».  

Un’altra parodia…  
«Insomma non si volevano costruire scenari da Mulino Bianco, in fondo non esistono in alcuna città, ma migliorare la qualità della vita, sì. E, in qualche modo, ci siamo riusciti. E la conferma viene dal fatto che il riscatto è quasi più percepito da fuori che da dentro il quartiere. Significa che il Cep ha cambiato pelle senza accorgersene, in modo naturale».  

Ha portato al Cep, Beppe Grillo, l’Orchestra del Carlo Felice e tanti nomi noti, poi però ha lasciato la farmacia.
«Nel 2007 l’ho ceduta. E da quel momento mi dedico al volontariato. Voglio restituire al Cep quello che mi ha dato».  

E’ diventato pure un manager sportivo.
«Che vuol farci, da ragazzino abitavo a pochi chilometri da Cantù. Il basket è una passione, Pierluigi Marzorati è stato il mio testimone di nozze. Sono presidente di Nba Zena, squadra femminile di B, l’unica che in città disputa un campionato nazionale».

Cosa non le piace dei genovesi?
«Mah… Diciamo che il vostro atteggiamento di basso profilo non è nelle mie corde. Non bisogna fare come i “bauscia” ma neppure tenere tutto nascosto. Insomma una via di mezzo… Qui ci sono realtà bellissime e sconosciute, per esempio nel sociale».

IL QUARTIERE
LA BANLIEU CERCA IL RISCATTO
Negli anni Ottanta considerato il “Bronx” della città (a causa di numerosi episodi di cronaca nera) il Cep, sulle alture tra Prà e Voltri, da anni ha intrapreso la via del rilancio grazie al l’attivita del Consorzio Pianacci e di altre associazioni di volontariato impegnate in prima linea nel sociale.
LA VOCE SOLISTA DI SERAFINA MANNA, L’EX FORNAIA DEL CEP
La voce solista di “.. ma…la Padania ‘ndo sta?” è quella di Serafina Manna, ex fornaia del Cep e compagna del cantante Aldo “Cat” Panzica, uno dei più popolari interpreti musicali e conduttori di karaoke, deceduto improvvisamente l’agosto scorso all’età di 34 anni (al termine della canzone è ricordato con una dedica nel video). E’ la parodia della canzone “Sarà perchè ti amo”, dei Ricchi e Poveri.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.