l’uomo che sussurrò: “quello sono io…”

l’uomo che sussurrò: “quello sono io…”

 

 

 

…si avvicina questo gentilissimo e distinto signore che, indicando uno dei giocatori del Cagliari scudettato, sussurra, con un pizzico di comprensibile orgoglio: “Quello sono io…”…

 

 

 

Stamane l’amico Marco Molfino mi ha inviato questa foto (la parte sulla destra), che ci ritrae con Giuseppe Tomasini, difensore del Cagliari che nel 1969-1970 vinse lo scudetto, trascinato dal mitico Gigi Riva.

Questa foto è stata scattata il 18 gennaio 2014.

Con l’NBAZena siamo impegnati nel campionato di Serie A2 e quel giorno affrontiamo, in trasferta, l’Astro Cagliari.

E’ la partita del debutto del nuovo allenatore, Vittorio Vaccaro, e di una nuova giocatrice, Valentina Costa, che sostituisce Elena Bestagno, trasferitasi pochi giorni prima in Serie A1, a San Martino di Lupari.

Vinciamo largamente quella partita (73-53), e l’unica difficoltà è rappresentata dal viaggio di ritorno: il maltempo impedisce l’atterraggio a Pisa, con volo dirottato su Bologna e da lì a Pisa, per recuperare i pulmini per tornare a Genova.

Un “sacrificio” ben sopportato, in una stagione fantastica in cui sfioriamo il colpaccio della promozione in Serie A1…

Ma torniamo alla foto…

In attesa della partita io e Marco andiamo a prenderci un caffè nel bar di una stazione di servizio di fronte al palazzetto.
Non sfuggono alla nostra attenzione le tante foto in bella vista nel bar, tutte foto di quel fantastico Cagliari, che annoverava tra le sue fila diversi giocatori che avrebbero poi conquistato, con la nostra nazionale, la finale ai Mondiali 1970.

Ci stiamo appunto scambiando alcuni aneddoti quando si avvicina questo gentilissimo e distinto signore che, indicando uno dei giocatori del Cagliari scudettato, sussurra, con un pizzico di comprensibile orgoglio: “Quello sono io…”

In pochi minuti, piacevolissimi, con Giuseppe Tomasini riusciamo a soddisfare alcune curiosità sulle “leggende” che circondavano Gigi Riva e l’allenatore Manlio Scopigno, talmente fuori dai cliché di quel periodo da essere soprannominato “il filosofo”…

nessun ritiro (per le partite in casa la squadra si ritrovava la domenica mattina alle 10 in un hotel cittadino) e massima fiducia nella responsabile autogestione dei giocatori nella loro vita privata. 

Giuseppe Tomasini
(clicca per ingrandire)

 

Tomasini è titolare di quella squadra; è arrivato a Cagliari, dal Brescia, nel 1968, in tempo per entrare nella leggenda…

subito un secondo posto nel campionato vinto dalla Fiorentina (con qualche “sassolino” ancora nelle scarpe..) e l’anno successivo quello che per tutti gli isolani sarà per sempre non “uno scudetto” ma “lo scudetto”.

Nel 1970 un grave infortunio ad un ginocchio gli impedisce di prendere parte alla spedizione azzurra ai Mondiali, ma lui la prende ora con molta filosofia…

“Se avessi giocato in quella nazionale, magari il presidente mi avrebbe ceduto ad uno squadrone, ed io mi sarei perso tutti questi anni in Sardegna”.

 

Eh sì, perché Tomasini da Cagliari non si è più mosso…

gioca 9 anni consecutivi con i rossoblù, fino al campionato 1976-1977 con il quale conclude, a soli 31 anni, la sua carriera da calciatore…
rinuncia ad alcune opportunità come aiuto allenatore che lo avrebbero costretto a lasciare l’isola, costringendo al trasferimento anche la famiglia…

decide di gestire una pompa di benzina, con annesso un piccolo bar…

chissà, forse è lo stesso in cui, il 18 gennaio 2014, un distinto signore sussurrò, con un pizzico di comprensibile orgoglio: “Quello sono io…”…

 

 

la formazione del Cagliari 1969-1970
(clicca per ingrandire)

 

(clicca per ingrandire)

 

 

io, Tomasini e Marco Molfino
(clicca per ingrandire)

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.